Goodmorning Brescia (185) – Letteratura e Teatro, che splendido connubio!

.

Con tenacia e ferrea volontà, il Centro Teatrale di Brescia e l’Università Cattolica del Sacro Cuore non si lasciano scoraggiare dalle mille difficoltà frapposte dall’incarognirsi del Covid, e cercano di portare avanti anche in questo difficilissimo 2020 i cicli di conferenze che, come recita il titolo di questo articolo, hanno come scopo quello di collegare ad altissimo livello quanto viene portato in palcoscenico con le opere letterarie e le situazioni storiche e culturali che li hanno ispirati.  Perché, per “vedere” meglio uno spettacolo, bisogna prima “capire” come e perché.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Bandera-982x1024.jpg

Introduce la conferenza stampa di presentazione il Direttore del C.T.B. Gian Mario Bandera

«È il quindicesimo anno di approfondimento dei testi teatro in collaborazione con l’Università attraverso conferenze aperte in primis agli studenti della Cattolica, ma anche nel rispetto della normativa anti Covid, a ogni persona interessata. Nella seconda parte della stagione si riprenderà anche con i pomeriggi del CTB

Concludono il suo breve intervento i ringraziamenti a Lucia Mor e al direttore della Cattolica  Giovanni Panzeri (assente per altro impegno) per la dedizione e ,a passione con le quali si dedicano a questa iniziativa di grande respiro culturale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LuciaMor-977x1024.jpg

Lucia Mor conferma che le due rassegne proseguiranno fnché al pieno impegno dei due enti interessati si affiancherà il positivo riscontro che fin dall’inizio è si è ricevuto dal pubblico bresciano. 

«Gli incontri si terranno nella sala polifunzionale (ex cinema Ambra), la più grande a disposizione con oltre trecento posti (che ovviamente saranno opportunamente ridotti per attuare un efficace distanziamento). In ogni appuntamento si seguirà il solito protocollo tecnico di sicurezza anti-pandemia che comprende anche la sottoscrizione obbligatoria da parte di ciascun partecipante di apposita autocertificazione

Le opere oggetto di attenzione e di dibattito saranno sei (vds, tabella in calce) di cui due grandi classici: “Le Baccanti” di Euripide (la fatale disarmonia tra umano e divino) a cura di Corrado Cuccoro, affiancato per la lettura da Silvia Quarantini«Amleto» di William Shakespeare (che torna dopo essere stato già trattato in precedenti rassegne) di cui si occuperà in modo però non convenzionale Francesco Rognoni  coadiuvato nelle letture da  Antonio Palazzo attore di estrazione CUT formato da Candida Toaldo.

Le altre opere appartengono tutte al 900: «Pigmalione» (ovvedo della cultura usata strumentalmente come strumento di supremazia), «La pazza di Chaillot» (una battaglia ecologica quanto mai attuale) e due opere di Thomas Bernhard:  «Ritter, Cene, Voss»  (il più messo in scena in Italia) e «Piazza degli Eroi» (atto di accusa contro l’intolleranza che prende le mosse dall’Anschluss – mai messo prima in scena in Italia).

..

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leonessa.png   Bonera.2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *