Post It (16) – Parlino gli uomini, adesso!

Per questo numero di Post It lascio volentieri il timone a Patrizio, che l’argomento trattato, da sempre, ha particolarmente a cuore. 

.

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

.

Il copione è triste, visto e rivisto, stantio.

Non c’è più nessuno stupore nell’uccisione dell’ennesima donna: mentre ancora il suolo è macchiato di sangue, si rincorrono solo accorate frasi di repertorio e invettive velleitarie e becere.

Quando non accade che (davvero al peggio non c’è mai fine) nella responsabilità di un pestaggio, di un femminicidio domestico, di una bestiale violenza carnale consumata dietro un cespuglio in un sudicio vicolo, nell’androne di un palazzo, viene coinvolta anche la vittima, perché troppo remissiva, poco prudente, troppo spregiudicata, troppo scollata… insomma, troppo.

Poi, certo, dopo ogni massacro e ogni stupro, vengono le conferenze, le veglie, le manifestazioni, il trionfo del rosa, delle scarpe rosse, delle mimose. Donne che protestano, che denunciano, che chiedono rispetto e sicurezza, riunite tra loro come se fossero una consorteria o una setta, non la metà (forse la migliore) di questo mondo impazzito.

E gli uomini? Dove sono gli uomini in tutto ciò?

Quelli bravi, intendo. Quelli che non picchiano le proprie compagne e non vanno in giro di notte come lupi in caccia di agnelli, e credono che, con questo, la coscienza sia a posto.

Beh, loro compaiono nelle proteste e nelle rivendicazioni di autentica parità solo se portati a rimorchio dalle loro compagne. Piuttosto che come padri, mariti e compagni, preferiscono esporsi, al massimo, in qualità di esperti: psicologi, sociologi, filosofi, giornalisti, scrittori e quant’altro.

Invece no, signori uomini, così non basta. La faccia, dovete metterci: e non si tratta solo di scendere in piazza, dietro a questo o a quello striscione, ma d’impegnarsi giorno dopo giorno nella vita vera. Rispetto ovunque nei confronti della donna: a cominciare dall’ambito famigliare, e poi a scuola, in ufficio, evitando di lasciarsi coinvolgere in stereotipi sessisti persino nelle sguaiate chiacchiere da bar.

Difficile, vero?

Ma ce la potete (e ce la possiamo) fare.

 

Categorie: Giorni d'oggi.