Sbuffi di Ponentino (6) -Qualità e quantità nella II edizione di «Va in scena lo scrittore»

.

Ottocento è un numero importante.

E quando questo numero esprime il numero dei partecipanti a un concorso letterario e teatrale, diventa ancora più importante. 

.

.

È il caso di «Va in scena lo scrittore», competizione letteraria e tetarale organizzata dalla FUIS (Federazione Unitaria Italiana Scrittori) l’organizzazione di categoria degli scrittori italiani che li rappresenta, ne tutela gli interessi ed agisce per la salvaguardia del diritto d’autore. Direzione artistica di Ermete Labbadia.

Al termine di un’articolata e severa selezione delle opere pervenute, suddivise in cinque “categorie” (scrittura teatrale, racconti, poesie, monologhi e autori di testi di canzone), lo scorso giovedì, 17 maggio 2018, nella nuovissima quanto accogliente ed elegante sede di Lungotevere dei Mellini 33, nel centro della Capitale, si è tenuta la premiazione della II edizione.

Il riuscito appuntamento introdotto e presentato dall’attrice Giovanna Cappuccio, ha visto la presenza, in rappresentanza della FUIS, del Presidente prof. Natale Antonio Rossi, con gli interventi di Simone Di Conza.

.

.

Questo l’elenco dei premiati scelti dalla folta e qualificata giuria composta da Fabrizio Angelelli, Federico Baldini, Carlo Bernardi, Manuela Boccanera, Vito Bruschini, Sabrina Crocco, Veronica D’Appollonio, Isabella Deiana, Gabriella Deodato, Armando Di Lillo Marzia Ercolani, Patrizia Iovine, Alessandra Kre, Luigi Manzi, Debora Mattiello, Marcella Mitaritonna, Luca Mordenti, Anna Moretti, Belinda Patta, Manuela Pinetti, Antonella Rizzo, Stefania Severi, Gianluca Testa, Eleonora Totaro, Roberta Valdes, Marisa Vallone, Luciana Vasile:

.

SEZIONE SCRITTURA TEATRALE:

Primo premio: “Diciannove + uno” di Patrizio Pacioni 
Secondo Premio: “I tacchini che facevano la ruota” di Yousef Wakkas
Terzo Premio: “Tecnolandia” di Luca Laurenti
Quarto Premio: “Il giovane premier (Italexit)” di Emanuele Cerquiglini
Quinto Premio: “Alphabet K.” di Flavia Chiarolanza

SEZIONE RACCONTI:

Primo premio: “Amina” di Carmela D’Ascoli
Secondo Premio: “I gelsomini del Punjab” di Samantha Falciatori 
Terzo Premio: “L’uomo ombra” di Paola Nazzaro
Quarto Premio: “Ugo il tarlo” di Maria Lorello
Quinto premio: “AAA Santo in Paradiso cercasi” di Antonina Giordano 
Miglior testo per essere letto: “Bianco come ascensore” di Laura Daniele

SEZIONE AUTORI DI TESTI DI CANZONI:

Primo Premio: “Nanni” di Iacopo Ligorio
Secondo Premio: “Come in un film” di Manuel Giancarlo
Terzo Premio: “Il segreto” di Alessandro Viti
Quarto Premio: “Regina del niente” di Manuela Galasso 
Quinto Premio: “L’amore che ho dentro” di Antonella Braccia
Miglior testo per essere letto: “Sottovoce” di Andrea Riso

SEZIONE POESIE:

Primo Premio: “Come rosa in gennaio” di Tiziana Gabrielli 
Secondo Premio: “Diciannove e zero otto” di Davide Rocco Colacrai 
Terzo Premio: “Amatrice” di Gloriana Solaro
Quarto Premio: “Tu Stai” di Anna Rita Murano
Quinto Premio: “La partenza” di Patrizia Palmieri
Miglior testo per essere letto: “Nodi” di Alexandra Mc Millan
Miglior testo per essere letto: “Mille metri di mondo” di Vincenzo Ruggero

SEZIONE MONOLOGHI:

Primo Premio: “Scossa” di Giovanna Fileccia 
Secondo Premio: “Gestazione dell’addio” di Lucianna Argentino
Terzo Premio: “Le implicazioni della palestra” di Stefania De Ruvo
Quarto Premio: “Frena Frenia” di Veronike Jane
Quinto Premio: “Per un pietoso baro” di Antonella Alfano
Miglior testo per essere letto: “Stella” di Debora Scalzo

.

Esauriti numeri e nomi, un paio di brevi ma significative osservazioni.

La prima è che lo straordinario successo di «Va in scena lo scrittore» premia l’azione di un’organizzazione (la FUIS, appunto) che, oltre a proporsi come interlocutore con enti pubblici e privati per migliorare leggi e normative che permettano agli autori di esprimersi liberamente, di vigilare affinché agli scrittori giungano i diritti d’autore che spettano e che permettano loro di vivere del proprio lavoro intellettuale, sensibilizzare l’opinione pubblica sul fatto che non può essere arte senza che ci sia retribuzione dell’autore, o ffrendo agli scrittori occasioni di promozione di se stessi e delle opere del loro ingegno e aiutandoli nei momenti di difficoltà (scusate se è poco), attrabverso l’ideazione e l’organizzazione di concorsi letterari permette ai migliori autori di misurarsi con gli altri e di mettersi in luce.

.

.

La seconda riguarda, invece, l’affermazione nella sezione “scrittura teatrale di «Diciannove + Uno». Il dramma di Patrizio Pacioni che prende le mosse dalla misteriosa scomparsa nel Mediterraneo della motonave Hedia, avvenuta nel 1962, e dal complesso intrico di complotti legati alla guerra di Algeria e alla lotta per lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi del nord Africa, ha ricevuto e continua a ricevere apprezzamentie  riconoscimenti. Tra pochi mesi, nel prossimo agosto, andrà in scena a Marone (BS) nella nuova versione, rivisitata e riscritta dall’Autore per la compagnia Lanterna Teatrale, con Fabrizia Boffelli, Carlo Hasan e Lorenzo Trombini.  Una nuova “prima” alla quale, ci si augura, seguiranno numerosissime repliche anche in numerose altre regioni d’Italia.

.

.

L’appuntamento con la FUIS è fissato per la terza edizione di «Va in scena lo scrittore» (obbiettivo 1000) e per le altre molteplici e prestigiose manifestazioni promosse da un’associazione alla quale tutti gli scrittori dovrebbero aderire.

Le foto inserite a corredo di questo articolo sono state scattate da Roberto Terelle.

.

.

    Vestale

Categorie: Giorni d'oggi.