Ex Libris (20) – L’Architetto Tarquini costruisce su due piani

.

È un libro solo, ma è come se fossero due.

Ovvero, la storia è quella di Alberto Malini nato nel 1946 (proprio come l’Autore, guarda un po’ a volte il caso), insieme alla Repubblica nata dalle ceneri del secondo conflitto mondiale, appunto. Solo che la narrazione della vita del protagonista (architetto proprio come l’Autore, ri-guarda un po’) e al tempo stesso testimone  dello scorrere del tempo e dell’evolvere, nonché dell’involvere, di una società complessa e variegata come quella italiana, risulti drasticamente divisa in due.

Le prime centoquarantasei pagine scompongono la giovinezza dell’architetto Malini in una serie di “capitoli-racconti” che, inizialmente, riguardano essenzialmente personaggi collaterali attraverso i quali viene scandito lo scorrere del dopoguerra e del boom economico, per poi calare sul protagonista impegnato negli studi luceali e universitari e, soprattutto, in quel difficilissimo e mai tranquillo passaggio tra adolescenza e maturità.

Dopo di che, direi a sorpresa, cambia tutto: accelera il ritmo, cambia lo stile  con l’inserimento di una buona dose di dialoghi, quasi assenti nella prima parte, cambia il genere della narrazione che, divenuta serrata fino all’apnea, si trasforma, se si permette il neologismo, un “giallo-politico-economico con risvolti noir” dal sorprendente quanto imprevedibile finale (ma sarà realmente, il finale?)

La lotta è quella, eterna, tra il bene (che il disincantato e un po’ edonista architetto Malini interpreta a modo suo) e il male, impersonato da “piccoli poteri occulti” del tutto privi di morale e scrupoli. In particolare tra chi vuole davvero “costruire” per la città e per i cittadini e chi, invece, punta solo a una speculazione becera e predatoria. Interpretata e raccontata in un’ottica diversa dal solito, e già questo non è poco.

Di davvero omogeneo, in tutto il libro, c’è la pulita correttezza della scrittura, la meticolosa cura applicata dall’Autore nella discrezione di personaggi-ambienti-situazioni, la discreta (ma non troppo) presenza di architettura e urbanistica, dello sviluppo della polis, intesa sia in senso estetico che come interconnessione civile e sociale tra i suoi abitanti, l’impressione costante di un Scrittore che sa raccontare di altri ma anche di sé, offrendo al lettore la propria esperienza di formazione culturale e politica, gli ideali, le speranze realizzate e quelle spezzate, in un’ottica dolceamara di anni che troppo velocemente vanno via, scorrendo come sabbia tra le dita.

.

.

Titolo: Coetaneo della Repubblica

Autore: Aldo Tarquini

Anno: 2017

Edito da: Europa Edizioni

Collana: Edificare Universi

Pagine: 316

Prezzo:  15,90 €

ISBN: 978-88-9384-332-4

.

.

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.