Vero Sport (2) – Cristian Toninelli: che passione, faticare sulla neve!

.

La nascita di una pratica riconosciuta e certificata degli sport per disabili risale al dopoguerra, più esattamente al 1948.  In quell’anno Ludwig Guttmann, neurochirurgo tedesco, nominato subito dopo la fine della guerra, in Inghilterra, direttore del centro delle lesioni spinali di Stoke Mandeville, ideò, organizzò e realizzò i primi giochi per persone disabili mielolese, limitando la competizione, in quell’occasione, alla disciplina del tiro con l’arco. Quattro anni più tardi, grazie alla partecipazione di una delegazione olandese, i giochi divennero “internazionali”.

Bisognò attendere fino al 1960 perché, a Roma, i giochi paralimpici si svolgessero nella stessa località e nelle settimane immediatamente successive, delle Olimpiadi maggiori.

Ai campi sportivi dell’Acquacetosa sfilarono, di fronte a un gran numero di spettatori, quattrocento atleti, in rappresentanza di ventitré paesi. Il gruppo italiano, il più numeroso, conquistò  nelle discipline di atletica, scherma, basket, ping pong, tiro con l’arco e biliardo, più di ottanta medaglie, di cui ben ventotto d’oro.

Integrazione culturale, lotta alle barriere architettoniche e ideologiche, inclusione e integrazione dei disabili sono i valori più evidenti cui si ispirano i Giochi. La disabilità vista in positivo, cioè per ciò che un disabile può riuscire a fare, non per ciò che non riesce a fare.

Differenza non solo semantica, per quanto ovvio.

.

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

.

Passando per una volta dalla mia amata rubrica «Goodmorning Brescia» (ma senza necessità di allontanarmi troppo dalla mia amata Leonessa d’Italia, ieri mattina ho avuto l’opportunità e il piacere di intervistare Cristian Toninelli, atleta della  Polisportiva Disabili Valle Camonica che, prossimamente, partirà per la Corea per partecipare alle Paralimpiadi.

Continuando la lettura di questo articolo, potrete sapere cosa ne è venuto fuori.

.

 

.

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

.

Cristian, perché tra tanti sport, hai scelto di praticare proprio lo sci di fondo?

 

Ho sempre amato lo sport e la natura. Ho giocato a calcio per molto tempo e, a causa della passione che nutro per i begli scenari e per la fotografia, mi ritrovo molto spesso a fare lunghe e impegnative camminate in montagna. Quanto allo sci, è stato un caso: poco più di un anno fa, venendo in contatto con la Polisportiva Disabili Valle Camonica ho avuto modo di mettere ai piedi “seriamente” un paio di sci e… è stato amore a prima vista. 

.

Alle Paralimpiadi come ci sei arrivato, avendo così poco tempo a disposizione?

Ci sono arrivato… in extremis! Lo scorso dicembre in Canada, in occasione della mia prima partecipazione a una gara di Coppa del Mondo, ho ottenuto un ottimo piazzamento, che mi ha consentito di ottenere i punti necessari per la qualificazione alle Olimpiadi . Poi è seguito un altro buon risultato (15°), in Germania, sempre per la Coppa del Mondo. 

.

Con te la Polisportiva Disabili Valle Camonica rinnova e rinverdisce una ormai consolidata presenza ai Giochi Paralimpici invernali (Torino 2006, Vancouver 2010, Sochi 2014) ed estivi (Rio de Janeiro 2016). Ci saranno altri “compagni di squadra” con te?

Per lo sci di fondo sarò l’unico italiano. Ma nello sci alpino sarà con me  il bravissimo Davide Bendotti.

.

 

Dicci qualcosa di più sulla tua Polisportiva.

.

La Polisportiva è operativa da oltre venti anni, con risultati agonistici strepitosi in tantissime discipline sportive, impegnando e preparando nel miglior modo possibile atleti disabili fisici e mentali Sotto la guida della Presidente Gigliola Frassa, di Darfo, appassionatamente affiancata e supportata dal marito Angelo Martinoli, grazie al lavoro di tanti volontari, l’Associazione sta ottenendo risultati sempre più prestigiosi. di Darfo ne sono le anime, dal tiro con l’arco alla carabina, trattano parecchio la disabilità mentale Fanno girare moltissimi ragazzo a  grandi livelli. Tantissime medaglie.

.

.

Cosa vuol dire essere un atleta famoso nella comunità in cui si vive abitualmente?

Per dire la verità, l’inizio non è stato semplicissimo. Ero visto come un tipo stravagante, che si era permesso l’azzardo di lasciare un “posto fisso” per tentare l’avventura nello sport. Man mano che arrivavano i successi, però, la situazione è radicalmente cambiata e tutti, ma dico proprio tutti, hanno espresso apprezzamento su quel che è una vera e propria scelta di vita. Una scelta che ha un suo prezzo, inevitabilmente: non è come facile come potrebbe sembrare a prima vista, alzarsi ogni mattina all’alba per andare  a correre sui saliscendi delle nostre montagne e faticare in palestra nella stagione buona e arrancare sulla neve nelle gelide giornate d’inverno… 

.

Manifestazioni come le Olimpiadi e le Paralimpiadi, credo, costituiscono una straordinaria esperienza anche dal punto di vista umano.

Dei partecipanti della nostra spedizione ne conosco pochi, dunque sarà un piacere fare nuovi incontri e scambi d’idee. Con qualcuno degli atleti stranieri abbiamo già avuto occasione di conoscerci ma sarà certamente molto bello ritrovarsi e frequentarsi avendo a disposizione tanto tempo.

.

E siamo arrivati, per concludere, alla domanda con la D maiuscola che non potevo (e non volevo) evitare di porti: con quali speranze e obbiettivi partirai per la Paralimpiadi? E dopo? Che succederà, dopo?

Il mio allenatore sostiene che, avendo cominciato solo un anno fa ad allenarmi professionalmente, nonostante non sia giovanissimo anagraficamente (ho 29 anni), dispongo di un fisico non ancora sfruttato fino in fondo, dal che consegue che le mie vere potenzialità restano ancora da scoprire completamente. In questa ottica le Olimpiadi coreane serviranno innanzitutto per favorire la mia crescita personale, poi l’anno scorso in Canada si tenterà di entrare nei primi dieci del mondo, in vista delle successive Paralimpiadi. Obbiettivi realistici per la Corea? Intanto parteciperò a tre gare: la 20 km libera, la 10 km classica e lo sprint. I favoriti son russi e ucraini, con l’eccezione, per lo sprint, di un atleta francese davvero fortissimo. Per me si punta a confermare il quindicesimo posto ottenuto in Germania. La convinzione c’è, ma non sarà certo semplice riuscirci. .

.

Ricordami le date.

Si parte il prossimo 2 marzo e si farà ritorno il successivo 22. Ci sta un “in bocca al lupo”?

.

CERTO CHE SÌ:   «IN BOCCA AL LUPO, CRISTIAN

.

 Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.