Il Mostro della laguna, la Bella, la Bestia e la guerra fredda

.

Prima data di uscita1 dicembre 2017 (USA)
Regista: Guillermo del Toro
Budget19,5 milioni USD
Premi e nominations: Leone d’Oro alla 74/ma Mostra di Venezia, due Golden Globes (miglior regista e colonna sonora ad Alexandre Desplat), ben quattro Critic’s Choice e 13 nomination all’ Oscar 2018.
.

.

TRAMA

Avventura, spionaggio, thriller, fiaba.

La vicenda si svolge nel 1963, in piena guerra fredda. Elisa (interpretata da Sally Hawkins), giovane donna muta, fredda e sensuale allo stesso tempo, lavora da addetta alle pulizie in un centro scientifico segretissimo di Baltimora, gestito dai servizi segreti americani. Insieme a lei lavora l’amica di colore  Zelda (Octavia Spencer), persona sensibile  e di grande saggezza. Altra persona cara è il vicino di casa Giles, discriminato sul lavoro per la sua omosessualità. Un giorno, Elisa scopre che all’interno dei laboratori è tenuta in cattività e sottoposta a crudeli esperimenti una creatura anfibia.  In poco tempo tra Elisa e l’uomo-pesce dalla natura (forse) divina, nasce in breve tempo una straordinaria sintonia che porterà la ragazza a cercare con ogni mezzo di strappare la creatura dalle “attenzioni” del perfido Strickland (Michael Shannon) e dal conflitto di spie giocato sulla sua testa. Non le sarà facile né indolore, naturalmente.

IL FILM

I temi trattati, vale a dire il rapporto mai ben definito tra l’apparenza e il reale, il perenne conflitto tra il bene e il male,  la stolida cecità di chi, ogni giorno, vende anima e corpo al Potere, la forza salvifica, miracolosa ma sempre fragile dell’Amore, l’irrinunciabile necessità della solidarietà umana, non sono certo originali.

Originale, però, e ben realizzato, è l’approccio con il quale  Guillermo del Toro s’ingegna a trattarli in questo film di grande suggestione, utilizzando diverse stringhe narrative e una moltitudine di “generi” ritenuti, generalmente, poco integrabili tra loro. C’è la fantasia della fiaba (trasparenti i riferimenti a «La bella e la bestia», il ritmo serrato di una storia magico-horror (l’iconografia di «Il mostro della Laguna Nera» appare cucita sulla pelle dell’uomo pesce di questo film), l’intrigo di una spy story (rese benissimo le atmosfere dei conflitti tra servizi segreti degli anni ’50 e ’60), il romanticismo (gli sguardi furtivi e le appena accennate carezze che precedono e preparano il fatale innamoramento), l’eros più profondo e coinvolgente, quello che non si muove per immagini  ma per immaginazione (il culmine, in questo, è l’immagine di Elisa che entra nuda nella vasca da bagno in cui l’attende la creatura fuggiasca).

Bravissimi gli attori, tutti, ma Sally Hawkins un po’ più in alto degli altri. Azzeccata la fotografia, attenta e fantasiosa la regia, con sorprendenti momenti di puro surrealismo (uno, retrò, bellissimo, in bianco e nero) e inserti di sound e di danza di grande efficacia. 

 

.

Categorie: Teatro & Arte varia.