Ex Libris (13) – L’impareggiabile candore di chi ha vissuto

La storia è romantica, quasi ottocentesca: una famiglia dell’aristocrazia (economica, in questo caso), una ragazza bella, trasparente ma di censo troppo basso per il fascinoso rampollo, una matriarca gelida e malvagia. Un matrimonio che non s’ha da fare, insomma, un perfido inganno, con la non lieve complicazione di un incidente che sfigura (irrimediabilmente?) la giovane artista figlia del popolo, facendo scoccare la scintilla di una perfida macchinazione contro l’Amore che però, alla fine…

In realtà quello di Salvatore Buccafusca, una vita bene spesa per il teatro, sia dietro che davanti al sipario, si rivela un romanzo di gradevole lettura snello quanto basta, con tutti i personaggi, anche quelli secondari, tratteggiati con poche ma significative pennellate di colore.

Una Maschera per vivere (Casa Editrice Serena) si rivela un tuffo nell’ingenuità e nella limpida acqua dei sentimenti più semplici e naturali, delineati con tratti netti e inequivoci; un’opera prima senza inserimento di stratosferici coefficienti di difficoltà, ma che rivela un grande equilibrio di struttura e buona appropriatezza di scrittura da parte di un  Autore che, per la lunga militanza artistica, di vita vissuta e narrata ne ha conosciuta e ne conosce più di molti altri.

.

Salvo Buccafusca, oggi imprenditore da tempo è impegnato nel mondo del Teatro Sociale.  In tale ambito  si è proposto come coautore e/o curatore di testi dedicati al delicato tema  dello stragismo (con lo spettacolo Alle due i monaci tornano in convento, rappresentato in anteprima nazionale al Teatro Parioli e poi in decine di città italiane,con un riferimento specifico al ruolo dell’ala estrema dei Corleonesi nell’omicidio del Giudice Falcone) e alla complessa serie di avvenimenti che fanno pensare ai Servizi Segreti deviati. 

De La verità nell’ombra di Patrizio Pacioni (dramma incentrato sulla strage di Portella della Ginestra , sulla morte di Salvatore Giuliano e sul ruolo ambiguo di Gaspare Pisciotta) e di Diciannove + uno, sempre di Patrizio Pacioni (rivisitazione della misteriosa scomparsa  nel Mediterraneo meridionale e della  oscura morte del presidente dell’ENI, EnricoMattei, ha curato la traduzione drammaturgica.

Entrambi gli spettacoli sono stati rappresentati in anteprima presso il Teatro Golden di Roma e in molti altri Teatri e Università Italiane).

 Attore in altre rappresentazioni teatrali (La fine all’alba, Lungo le strade di GInsberg, Roma la Capitale, in cui ha interpretato il ruolo di Pippo Calò, il referente di Cosa Nostra nei rapporti con la Banda della Magliana Bazar, L’ultima canzone in cui ha incarnato il ruolo di Osvaldo Pugliese, il più grande maestro nella storia del tango).Diplomato con un corso in arti sceniche e scuola di arti drammatiche al Centro studi la Ribalta di Enrico Maria Salerno. Ha recitato con la Compagnia Stabile e con la Compagnia Horti lamiani e altre in opere di Eduardo De Filippo, di Federico Garcia Lorca e di Skakespeare .

Salvo Buccafusca è stato per molti anni, anche scenografo della Compagnia Stabile Assai, uno dei più noti gruppi di teatro sociale della scena nazionale, di cui rappresenta un sicuro storico riferimento identificativo.

Per quanto riguarda la scrittura, si è già cimentato, in passato, nella redazione di altri due saggi: “Una vita in gioco” e “Il fratello segreto” che hanno ottenuto un significativo successo di critica.

.

Titolo: Una maschera per vivere

Autore: Salvatore Buccafusca

Editore: Casa Editrice Serena:

Anno: 2017

Pagine: 196

Prezzo: 15 €

ISBN: 978-88-941654-8-7

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.