Da Chioggia a Roma, per ‘Diciannove + Uno’: un viaggio del cuore

I chioggiotti sono gente di mare, da sempre.
E come sempre accade in questi casi,  dal mare molto hanno preso, ma al mare molto hanno dato.
Tra i marinai dell’Hedia, nave da carico partita da Venezia per raggiungere la Spagna e non fare mai più ritorno, ben quattro erano di Chioggia.
Mi sono incontrato con loro a Sottomarina, al di là del ponte che separa una meravigliosa città d’arte da una spensierata “fabbrica” di svago e relax. Due ore di cordialissimo colloquio, giunti ormai alla vigilia dell’attesa  “prima” di Diciannove + Uno, in programma al Teatro Golden di Roma mercoledì 11 maggio (con repliche nelle due serate seguenti)  .

 

Nell’imminenza del debutto del suo dramma, adattato per la Compagnia Stabile Assai da Antonio Turco e Patrizia Spagnoli, in un allestimento che, pur mantenendosi nel solco della tradizione, promette sorprese, Patrizio Pacioni ha voluto incontrare i familiari dei marinai dell’Hedia nella città che più di altre ha visto sacrificati i suoi figli.

 

In mattinata, appena arrivato a Chioggia, lo scrittore romano ha voluto recarsi al vecchio porto per rendere omaggio alla bitta che l’Amministrazione comunale di Chioggia ha voluto posizionare sul molo a memoria della tragica sparizione della nave Hedia e del suo equipaggio, e a testimonianza dell’affetto e dell’imperituro rispetto che la comunità nutre per i suoi figli inghiottii dal mare e dalle sue insidie e per le loro famiglie.

  

L’incontro si è tenuto al Bistrò di Sottomarina, ristorante-bar che si affaccia sulla stessa piazza nella quale si erge un monumento che ricorda, ove ce ne fosse bisogno, la vocazione marinaresca del luogo e lo strettissimo collegamento con i naviganti.

Dopo che il drammaturgo romano ha spiegato in ogni dettaglio i più recenti sviluppi dell’iniziativa , la parola è passata ai parenti degli scomparsi.

《Rammento che mia madre s’impose il lutto subito dopo la scomparsa, e non lo tolse per tutta la vita》 ha ricordato Maurizio Salvagno. Alla fine ne morì, letteralmente di crep<cuore

《Mia madre invece reagì con un attonito sgomento: restava in silenzio per l’intero giorno, non trovando neppure la forza di piangere》 è la triste memoria di Nadia Pagan.

Per Michele Massuto, invece, coinvolto nella tragedia più indirettamente, attraverso la famiglia della moglie,《Il dolore per la perdita risultò talmente lacerante e inconsolabile che in famiglia si decise di farne un tabù di cui si poteva mai parlare》

Giusy Orofino, infine, la cui iniziativa ha dato il via a questo progetto e che ha collaborato alacremente con il drammaturgo,  nella raccolta di informazioni e testimonianze sulla tragedia del marzo 1962, ha espresso l’emozione e l’attesa che accompagnano le ultime settimane che precedono la messa in scena di Diciannove + Uno:

Ancora lei, di concerto con Maurizio Salvagno, si rammarica che all’epoca della disgrazia non ci fosse, come accadrebbe se i fatti si svolgessero ai nostri giorni, la possibilità di esercitare sulle autorità una pressione mediatica  tale da vincere inefficienze e reticenze più o meno volontarie.

Al momento dei saluti Pacioni invita tutti alla prima di Roma, promettendo, per chi non potesse intervenire a causa della distanza,  di fare il possibile e l’impossibile per portare la Compagnia Stabile Assai a Chioggia.

.

  Valerio Vairo

Categorie: Teatro & Arte varia.

Goodmorning Brescia (1) – Al Primo Piano, tra serietà e facezie

PROPRIO COSÌ. DOPO PIÙ DI CENTO ARTICOLI PUBBLICATI PER <GOODMORNING BRESCIA>, SI RICOMINCIA DA ZERO. ANZI DA UNO: CIOÈ DAL PRIMO ARTICOLO DI UNA NUOVA SERIE IN CUI CERCHERÒ DI ESSERE ANCORA PIÙ PROSSIMO E ATTENTO A PERSONAGGI, FATTI, EVENTI, ECCELLENZE, PROBLEMI E PARTICOLARITÀ DELLA LEONESSA D’ITALIA. INSOMMA, INVECE DI FERMARE O SOLO RALLENTARE IL NOSTRO LAVORO (PARLO ANCHE A NOME DEGLI ALTRI ARTICOLISTI) LA DISTRUZIONE DEGLI ARCHIVI INFORMATICI DI QUESTO BLOG NON POTRÀ CHE MOLTIPLICARE IL NOSTRO ENTUSIASMO E IL NOSTRO IMPEGNO.

BONERA.2

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°°*°*°*°*°*°*°*°*°

Affacciandosi dalle finestre del Caffè Letterario Primo Piano, al numero 10 della centralissima via Beccaria, si ha davvero l’impressione di affacciarsi su cuore stesso di Brescia.

Ebbene, con ogni probabilità è proprio attraverso  un’ “affacciata di finestra” che in  Biagio Vinella e  Patrizio Pacioni è scaturita l’idea della serie di talk-show in diretta incentrati sulla brescianità  <e quindi?> che Daniele Bonato, anima del Caffè Letterario, ha immediatamente fatto sua.

La formula è semplice, ma non banale: nei vari incontri (in calendario con puntualità svizzera per ogni ultimo giovedì del mese, “finché i bresciani non dimostreranno di averne abbastanza” ama scherzare Pacioni) si alternano momenti di dialogo di grande profondità e di notevole valenza informativa a intarsi di musica (curati al piano dal maestro Carmelo Buccafusca) e d’intrattenimento (affidati all’agent provocateur-entertainer Andrew S. Marini e a Massimo Pedrotti e agli altri attori della Compagnia delle Impronte). Un mix equilibrato, convincente e vincente che, a quanto dimostrato dai primi due eventi della serie, sta riscontrando un crescente interesse e gradimento da parte del pubblico bresciano.

Venendo all’evento di giovedì sera, davvero al numero 10 di via Beccaria si è data appuntamento l’essenza della femminilità bresciana: politica, cultura, spettacolo, didattica, imprenditorialità, attraverso le testimonianze dell’Assessore Roberta Morelli, della Presidente del CTB Carla Boroni, della Presidente della FIDAPA Adriana Valgoglio Gambato, della Dirigente Scolastica Giulia Coppini, ma anche di donne comuni, alle prese, ogni giorno, con una vita difficile e impegnativa.

Un confronto serio, articolato, di alto livello, condito con informazioni nuove e inconsueti punti di vista.

E musica, e ironia, perché no, perché divertirsi in pieno relax non ha mai fatto male a nessuno.

Anzi.

Serata perfetta, con appuntamento finale alla terza puntata di <… e quindi?> che vedrà in campo <Brescia dell’Altro Teatro>.

E, per chi non ha avuto l’accortezza o la fortuna di essere presente…. ecco un concentrato d’immagini “di per se stesse esplicative“!

.

Da sinistra: Patrizio Pacioni e Biagio Vinella hanno ideato, curano e presentano gli eventi

della serie <…E QUINDI?>Giovedì 31 marzo è stata la volta di <BRESCIA DELLE DONNE>

 

A sinistra il Maestro Carmelo Buccafusca impegnato al piano, a destra Daniela Amoroso e

Mara Capuzzi, della Compagnia Girovaga delle Impronte, si esibiscono nello sketch iniziale.

 

A sinistra, con Pacioni, il  vivace e non convenzionale intervento del performer Andrew S. Marini

A destra una parziale panoramica del foltissimo pubblico che affollava il Caffè Letterario Primo Piano.

 

Ed ecco le vere protagonisti della magnifica serata: con Pacioni e Vinella si sono avvicendate Carla

Boroni, Roberta Morelli, Adriana Valgoglio Gambato, Giulia Coppini. Nel corso dell’evento, 

peraltro, non si è mancato di coinvolgere anche donne presenti in platea come MalikaMonsura, egiziane

  residenti a Brescia da diversi anni, chiamate a testimoniare, tra l’altro, anche sul tema dell’integrazione. 

    Bonera.2

 

Categorie: Giorni d'oggi.

Dalle ceneri

  “Sono cose che succedono” mi dicono gli amici che più mi sono vicini, cercando di consolarmi.

Già, come se fosse facile prendere atto di come, da un giorno all’altro, sedici anni di lavoro, di passione e di costante impegno possano consumarsi come un fuoco di paglia, scomparendo nel nulla.

Nel passaggio dal vecchio provider al nuovo, tutto, praticamente TUTTO quello che il sottoscritto aveva immesso in Rete (racconti, riflessioni, servizi, decine di migliaia di pagine e di foto) sono finiti in una specie di buco nero la cui malvagia presenza non potevo neanche sospettare e della cui inesorabile potenza ancora adesso tardo a rendermi conto.

Quello che è successo è inaccettabile e per me del tutto incredibile.

Il mio stato d’animo, tanto per rendere l’idea, è più o meno di quello di un pedone investito sulle strisce mentre attraversava la strada con il semaforo verde. Di uno che torna dalle vacanze e trova la propria casa devastata e depredata.

Chi mi conosce, però, sa che si tratta solo di uno stordimento temporaneo. Dunque…

Uno sguardo al passato

www.patriziopacioni.it nacque nell’ormai lontano 2001, costituendo un sicuro e accogliente punto di ritrovo non solo per lettori e amanti della letteratura, ma anche per tanti giovani scrittori che proprio dalla pubblicazione negli aggiornamenti del sito hanno iniziato il viaggio verso il successo.

Pensato come iniziativa meramente promozionale tesa a valorizzare e pubblicizzare la mia attività di autore, nel corso degli anni si è trasformato in un autentico e-magazine composto di sottosezioni in cui si trattavano, oltre a ogni possibile tipologia di manifestazione artistica e culturale, temi legati all’attualità, al costume, alla solidarietà e all’impegno civile.

Grazie al fortissimo impegno costantemente sostenuto da me e da alcuni strettissimi amici, e alla entusiastica partecipazione di articolisti esterni, nel corso degli anni si sono accumulati centinaia di migliaia di contatti che hanno permesso l’inserimento di molti degli articoli pubblicati ai primi posti delle statistiche dei principali motori di ricerca, un fortissimo impegno mio e di alcuni amici che si sono succeduti nella collaborazione alla redazione delle varie rubriche che componevano un autentico e-magazine on line, si sono cumulati, giorno dopo giorno, centinaia di migliaia di contatti.

Nel 2008, poi, è nato il blog, ispirato alla cupa città di Monteselva, residenza e riserva di caccia (a disonesti e malfattori) del commissario Cardona. Un diario quotidiano che, oltre a tute le informazioni in tempo reale sulla mia attività artistica e divulgativa, ha dato luogo alla nascita di fortunatissime rubriche, con l’avvento, due anni or sono di “Goodmorning Brescia”, zibaldone informatico attentissimo a eventi, particolarità, personaggi e problematice della Leonessa d’Italia.

In breve tempo la frequentazione del blog ha raggiunto una media di 15.000 visite al mese, con punte giornaliere di 800 contatti.

Da oggi in poi

Si riparte da zero, con più “voglia” e determinazione di sempre.

www.patriziopacioni.it rimane come archivio di ciò che dal disastro la perizia e l’impegno della nuova webmaster Orsola ha potuto salvare.

www.patriziopacioni.com diventerà (tra pochissimi giorni) l’indirizzo principale di un autentico portale da cui sarà possibile avere rapidamente e agevolmente accesso a tutte le iniziative della Rete a me collegate: il blog, il canale youtube, il profilo ufficiale facebook, la messaggistica di twitter, il google account e la “reperibilità professionale” di linkedin, lo store on line… e a tutto ciò di nuovo che ancora verrà.

 

Anteprima immagine    

C’è anche un nuovo indirizzo email: patrizio.pacioni@gmail.com, che prende il posto del vecchio “info”, disintegrato con tutto il resto.

Nuovo design, nuove impostazioni nuove iniziative.

    E la Fenice, superba e forte, rinasce dalle proprie ceneri, e torna a spiccare il volo.

Cosa aspettate ancora? Prendete le vostre cose e venite con me.

   Patrizio Pacioni

(Brescia, 1 aprile 2016 – first day of New Age)

Categorie: Da me a Voi.