Ex Libris (6) – Il primo giallo di Manuela Costantini, ladra di immagini e guida di emozioni

Manuela Costantini, al suo primo romanzo, si presenta ai lettori con uno stile di scrittura solido e, soprattutto, già perfettamente delineato e riconoscibile.

Come dire, se mi si passa un paragone culinario, che gli ingredienti che mette nella grande pentola in cui ribolle il sapido minestrone del Giallo, sono assolutamente gli stessi (delitto, intrigo, sospetti, sbirri, indagini e colpi di scena) usati da centinaia di migliaia di scrittori in milioni di libri editi in tutto il mondo, ma…

… ma assolutamente genuini, provenienti (proseguo ancora un attimo nell’ardita parabola) dall’agricoltura biologica del genere letterario, senza utilizzo di concimi chimici né tantomeno con inquietanti processi da laboratorio tipo OGM. E, soprattutto, dosati con rara maestria e indiscutibile originalità.

Dunque, come si è detto all’inizio, è una firma stilistica bene individuata, quella che Manuela Costantini appone a questo suo primo romanzo (non per niente insignito nel 2014 del prestigioso Premio Tedeschi, il più tradizionale e ambito della letteratura di genere, prevedendo la pubblicazione del testo proclamato vincitore nell’ambito della collana del Giallo Mondadori).

Ci si riferisce, in particolare, ad alcune caratteristiche del modus narrandi dell’autrice giuliese:

  1. L’insolita presenza contemporanea sul proscenio, in contrasto con quella regola dell’ “uomo solo al comando” che impera nella narrativa gialla, di due protagonisti appartenenti per così dire delle “forze del bene”: una coppia ben assortita, capace di opere in piena autonomia tra i suoi componenti ma, allo stesso tempo, mantenendo sempre un importante collegamento simbiotico;
  2. La commistione, portata avanti per tutto il testo, con la giusta misura, tra  il plot poliziesco e non solo il personale dei principali personaggi  (cosa che molti altri narratori riescono a fare egregiamente) ma anche con il loro intimo (impresa già più difficile). Manuela Costantini li sonda continuamente da dentro, nelle emozioni, nei sentimenti e nei disturbi e nei vizi piccoli o grandi che ne travagliano le complesse personalità: così, procedendo nella lettura, s’incontra l’avvocato che si commuove fino alle lacrime quando comincia a cadere la pioggia, il parrucchiere diviso tra deviazioni e  devozione, una dolcissima suora-manager, e ci si trova coinvolti nel problematico rapporto di amore e odio tra sorelle, nella fragilità sentimentale del commissario… e così via;
  3. L’attenzione all’ambiente in cui si svolge la vicenda, pacata ma continua, eccezionalmente presente ma mai invasiva. Ciò che risulta sufficiente, tanto per dire, a fare avvertire al lettore il respiro del mare, carico di salsedine, il sottofondo della risacca che si miscela al rumore del traffico e delle voci di una tranquilla città di provincia e l’odore fragrante  e ammaliante di caffè, zuccheri e lieviti che filtra fuori da bar e pasticcerie.

Questo e altro è Le immagini rubate, un’opera prima che permette di condividere senza esitazione gli elogi espressi in merito da Franco Forte, uno che di certi argomenti se ne intende almeno un po’. E di poter celebrare, senza significative possibilità di errore, l’avvento di  un nuovo e fresco talento nella giallografia nazionale. C’è persino, e se questo non è magia, poco ci manca, in  questi giorni vissuti nell’emozione lacerante di un gravissimo terremoto, un richiamo (di grande suggestione e sconcertante attualità) a un altro sisma, a un’altra città gravemente ferita da movimenti tellurici, in questo caso L’Aquila.

Il libro

Città di mare che potrebbe essere ovunque ma che sospetto (stiamo parlando di un giallo, dopotutto) posizionata sulla costa adriatica. In posizione abbastanza centrale, direi.

Qualcuno si diletta a uccidere (c’è sempre un serial killer in agguato, lì fuori) con uno stiletto, o qualcosa del genere, facendosi carico di scalpare le vittime. La polizia (impersonata dal commissario Pietro Ciccone e dai suoi collaboratori) indaga. Un giovane avvocato stralunato e golosissimo di dolci (Filippo Dolci) collabora con lui, per amicizia e per semplice curiosità mentale. Con il progredire delle pagine la storia s’ingarbuglia quanto basta, altre chiome prendono tristemente il volo, con la brava Manuela Costantini che s’ingegna a imprimere in terra orme che uno scafato segugio può riuscire a individuare e seguire, lanciando contemporaneamente in cielo false piste, come aquiloni colorati che poi, uno per uno, tira giù e sostituisce con altri. Personaggi collaterali s’inseriscono nella narrazione, mai a caso, ciascuno funzionale allo sviluppo della trama e dell’intrigo. Sono molti, ma nessuno di essi rimane solo un nome, un cognome e un ruolo, grazie alla capacità dell’autrice di delinearne personalità differenti con pochi tratti e, soprattutto, all’abilità dimostrata nello scandire un discorso diretto che (com’è nella ricetta del miglior minestrone giallo) costutuisce la parte più consistente della scrittura. Per arrivare allo scioglimento dell’enigma, perfettamente coerente, di quelli che fanno esclamare al lettore disattento frasi tipo “Ma che stupido! Dovevo capirlo, quando...” e a quello più attento “L’avevo detto io che a pagina xx c’era qualcoa che non quadrava“. O robe del genere.

Una storia in cui, senza incorrere in pedanti appesantimenti, fanno capolino suggestivi riferimenti dotti (Catullo con la sua Chioma di Berenice, Callimaco, Foscolo) assolutamente funzionali al dipanarsi della trama.

Un libro che come un altro celebre libro, alla fine “fa tornare a riveder le stelle“. E che profuma di buono, come una brioche appena sfornata (vero avvocato Dolci?)

Beh, come si fa a non divorarlo… in pochi bocconi?

 

   Manuela Costantini è nata in Abruzzo, precisamente a Giulianova, sede in settemmbre del primo festival Giulia in Giallo, organizzato dall’associazione Cultura No Stop e dallo ZenitHotel per la direzione artistica di Patrizio Pacioni. Nel tempo lasciato libero dalla scrittura (probabilmente dovrei dire il contrario, ma mi piace pensare così) lavora da impiegata in una società di servizi. Prima ancora di essere un’appassionata scrittrice, com’è giusto che sia è una attenta e assidua lettrice. Ha pubblicato racconti su antologie, quotidiani e siti letterari. Nel febbraio 2012 il racconto “Le brave persone” è stato pubblicato in appendice ai Classici del Giallo Mondadori.  Nel 2013 il racconto “Le domande sbagliate” è stato pubblicato nell’antologia Mondadori “Giallo 24” e nello stesso anno il racconto “Fine dei giochi” è stato selezionato per l’antologia “Carabinieri in giallo 6”, sempre per i Gialli Mondadori. Nel 2014 (per Delos Digital ), l’ebook “Quasi sempre a ottobre (https://play.google.com/store/books/details?id=AGVYAwAAQBAJ&rdid=book-AGVYAwAAQBAJ&rdot=1&source=gbs_vpt_read&pcampaignid=books_booksearch_viewport),biografia romanzata della serial killer Milena
Quaglini, seguito dal racconto storico “Il ritorno del francese“.

.

Titolo: Le immagini rubate

Autore: Manuela Costantini

Editore: Mondadori

Collana: Il Giallo Mondadori

Anno: 2016

Pagine: 211

Prezzo: 4,90 €

ISBN: 9788852055522

 

   Il Lettore

 

Categorie: Scrittura.

In cauda venenum a Viterbo: ombra su ombra

Viterbo città dell’Arte.

Viterbo città della Storia.

Da qualche anno con CaffeinaCultura, e ancor di più in questa magica estate, grazie all’arrivo di OmbreFestival, Viterbo dei Libri.

Fermo restando il grande richiamo esercitato da Caffeina su lettori e scrittori di tutta Italia dalla kermesse ideata, organizzata e condotta con grande dinamismo ed entusiasmo dal duo Rossi/Boffo cui va riconosciuto anche il grande merito di avere rivitalizzato e reso fungibile a cittadini e forestieri il suggestivo e direi unico quartiere di San Pellegrino, mi vorrei soffermare in questa occasione sul nuovo appuntamento di Ombre.

   

I poliziotti conoscono bene le Ombre, il mistero che racchiudono, la loro minacciosa incombenza sul vivere quotidiano dell’uomo.

Dunque, quando si è trattato di dare un nome al festival del giallo da lungo tempo immaginato e desiderato, non c’è stata nessuna incertezza.

  Mariano Romiti

Ombre Festival nasce dall’esperienza dell’Associazione Mariano Romiti (di cui si parla più in dettaglio in fondo a questo articolo) intitolato all’agente di PS nativo di Vejano (VT) che il 7 dicembre 1979 fu spietatamente giustiziato dalle Brigate Rosse mentre si recava al Tribunale di Roma per rilasciare una testimonianza.

In questa eccezionale cornice di bellezza e di cultura, si sono perfettamente inserite la due presentazione di “In cauda venenum“, nuova duplice avventura del commissario Cardona, che torna ai suoi appassionati lettori dopo sei anni di (troppo lungo) silenzio.

 

Tutto questo tempo non è passato invano” è l’appassionata autodifesa di Pacioni, 

In questi anni, pur lavorando a (molto) altro, non ho mai perso di vista né Monteselva (nella quale, tra l’altro, ho ambientato sia Malanima mia (scritta con la meravigliosa Giovanna Mulas e Il guaito delle giovani volpi), né -tanto meno- l’arcigno commissario Cardona. Si è trattato anzi di un fecondo riposo nel corso del quale mi si sono chiarite nella mente alcune linee guida della saga che comporteranno importanti cambiamanti per i principali protagonisti e l’avvento di nuovi eroi e anti-eroi, alcuni dei quali già cominciano a delinearsi nella doppia storia di In cauda venenum

    (foto di Riccardo Spinella)

 Nella vivace e articolata intervista cui è stato sottoposto nel locale Winter Garden alla presenza di un folto pubblico (tra il quale si è notata l’autorevole e attenta presenza del consigliere del Comune con delega alle pari opportunità Daniela Bizzarri), condotta con grande professionalità e brio dalle brave & belle Cristina Pallotta e Barbara Telluri (con la morbida voce di Giovanna Boccio a interpretare  Diana De Rossi e Luisa Zamboni, rispettivamente amante e moglie di Cardona) Pacioni si è lasciato andare anche ad altre ghiotte indiscrezioni. Prima tra tutte il progetto di calare in modo ancora più deciso e trasparente, nelle indagini e nelle avventure del commissario, alcune problematiche particolarmente e drammaticamente presenti in questo primo scorcio di secolo. In tale direzione andranno i prossimi romanzi ambientati nell’oscura Monteselva.

Alla domanda di cosa ci sia alla base del privilegiato rapporto intessuto con Viterbo e la Tuscia, l’Autore romano ha poi risposto così: 

In primo luogo sono letteralmente infatuato di questi posti, affezionato ai suoi abitanti e… infatuato della sua cucina straordinaria. Inoltre, se ci fate caso, certi scorci di Viterbo ricordano molto analoghe vedute del centro di Monteselva, così come si sono impresse nella mia fantasia e (spero) in quella dei lettori attraverso il mio narrare

A questo punto, però, come premesso e come promesso, ancora qualche parola su chi ha reso possibile il magnifico appuntamento giallo viterbese.

L’ Associazione Mariano Romiti è un’associazione culturale apolitica e apartitica, non lucrativa avente lo scopo di promuovere le attività letterarie.
Ha sede in Viterbo presso il sindacato SIULP, che tramite i Soci Fondatori ne è ideatore e promotore.

Tra le sue attività l’organizzazione di eventi teatrali, concerti, mostre, eventi dedicati a legalità, criminalità, giallo e noir, workshop.

L’attività principale, però,  è l’organizzazione annuale di un Premio di Letteratura Gialla – Noir – Spy Story “Mariano Romiti” che intende essere occasione di incontro tra gli operatori della Giustizia, il mondo letterario e la cittadinanza, promuovendo l’arte, la cultura ed il territorio in memoria di Mariano Romiti, vittima del terrorismo, nonché promotore della formazione del primo sindacato di Polizia.Le iniziative dell’associazione saranno volte alla valorizzazione dell’aspetto umano e sociale dell’operatore di Giustizia.

E queste sono le anime di questo magnifico Festival 2016:

Scrittore e fotografo, nasce nel 1965 a Tuscania. Sovrintendente Capo della Polizia di Stato, vive e lavora a Viterbo. È Presidente dell’Associazione Letteraria Mariano Romiti, insieme a trenta soci fondatori (tutti appartenenti alla Polizia di Stato) crea l’omonimo premio dedicato alla letteratura noir e poliziesca. Con l’Associazione Romiti ha collaborato al festival letterario “Caffeina”, ne ha curato l’organizzazione degli eventi dedicati ad autori e libri di letteratura gialla, oltre a incontri sui temi della legalità. Nel 2008 pubblica il suo primo romanzo dal titolo “L’ultima indagine”, secondo classificato al Premio Fedeli; nel 2014, con CIESSE Edizioni, ha pubblicato il romanzo giallo “Il Vampiro di Munch”.

Giornalista pubblicista, vive e lavora tra Reggio Calabria, sua città natale, Roma e Milano. Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne con tesi “Dalle serie poliziesche spagnole di stampo anglosassone alla serie di Pepe Carvalho di Manuel Vàzquez Montalbàn”, si occupa di critica letteraria da diversi anni, con particolare riferimento alla narrativa giallo-poliziesca. Cura le rubriche: “StrillLibri” sul quotidiano “Strill.it”, “Animali in noir” sul web press “MilanoNera”, “Segnalibro” e “Interviste con l’autore” sul trimestrale “Helios Magazine”. È corrispondente di “Global Press”. È redattrice di tutte le citate testate. Ha curato l’antologia di racconti “Vento noir” (Falco editore,2012) “Animali noir” (Falco editore,2013) e “Crimini sotto il sole”(Novecento editore, 2015). È direttore artistico del “Festival del giallo” (edizioni 2012- 2013) di Cosenza del premio letterario “Margherita Rosa” (2013) di Santa Margherita Ligure,del festival “Lipari noir” (2014-2015) di Lipari, della rassegna “Giallo al Castello” (2015) di Reggio Calabria, del Festival “Bologna on the road, le strade del noir” (2015) di Bologna. È organizzatrice delle rassegne letterarie “Il gusto del noir” e “Un tuffo nel giallo” a Cosenza, “Apericena col detective” a Reggio Calabria e, insieme all’associazione BellaVista di Bologna, della manifestazione “Atmosfere in noir”. Ha scritto i racconti noir “Lo scoglio” per l’antologia “Delitti d’estate” (Novecento editore,2014) e “L’estate sta finendo” per l’antologia “Crimini sotto il sole” ( Novecento editore,2015). È direttore della collana di romanzi noir “Emozioni d’inchiostro noir” di Laruffa editore. E’ membro della Giuria Popolare del “Premio Letterario Nazionale Tropea”, e giurata di qualità del premio “Nebbia Gialla” e del concorso letterario “Emozioni d’inchiostro Noir”. Organizza, promuove e presenta eventi culturali per librerie, manifestazioni e festival letterari.


  
Valerio Vairo

 

Categorie: Scrittura.

Caro Autore ti scrivo: Pacioni e i primi lettori di “In cauda venenum”

v

A pochi giorni dalla partecipazione a Ombre Festival, la grande kermesse di letteratura giallo (e altro) che si terrà nei prossimi giorni a Viterbo, voglio approfittare di questo spazio per rispondere alle email ricevute dai primi lettori di “In cauda venenum”.

Ne ho scelte tre, capaci a mio avviso di riassumere le principali tematiche emerse nel colloquio con i miei lettori.

<Bel libro, appassionante nello svolgimento delle trame e scritto bene. Ma… non c’è troppo sesso concentrato in due romanzi brevi?> scrive la bresciana Eleonora.

<Bisogna distinguere tra una storia e l’altra, Eleonora. In “Una trappola per il leone”, in realtà, al di là del mortale agguato teso al commissario, il vero cimento nasce proprio dallo scontro a distanza tra le due donne che si avvicendano conflittualmente nella sua vita. Dunque al “sesso”, che della guerra d’amore è l’arma più consueta e più affilata non ho potuto fare a meno di attribuire un grande rilievo>. In “Cardona e il suonatore di campane”, invece, si parla di sesso sì, ma senza nessuna eco erotica: è il sesso “sporco”, quello che non deve causare eccitazione, ma sdegnata repulsione, quello frutto acido di raggiro e violenza, quello che corrompe giovani esistenze e le danneggia, molto spesso, irrimediabilmente. Necessario, anzi indispensabile sottolinearne anche alcuni degli aspetti più crudi. Che, comunque, ho cercato di trattare in modo mai esplicito e con doverosa attenzione. E credo di esserci riuscito.

<Mi sono accorto che, attraverso questo libro, sono richiamati alla memoria del lettore numerosi coprotagonisti dei precedenti romanzi. Sto parlando di Luisa, moglie di Cardona e di Diana De Rossi sua amante, del fido agente Gaetano Gargiulo, del corrotto sindaco Tirabassi, dell’ottuso e saccente procuratore Previtali e del capitano dei carabinieri Raimondo Ranieri Luisa, e di altri che ora non mi vengono in mente. Ne compaiono però anche di nuovi, per i quali (è mia impressione, ma potrei sbagliare, naturalmente) mi sento di prevedere nuovi e importanti incontri nei futuri capitoli della saga di Monteselva> osserva invece il viterbese Michele.

<Non ti sbagli affatto, Michele. Dopo sei anni di stop, ho sentito la necessità di riannodare i fili di un ordito che conto di sviluppare ancora a lungo. Per cucire qualcosa di bello e duraturo, però, ci vogliono anche fili nuovi, colorati e forti. Parlo di Vassili Abramov, l’orribile Orco, e dei suoi uomini, ma anche dell’innesto di un personaggio che viene molto da  lontano: quel don Maurice Taviani, giovane e coraggioso sacerdote può che i miei più affezionati lettori hanno addirittura visto nascere in “Le Lac du Dramont” e lottare contro un’oscura e spietata setta satanista in “DalleTenebre”. Insomma, chi continuerà a seguire le indagini e le avventure di Leonardo Cardona non si annoierà di certo.

Chiudo con l’email di Lorenza, ancora da Viterbo:

<Sono rimasta colpita (al punto di essere costretta a farmi forza per completare la lettura di una storia davvero struggente) dal modo in cui affronti, in “Cardona e il suonatore di campane” un tema delicatissimo e (purtroppo) di straordinaria attualità: quello della pedofilia e della violenza sui minori. La storia è avvincente, nell’impianto narrativo di un perfetto thriller, ma in questo caso, a mio avviso, c’è un messaggio nascosto. Ed è un messaggio molto importante>

<Carissima Lorenza, sei dotata davvero di grande intuito e di ancor più grande sensibilità. Riuscire a fare soffermare i propri lettori su temi come quelli trattati all’interno di “In cauda venenum” facendo passare certi concetti approfittando del gradevole conduttore di una storia d’avventura, costituisce in effetti la vera e propria stella polare che influenza e guida la mia filosofia del narrare. Anche nella prossima indagine di Cardona sarà trattato un tema delicatissimo e inquietante: non credo che sia difficile immaginare quale, ma per saperlo con certezza bisognerà attendere la prossima uscita. Ce lafarai ad aspettare?>

Appuntamento per tutti venerdì prossimo a Viterbo alle ore 19

Spazio Eliot  – Winter Garden in Piazza della Morte

con Giovanna Boccio, Cristina Pallotta e Barbara Telluri

con

Categorie: Scrittura.

Ex libris (5) – I diecimila muli di Salvatore Maira sono… in 3D!

《Allora, secondo te, è meglio il libro o il film?》

Quante volte avete posto e/o ricevuto una domanda del genere? Decine, ne sono sicuro.

La trasposizione dalla carta alla celluloide di una determinata storia è operazione di estrema delicatezza e responsabilità.

Il caso di Diecimila muli , edito da Bompiani, è però una roba del tutto differente.

Intanto l’autore (Salvatore Maira) di mestiere fa proprio il regista. Dettaglio non trascurabile se si vuole capire in quale modo questo libro (decisamente ben congegnato e ben scritto) possa dare l’illusione di seguire la complessa e drammatica vicenda proiettata sul grande schermo di una sala cinematografica.

Anche se il titolo parla di muli (diecimila per giunta!) nei principali personaggi di questo corposo romanzo sono identificabili ben altre specie di animali: lupi, sciacalli, faine, cinghiali, avvoltoi e serpenti. 

Anche qualche leone, però, e una tigre ferita, che continuano a lottare nonostante tutto e nonostante tutti, fino alle estreme conseguenze.

Finita la guerra, grazie ai buoni uffici degli alleati anglosassoni, la neonata Repubblica Italiana ottiene di poter pagare in natura le cosiddette “sanzioni di guerra” finalizzate al risarcimento della Grecia: il prezzo è fissato in 10.000 muli, animali utilissimi, per la loro tranquilla forza e infaticabile laboriosità, alla rinascita delle genti elleniche.

Il risparmio insito in tale specie di rimborso è sicuro, ma l’impegno necessario a reperire un così elevato numero di quadrupedi che rispondano ai criteri di valutazione applicati dai beneficiari, è tale da far tremare i polsi. Si tratta di un business di notevoli dimensioni che, grazie a una serie di circostanze favorevoli e alla incrollabile volontà di crescita che contraddistingue la famiglia Maiorana, Peppino e i suoi fratelli (a volte in contrasto tra loro, ma mai irrimediabilmente divisi, capaci di compattarsi anziché di scoraggiarsi allorché la vita li mette a confronto con le prove più impegnative e difficili) riescono quasi miracolosamente ad acquisire. a scapito di potentati assai più forti e privi di qualsiasi scrupolo morale.

Da questa situazione, direi da questa vera e propria impresa dall’esito quanto mai incerto, prende origine e spessore un grande affresco narrativo,in cui stupisce, oltre alla eccezionale varietà e nitidezza dei riferimenti storici e geografici, il gran numero di personaggi chiamati alla ribalta: Salvatore Maira, proprio come fosse sul set, in piedi dietro la macchina da presa o seduto su uno di quegli scomodissimi sgabelli flosci che solo i registi sembrano amare, li dirige con puntigliosa attenzione, chiedendo il massimo ma, allo stesso tempo, riservando a ciascuno di essi la dovuta attenzione e un’ adeguata esposizione alla luce dei riflettori.

Nell’azione che si dipana, essenzialmente, tra la Roma convalescente del dopoguerra, dai polverosi alberghi e dai primi incerti vagiti che annunciano l’epoca rampante e scapigliata della dolce vita e la Sicilia, piena di sapori e umori, che si sublimano e si esaltano in una specie di città fantasma sorta a ridosso del porto di Messina, poliziotti masticati da una vita difficile e resi cinici dalle crudezze del mestiere esercitato, attempati e malinconici innamorati, incalliti delinquenti da strada, agenti segreti, mafiosi, politici, puttane,  semplici camerieri, capistazione, nani e ballerine, s’incastonano nella narrazione con mirabile armonia.

Tra tutti una citazione d’obbligo per l’ambizioso e mai domo Peppino Maiorana e per il problematico e introverso commissario Giulio Antonio Saitta.

Colpi di scena a raffica, che s’innescano uno nell’altro, come fili, ciascuno di diverso colore e spessore, nel medesimo groviglio

(“Sono tre romanzi che s’intersecano” osserva sul finire, al momento del destabilizzante scioglimento finale, un inquirente che si trova a tirare le fila di tanti misteri e tante tragedie. “No, sono più di trenta” gli risponde il suo interlocutore, uno di quelli che, se tolgono la maschera che travisa il volto, è solo per mostrare quella che c’è subito sotto)

ma che, nell’epilogo, dopo un lungo e tormentato viaggio nei primi misteri della Repubblica Italiana, dal riciclo dei criminali di guerra fascisti all’insurrezione separatista, alla strage di Portella della Ginestra e alla misteriosa uccisione del Bandito Giuliano, trovano, tutti, esauriente spiegazione.

Un libro da leggere, sfogliando il quale, oltre a vedere con gli occhi della mente le immagini così abilmente suscitate dall’Autore (risulterà credibile anche la traversata marina dello Stretto fatta a nuoto da una caparbissima mucca!), vi stupirete ad avvertire anche gli intesi odori, e persino i sapidi sapori, di una  quanto mai carnale Sicilia.

Titolo: Diecimila muli

Autore: Salvatore Maira

Editore: Bompiani

Anno: 2016

Pagine: 746

Prezzo: 19 €

ISBN: 978-88-452-8197-6

 

Salvatore Maira   nato a San Cataldo il 20 settembre 1947, regista. Laureato in Lettere e Filosofia presso l’università La sapienza di Roma, presso la quale è ricercatore di Letteratura Italiana, lavora dal 1974 al 1977 per una casa editrice, poi esordisce alla regia con un telefilm poliziesco realizzato per la RAI. Nel 1978 è ideatore e co-sceneggiatore di una miniserie in cinque puntate tratta dai racconti polizieschi di don Isidro Parodi scritti nel 1942 da J.L.Borges e A. Bioy Casares. Nel 1999 dirige “Amor nello specchio”, tratta della commedia di G. B. Andreini.

Ha anche preso parte all’attività della Fondazione Cinema nel presente (ideata da Citto Maselli), partecipando a film collettivi (tra i quali si segnala quello realizzato sugli accadimenti del G8 di Genova e dirigendo un documentario sul crollo della scuola di San Giuliano di Puglia (tragedia in cui trovarono la morte ventisette bimbi e un’insegnante) causato dal rovinoso terremoto che colpì il Molise nel 2002. Nel suo film Valzer, che ha la particolarità tecnica di essere stato girato facendo ricorso a un unico piano sequenza,  Maira ha avuto la soddisfazione di aver visto Valeria Solarino (interprete principale) ottenere il riconoscimento de migliore artista nel Premio Pasinetti in occasione 64ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia che vide tributare allo stesso regista una menzione speciale.

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.

Il cordone di Cardona

Si parla, prendendo spunto dall’uscita di In cauda venenum, presentato per la prima volta a Viterbo il primo luglio, nell’ambito di CaffeinaCultura, di quel articolare collegamento, simile appunto a un cordone ombelicale, che lega un personaggio al suo creatore.

Comincio con il dire che l’impatto con l’ “oggetto-libro” (impreziosito dalla copertina realizzata dall’artista bresciano Gi Morandini) è di per se stesso destabilizzante: si tratta di  due romanzi brevi raccolti in un’opera unica, con la particolarità di poter cominciare a leggere, indifferentemente, da una parte e dall’altra.

Cristina Pallotta intervista Patrizio Pacioni all’interno del locale “Al Settantasette” di via San Pellegrino

-Il titolo è In cauda venenum seconda collaborazione, dopo La verità nell’ombra con la Casa Editrice Serena… dichiara l’autore romano, intervistato da una Cristina Pallotta effervescente e cordialmente incalzante come, suo solito.

-Ma contiene, al suo interno, due storie del tutto autonome, legate tra loro dall’ambientazione nella oscura e misteriosa Monteselva e, naturalmente, dall’incisiva presenza del commissario Cardona.

-Già. Il tuo commissario torna dopo… quanti anni?

-Oltre sei anni da Delitti & Diletti che scrissi a quattro mani con Lorella De Bon.

-Perché hai lasciato trascorrere tutto questo tempo?

-In effetti questa è una domanda che durante gli ultimi anni, mi sono posto più volte, trovando numerose risposte diverse. Il che equivale a nessuna risposta certa.

Pacioni parla di altre idee che si sono proposte con forza, altri progetti, primo fra tutti quello teatrale, che hanno interferito nel suo rapporto con “il Leone”. Salvo poi ammettere che questa lunga stasi, alla fine dei conti, altro effetto non ha sortito se non quello di intensificare il divertimento che prova nel cimentarsi nella scrittura “gialla” attraverso l’ingombrante presenza del suo commissario.

 Ancora Patrizio Pacioni e Cristina Pallotta, ripresi al termine dell’evento.

L’intervista prosegue prendendo in rassegna l’attività dello scrittore romano nel suo complesso: la narrazione letteraria, la drammaturgia, la conduzione del blog, la didattica e l’impegno sociale orientato soprattutto sull’opera di recupero dei detenuti.

-Ora che è di nuovo tra noi, puoi dirci quale sarà il futuro di Cardona? – azzarda Cristina Pallotta.

-Oh, per lui ci saranno dure prove da affrontare e novità che potrebbero stravolgergli la vita, non solo lavorativa. I personaggi letterari devono essere trattati come persone, per le quali, come dice un detto orientale, tutto ciò che smette di crescere, incomincia a morire.

Nel frattempo, sullo schermo allestito all’interno del pub <Al Settantasette> scorrono le immagini del booktrailer ideato e realizzato da Giusy Orofino.

Alla fine, insieme ai saluti di rito, l’annuncio del (molto prossimo) ritorno a Viterbo per la presentazione di In cauda venenum nell’ambito della kermesse gialla Ombre. che si terrà nel capoluogo della Tuscia nella seconda metà di questo mese.

   

Immagini che sintetizzano con grande efficacia e suggestione la partecipazione di Patrizio PacioniCaffeina 2016. Nella terza da sinistra, in particolare, con uno dei conduttori di “Al Settantasette” (locale che ha ospitato la presentazione di In cauda Venenum) e nella quarta e ultima, come da tradizione, lo scrittore tra due dei giovanissimi quanto preziosissimi “volontari”

Poi, dopo la pausa estiva (che non sarà comunque completamente tale) l’avvio di una serrata serie di eventi legati al ritorno in libreria del commissario Cardona che porterà Pacioni in numerose località sparse in tutta Italia: per esserne esaurientemente informati, praticamente in tempo reale, altro non si dovrà fare che seguire attentamente gli articoli pubblicati su questo blog.

  

Titolo: In cauda venenum

Autore: Patrizio Pacioni

Genere: Giallo – thriller

Editore: Casa Editrice Serena

Anno: 2016

Pagine: 168

Prezzo: 15 €

ISBN: 978-88-941654-2-5

Valerio Vairo

 

 

Categorie: Scrittura.

Ex libris (4) – Fiori e spine nella dolceamara ortica di Velise

  

Ieri sera, a Desenzano, è cominciato tutto così: sorprendendo il pubblico che gremiva al limite della capienza la deliziosa Libreria  Castelli Podavini di via Roma, il romano Patrizio Pacioni, con impegno degno d’encomio e coraggio al limite della temerarietà, ha cercato di leggere in dialetto bresciano (variante “basso Garda”, per di più) la biografia di Velise Bonfante, autrice di  Fiore d’ortica.

 

Tutto si è risolto in una grande risata collettiva, naturalmente: quell’accordo iniziale che, come la nota di un diapason, ha messo in sintonia intervistatore, intervistata e spettatori per affrontare un discorso molto più profondo, ovverosia la presentazione del romanzo di Velise (nella foto qui sotto al centro tra Patrizio Pacioni e il giallista Roberto Van Heugten) già favorevolmente sperimentata come commediografa e poetessa.

Nel corso del serrato dialogo, si è delineata con chiarezza la semplice ma mai banale costruzione narrativa del romanzo della scrittrice gardesana: una storia di dolore, di degrado e di riscatto attraverso la porta stretta di un amore che non vuole arrendersi davanti agli ostacoli (talvolta talmente grandi da sembrare insormontabili) frapposti da una vita sfortunata.

Un affresco che, grazie a una ricostruzione storica e ambientale dettagliatissima e ai ritmi opportunamente d’antan di una scrittura solo apparentemente ingenua, riesce a riportare il lettore ai tempi in cui si svolge la vicenda. 

Una parola infine (ma ne meriterebbero molte di più) per Roberto Franzoni e Oreste Bianchi, che con le loro chitarre hanno vivacizzato la serata, eseguendo brani originali composti dallo stesso  Franzoni con le parole delle poesie di Velise Bonfante.

Titolo: Fiore d’ortica

Autore: Velise Bonfante

Editore: Marco Serra Tarantola

Anno: 2015

Pagine: 256

Prezzo: 15 €

ISBN: 9788867771189

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.

Ex Libris (3) – La bella Tuscia di Dante (e di Rescifina)

Il libro è sottile, ma denso.

Sintetico, ma succoso.

Ben congegnato e ben scritto (e qui non ci sono “ma”).

Il viaggio che Giuseppe Rescifina compie, portando con sé coloro cui tocca la buona sorte di sfogliare questo saggio, è uno di quelli talmente ricchi di memorie, suggestioni e spunti che si esauriscono troppo presto, lasciando il desiderio che presto ci sia una nuova partenza.

Così seguiamo il Sommo Poeta nel viaggio intrapreso unendosi ai pellegrini diretti a  Roma per il Giubileo del 1300.

Passa a Viterbo percorrendo la Francigena che, guarda caso, scorre vicino al Bullicame (cfr. XIV Canto dell’Inferno) , sorgente di acqua sulfurea che senz’altro deve averlo ispirato nel descrivere l’infernale Flegetonte.

Ne esce un affresco di parole, di notizie e di riferimenti che unisce storia, letteratura e arte. Un mosaico di personaggi sospesi tra i versi del Sommo Poeta e la Storia, cui Rescifina riesce ad attribuire, con tocco sapiente, colore, rilievo e suggestione.

Aggiungendo, per rendere ancora più gustoso il tutto, un pizzico di esoterismo e di stuzzicante alchimia e spigolature di costume e di cronaca sparse qua e là.

Insomma, libro snello ma di sostanza, da leggere velocemente e da rileggere con attenzione, parte per parte, una volta che si sarà posata la nebbia magica dell’ arcano incanto della Commedia così abilmente evocato e trattato dall’Autore.

Giuseppe Rescifina è nato a Sant’Agata di Militello e vive a Viterbo. Giornalista, saggista, autore di testi teatrali e di ricerche di antropologia delle religioni. Studioso (e appassionato estimatore) di Dnte, che ha anche interpretato in varie performance e diffuso in  “lectio”. Ha lavorato per Il Giornale di Sicilia, Il Corriere dell’Umbria e collaborato con il Corriere della Sera. Ha contribuito, insieme ad alcuni colleghi, alla fondazione del Corriere di Viterbo. Ha diretto Viterbo Oggi e alcuni uffici stampa. Nel 1987 ha pubblicato la guida Sicilia per Edizioni Futuro e ha collaborato con numerose testate.

  Titolo: Dante e la Tuscia

  Autore: Giuseppe Rescifina

  Editore: Casa Editrice Serena

  Anno: 2015

  Pagine: 116

  Prezzo: 15 €

  ISBN:  9788890876622

 

 

  Il Lettore

 

Categorie: Scrittura.

Ex Libris (2) – Enrico Morovich, Carla Boroni e la magia del racconto

Ad Apollonio Rodio, che sosteneva che l’unica legittima espressione letterari era quella espressa dai grandi poemi omerici e dalla ponderosa “produzione” epica in genere,  il poeta alessandrino Callimaco, alacre libraio nella mitica biblioteca di Alessandria e fantasioso poeta presso la corte di Tolomeo II, rispose con la sintetica quanto immortale frase “Μέγα βιβλίον, μέγα κακόν“.

Ovverosia, con una traduzione per così dire elastica: “Libro di tante pagine, grande malanno“.

In tempi più recenti un non sparuto gruppo di docenti di scrittura creativa da laboratorio & catena di montaggio è arrivata ad affermare con sussiego che “è molto più difficile scrivere un racconto breve che il più complesso e articolato dei romanzi”.

Vabbè.

Fatta la tara a un passato troppo remoto e a uno troppo recente, personalmente mi sento molto vicino a quanto espresso in proposito dalla scrittrice americana Flannery O’Connor, secondo la quale il racconto ha due facce, come una moneta: da una parte l’indispensabile semplicità della forma, dall’altra la difficoltà di colpire in poche frasi l’immaginario e il sentimento di chi legge.

E proprio questa seconda “faccia” rappresenta la sfida più difficile e, quindi, più affascinante di questo particolare genere letterario che è riuscito a raggiungere una completa maturità e indipendenza solo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo: nel modo più veloce e sintetico che gli sarà possibile, l’Autore dovrà piantare come frecce i fatti raccontati e i loro protagonisti nell’ immaginario, nel sentimento e nella memoria del lettore.

  

Dopo questo (probabilmente troppo) lungo preambolo, veniamo all’oggetto dell’articolo: il libro edito nei giorni scorsi dalla Compagnia della Stampa Massetti Rodella Editori, autentica benemerita nella diffusione delle eccellenze letterarie nazionali e bresciane in particolare.

Nel prezioso volume (curato dall’infaticabile Carla Boroni) sono raccolti centoquarantadue racconti scritti da Enrico Morovich per il Giornale di Brescia nell’arco di poco meno di un trentennio (dal 1949 al 1978), cui se ne aggiungono altri tre pubblicati nel 1948, di cui uno su La Voce dei Lavoratori e gli altri due su Brescia Lunedì.

Un volume prezioso, oltre che per la complessa e certosina opera di recupero letterario ora completamente portata a termine dalla Boroni (che già analoga operazione aveva promosso in passato con la duplice uscita di Parole legate al dito – 2009/2010), per la qualità dei racconti di Morovich che ancora oggi, a tanti anni di distanza con tanti schemi completamente saltati, con tante consuetudini e (soprattutto) tante certezze letteralmente divorate da un sempre più turbinoso accavallarsi degli anni, conservano pressoché intatto del momento in cui vennero dati alle stampe.

Tornando al preambolo, si può effettivamente dire che Enrico Morovich, nella sua pratica del racconto breve, abbia saputo davvero vincerla, la famosa “sfida”:  accadimenti di vita comune, banalità e miserie quotidiane, sotto la penna (e la lente) dello scrittore si trasformano in episodi di straordinaria suggestione e spettacolarità; gente comune, signorine ingenue, grigi impiegati, signore saccenti e pettegole,  nevrotici della casa accanto e ossessive casalinghe, squallidi praticoni della politica, quasi per magia si scolpiscono come monumenti nella fantasia dei fortunati lettori, lasciando un vuoto pressoché incolmabili al momento di un commiato che appare sempre troppo veloce.

Libro da leggere.

Medicina dello spirito da assumere con regolarità in dosi q.b. fino all’esaurimento completo… del flacone.

       

  • Titolo: I racconti per il Giornale di Brescia
  • Autore: Enrico Morovich (curato da Carla Boroni)
  • Editore: La Compagnia della Stampa / Massetti Rodella
  • Genere: Poesia, miti e racconti
  • Edizione: 2015
  • Pagine 392 – copertina con alette lunghe plastificata opaca
  • Prezzo: 20.00 €
  • ISBN: 978-88-8486-664-6

 

  Il Lettore

Categorie: Scrittura.