Ah, se l’è bel, «Le Bal» !

Che bei tempi, quando per tentare di conquistare una ragazza, invece di un banale like si cominciava in un balera con un bel  «Signorina, mi concede questo ballo

Allora, erano gli anni ’50, ’60 e ’70, ci si cominciava ad accoppiare (in senso buono) per sintonia epidermica, per affinità preventiva e presunta, invece che con una scelta in un sito d’incontri che sa troppo di lista per la spesa.

Quando le ragazze, ordinatamente allineate lungo la parete lunga, il sabato pomeriggio, aspettavano di essere invitate a danzare, sedute compostamente e con le mani appoggiate sulle ginocchia.

Poi c’era il ballo, ovviamente. Ballerini che volteggiano, si agitano, ma rispettando gli spazi degli altri che danzano intorno; corpi maschili e femminili che prima si sfiorano, poi vengono a contatto, ma non troppo, solo fino a un certo punto, con la frontiera della decenza che arretra ma non scompare mai del tutto. Regole che si sovvertono all’interno di altre regole. È questa la meraviglia. La trasgressione dura solo tre minuti, o quattro, poi si torna nei ranghi, fino al prossimo disco. Eccitante e rassicurante, cosa può esserci di meglio?

Comincia così «Le Bal», versione italiana (Viola Produzioni) curata con grande professionalità e vivace fantasia da Giancarlo Fares , di un format che ha già tanti positivi riscontri ha ricevuto in Francia, Germania, America Latina e altrove.

È successo ieri sera, nell’ambito della rassegna estiva La Versiliana, con la rappresentazione all’aperto di Marina di Pietrasanta, interpreti e spettatori immersi nel verde e sotto un soffitto di stelle.

  

In una dimensione parallela, straordinariamente affine a quella reale ma infinitamente più poetica ed evocativa, per una volta almeno hanno taciuto le parole per lasciare spazio alla narrazione di straordinaria efficacia e suggestione delle note e della danza. Sì, è la musica a farla da padrona, trasformandosi per una volta, con dolce violenza, da mero sottofondo in protagonista assoluta.

E allora via! In pista!

Si parte dai confetti zuccherosi di romanticismo e buoni sentimenti (tanto dolci e consolatori quanto velenosi di caduche illusioni) degli anni dei telefoni bianchi.

Ben presto nel fox trot italianizzato delle sorelle Lescano e degli altri, però, s’inserisce il ritmo di marce più marziali, poi arriva il primo “me ne frego”, seguito da altri slogan sempre più aggressivi e militareschi; cade la maschera e si mostra, in tutta la sua mostruosità, l’arcigno volto dell’oppressione. Fino alla sconsiderata quanto brutale avventura africana, scandita dalle note di Faccetta nera e oltre, giù, a capofitto nel sanguinoso mattatoio della seconda guerra mondiale.

Partono, i soldati italiani. Le donne, rimaste sole, svestono pizzi e merletti e indossano tute, camici, grembiuli, per sostenere le famiglie mentre i mariti, i fidanzati, i padri e i figli combattono al fronte in nome del niente.

Partono i soldati, ma non tutti tornano.

La musica si fa più austera, languida, malinconica, plumbea.

Scendono i tedeschi, i barbari nazisti più feroci dei lupi, schiacciando sotto i  talloni di acciaio delle SS speranze, aspirazioni e ogni libertà, recidendo vite come fiori.

Finiscono le cose belle, ma hanno un termine anche gli incubi, per fortuna: la guerra si esaurisce in un suggestivo bombardamento finale, dai cui scoppi nascono le note di un boogie-woogie forsennato, come il respiro di un naufrago strappato alle onde.

È l’Italia del neo-realismo cinematografico e dei miti americani di Happy Days rivisitati da Celentano e Rita Pavone, il Paese meraviglioso della seicento e della lambretta, della villeggiatura, dei miti americani del “moltiplicatevi e arricchitevi”, dove nessun traguardo sembra precluso.

Solo un intervallo, anche questo, perché la Storia, quella con la esse maiuscola, è un macchinario dai denti aguzzi, che va avanti per conto suo, schiacciando i sogni che gli si parano davanti.

Il boom si sgonfia, arriva il flagello dell’eroina che corrode le vene e le idee, incombe il sospetto e il disprezzo verso tutto ciò che è diverso, intrighi si succedono a intrighi, pasticci brutti, scandali, mentre nel buio lampeggiano sinistre le torce elettriche dei ragazzi di “Le Bal”.

Siamo alla fine, ormai.

In rapida successione si srotola il tappeto mobile dell’arroganza craxiana-berlusconiana, sulle note tronfie della disco dance, su seni e cosce esposte, su carne femminile e maschile in vendita a buon mercato, sulla livida rabbia della Legge che può mettere solo inciampi ma non riesce in nessun modo a fermare la corruzione dilagante.

Mentre cellulari, hi-pad e auricolari ipnotizzano uomini e donne, anche quando la musica non c’è più, riducendo tutti a inerti automi, ecco due boati giganteschi.

Dal varco aperto dall’immane crollo delle Torri Gemelle entra nella vita di tutti i giorni il nuovo mostro, il terrorismo.

E il sipario viene giù.

Applausi, tanti, prolungati meritatissimi.

Una recita muta in cui sono i corpi e i volti dei giovani, bravi e ispiratissimi attori-danzanti a esprimere molto meglio di un testo scritto la verità di sessant’anni di Storia italiana.

A emozionare, a divertire e a commuovere un pubblico quanto mai partecipe che, alla fine, si mette a ballare anche lui.

 

  Sennò,  mi sapete dire che “Le Bal” sarebbe?

 

LE BAL 
L’Italia balla dal 1940 al 2001
da LE BAL, una creazione del Théâtre du Campagnol
da un’idea e nella regia di
Jean-Claude Penchenat
con
GIANCARLO FARES, SARA VALERIO
ALESSANDRA ALLEGRINI
RICCARDO AVERAIMO
ALBERTA CIPRIANI
VITTORIA GALLI
ALICE IACONO
MATTEO LUCCHINI
FRANCESCO MASTROIANNI
DAVIDE MATTEI
MATTEO MILANI
PIERFRANCESCO PERRUCCI
MAYA QUATTRINI
MICHELE SAVOIA
PATRIZIA SCILLA
VIVIANA SIMONE

coreografie ILARIA AMALDI
uno spettacolo di
GIANCARLO FARES

 

  Guitto Matto

 

Categorie: Teatro & Arte varia.

Nuvole di Parole (01) – «Il terrore» (Dylan Dog 370)

È sempre qualcosa di positivo introdurre e varare una nuova rubrica. Soprattutto questa volta, perché si tratta veramente di qualcosa di nuovo.

In «Nuvole di parole» si tratterà di una serie di recensioni di albi a fumetti, per ora senza una precisa cadenza periodica, curata da un grande appassionato di comics (che, per il momento, preferisce firmarsi con uno pseudonimo) ma  alla quale potranno collaborare  anche i visitatori del blog.

Pronti? Via! La pistola dello start fa BANG e si parte così…

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

IL TERRORE

Numero 370 della serie mensile Dylan Dog

Sergio Bonelli Editore – Luglio 2017

In edicola da fine giugno

Cosa:

Il vero incubo del Terzo Millennio non è costituito da mostri e creature dell’oltretomba, ma da una situazione mondiale ormai costituzionalmente in precario equilibrio sull’orlo dell’abisso. Dalle incertezze di una situazione economica sempre più difficile, di un contesto sociale in progressivo degrado, nell’ambito del quale le paure causate dal terrorismo e dal conflitto tra religioni e culture diverse, innestano un effetto volano capace di amplificare le tensioni sotterranee di una società che già è in palese sofferenza.

In questo quadro, nell’ottica sempreverde e sempre perversa del manzoniano “dagli all’untore!”, basta un equivoco per fare di un onesto ragazzo, senza grilli per la testa, l’obbrobrio, la minaccia da eliminare con qualsiasi mezzo e a qualsiasi costo.

Come:

«La strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni» affermò un certo pensatore tedesco che di nome faceva Karl e di cognome Marx.

La stessa cosa direi per questo lavoro di esordio della sceneggiatrice Gabriella Contu, evidentemente intenzionata a dare il massimo già in questa accoppiata soggetto/sceneggiatura che la vede esordire nella collana ammiraglia della Sergio Bonelli Editore.

Così, compressa nel limite delle 94 pagine illustrate con la consueta maestria dal disegnatore Giampiero Casertano, la storia arriva alle papille gustative del lettore un po’ come un minestrone (certamente commestibile, in certi momenti anche gradevole) nel quale i sapori dei vari registri narrativi si confondono fino a renderne impossibile un preciso riconoscimento: riflessioni sulla incongrua paura del diverso, spunti sull’idiozia della guerra e dei guerrieri da Dottor Stranamore, infatti, si intrecciano a gag alla Mister Magoo, a suggestioni alla Quinto Potere, evidenziando un fecondo humus il cui raccolto, però, sembra fatto venire su con il calore artificiale di una serra, anziché affidandone la crescita ai più naturali raggi del sole.

Premesso che ho trovato molto centrata e coerente con l’attualità l’idea dell’avvenimento di grande richiamo che attira nel centro di Londra migliaia di giovani, contribuendo a fare montare parossisticamente la tensione, c’è da dire che  alcuni passaggi (per esempio la direzione di un’importantissima operazione antiterrorismo affidata a un pensionato come Sherlock Holmes Bloch, semplice ispettore, tra l’altro) o l’improntitudine da Pulp Fiction (altro riferimento al grande schermo) dei tre killer che dovrebbero e potrebbero scatenare un massacro, sembrano francamente forzati.

Detto ciò, aspettiamo Gabriella Contu al prossimo appuntamento dylaniato, curiosi di capire se si trasformerà in farfalla (processo di trasformazione per il quale credo possieda tutti gli skill) o, ancora per un po’, rimarrà crisalide. 

Approfitto di questo primo articolo per proporre allo staff di Dylan Dog uno spunto di riflessione sul seguito da dare a una figura come quella dell’ispettore Carpenter (che proprio non riesce a prendere spessore) e sulla possibile love story interetnica tra la bella sergente Rania Rakim e Dylan che, al momento, appare come un abbinamento tra ciliege e cipolle.  

Sempre più belle e suggestive le copertine di Gigi Cavenago: questa, ameno, è una certezza.

 

Soggetto e sceneggiatura: Gabriella Contu

Disegni: Giampiero Casertano

Copertina: Gigi Cavenago

Lettering: Riccardo Riboldi

 

Categorie: Scrittura.

I fragili eroi di Paola Barbato? Sono invincibili.

Può essere un autore “accesissimo fan” di un altro autore?

In un agone, quello dell’italica scrittura in cui la fanno da padrone invidie e malevolenze? In cui i contendenti, si comportano come quel tal orbo di una famosa storiella: invocando in una chiesa il Santo Patrono, chiede non già un miracolo che gli restituisca la vista, bensì che il suo più acerrimo rivale perda anch’egli un occhio.

Si può, e lo affermo con assoluta certezza, visto che i sette anni trascorsi tra la pubblicazione di Il Filo rosso (Rizzoli, 2010) e quella di Non ti faccio niente (Piemme… praticamente ieri!) sono stati, non sto esagerando, tra i più lunghi della mia vita di lettore.

Per fortuna «il tempo è galantuomo», come disse qualcuno, o, almeno, correggo io, qualche volta capita che lo sia davvero.

Così, quando ho saputo che Paola Barbato sarebbe tornata in libreria e che una delle presentazioni del suo nuovo romanzo si sarebbe tenuta proprio nel centro di Brescia, praticamente a un passo e mezzo da casa mia, ho cominciato l’impaziente count down che si è concluso giovedì sera.

Intanto a introdurre e condurre l’articolata conversazione con l’Autrice gardesana c’era Gian Paolo Joao Laffranchi, giornalista i cui interessi e competenze vanno ben al di là dell’ambito sportivo (redattore di Brescia Oggi e corrispondente per la Gazzetta dello Sport) e di quello musicale (il Joao è riferito all’attività notturna di effervescente dj): lo scopro attento e informatissimo lettore, nonché abile intervistatore e intrattenitore.

Quanto a Paola… che dire? Adoro la sua scrittura e, dopo averla personalmente intervistata due volte a Villafranca, in occasione di altrettante edizioni del (purtroppo) cessato Festival “La primavera del libro”, appunto a sette anni di distanza da allora, l’ho ritrovata molto più spigliata e brillante anche nel dialogo con i lettori.  

«Questo libro è in… gestazione dal 2013, allorché sottoposi l’idea alla mia casa editrice di allora, ricevendo come risposta che si trattava di una storia “già vista”, accompagnata all’invito a “proporre qualcosa d’altro”. Capisco che le case editrici abbiano le loro esigenze, ma quando credo fermamente in un progetto narrativo è molto difficile che mi tiri indietro» racconta la Scrittrice., 

«Poi mi è capitato che, quasi per caso, mi imbattessi in WattPad (https://www.wattpad.com/?locale=it_IT  – ndr) una grande comunità virtuale per lettori e scrittori che consente ai primi di poter assaporare praticamente in diretta il lavoro degli autori e ai secondi di poter lavorare con il beneficio di sentire on the road la “voce del pubblico» continua, e già si è conquistata l’attenzione del pubblico che gremisce la saletta dedicata della libreria Serra Tarantola.

«Non ho fatto altro che recuperare le dodici pagine dell’incipit messo da parte e, in meno di settanta giorni, la storia si è praticamente scritta da sola. Nel romanzo s’incontrano tantissimi personaggi, ho dovuto creare una tavola schematica per riallacciare nomi, situazioni e luoghi. Come quasi sempre accade, poi, ciascun personaggio, nel corso della scrittura, si è ritagliato il proprio ruolo, imponendosi magari anche alle mie intenzioni iniziali o decidendo autonomamente di mettersi in disparte: un fenomeno al quale assisto, nel corso della creazione di una nuova opera, sempre con grande curiosità»

Tanti i riscontri del popolo del web, tanti i consensi e gli incitamenti ad andare avanti e a farlo in fretta, finché…

«Finché mi ha cercato Piemme, dicendosi interessata alla pubblicazione»

Occhio ai dettagli! La papera gialla che Paola tiene in mano non è certo lì per caso…  😎

Già, ma di cosa parla questo Non ti faccio niente ?

«La vicenda narrata è divisa in due periodi, una parte che si svolge negli anni ’80, latra nel 2015. Un ragazzo individua e sequestra bambini “trascurati” dalle proprie famiglie e li tiene con sé tre giorni, senza commettere, nei loro confronti, alcunché di violento o semplicemente dannoso. Poi, quando la notizia comincia a circolare diffusamente, interrompe questa bizzarra “pratica”. Dopo trent’anni, però, qualcuno comincia a rapire i figli dei bambini ch’egli aveva sequestrato»

“Banale”? Un plot come questo?Forse il “vecchio” editore avrebbe fatto meglio a cambiare il suffisso e trasformare la parola in “geniale”  (altra personalissima ndr).

«Una vicenda che sembra essere già bella e pronta per una trasposizione cinematografica» osserva Gian Paolo Laffranchi.

«La mia scrittura, probabilmente anche a seguito della lunga esperienza come sceneggiatrice di comics e non solo, si risolve in una grossa centrifuga adattabile ad altri mezzi espressivi. Quasi tutti i miei romanzi sono stati attenzionati in questo senso ma, alla fine, per una ragione o per l’altra, finora non se n’è fatto nulla. Staremo a vedere» ribatte serafica Paola.

Poi Laffranchi entra nel merito della particolarissima natura dei singolarissimi “eroi” protagonisti delle narrazioni della Barbato.

«L’eroe duro, puro e forte, estremamente sicuro di sé, non gode più dell’appeal di una volta. Il vero eroismo, in questi difficilissimi “giorni d’oggi” è quello di un essere umano inevitabilmente imperfetto, sia nel bene che nel male. Un po’ come Dylan Dog, insomma»

A questo punto, inevitabile e graditissima da parte di tutti i presenti (me per primo) un’affettuosa digressione sulla figura enigmatica e carismatica di Tiziano Sciavi, cui segue la confessione che nel personaggio di Nives (pensateci quando leggerete Non ti faccio niente) c’è più di qualcosa dell’anima dell’Autrice.

Nel vivace spazio-domande, qualcuno le chiede cosa ci sia che non va nell’editoria italiana del terzo millennio.

Si fa prima a dire quali sono le cose che vanno. In primo luogo criteri con cui si scelgono le opere da pubblicare appaiono tutti da decifrare. In secondo si sta sempre più rafforzando l’idea che gli autori vadano “indirizzati” a scrivere non ciò che detta loro l’ispirazione quanto quel che l’editore di turno reputa più profittevole. Tanto per fare un esempio, per anni mi si è continuato a chiedere di creare un poliziotto come protagonista seriale. Beh, io non accetto forzature: al momento l’ispettore o il commissario o il maresciallo non lo voglio e non lo creerò solo perché vengo “sollecitata ” a farlo. Vuole dire che Non ti faccio niente sarà il mio ultimo romanzo a uscire in lebreria? Non lo so.

Lei  non lo sa, ci può stare ma io (e con me i tantissimi che apprezzano e amano ciò che scrive Paola Barbato) mi auguro proprio di leggerla ancora e presto.

Mi sia consentita un’ultima annotazione personale sulla libreria Serra Tarantola.

Fornitissima.

Librai competenti e di una gentilezza, pazienza e disponibilità di altri tempi.

Un nome che a Brescia equivale a “leggere”.

Aspettando che iniziasse l’evento, con il pc acceso e il programma di word avviato, ho scoperto che l’elegante bar in funzione al piano di sotto sembra stimolare non poco, in me, i processi di creazione e scrittura,

Chissà, a partire dal prossimo autunno mi potreste trovare spesso seduto a bere un buon tè guarnito dei più consoni dolciumi. A fare che, credo che possiate immaginarlo da soli.

.

 

  Paola si racconta

Sono nata a Milano il 18 giugno 1971 da mamma pubblicitaria e papà idrobiologo. Ma a Milano sono rimasta solo un anno e gran parte della mia vita l’ho trascorsa a Desenzano del Garda, per cui mi definisco “fieramente bresciana”. Per quanto ricordi ho sempre scritto e disegnato molto, i miei primissimi fumetti, di cui raramente faccio parola, han visto la luce intorno agli 11 anni. La comunicazione scritta per me è sempre stata fondamentale …

I LIBRI DI PAOLA (e altro)

 

Titolo: Non ti faccio niente

Autore: Paola Barbato

Casa editrice: Piemme

Anno di edizione: 2017

Pagine: 420

Prezzo: 17,50 €

EAN: 9788856660005

 

 

 

Categorie: Scrittura.

Goodmorning Brescia (49) – Classici da ripensare e da riproporre

Dunque si cambia.

E che cambiamento!

Da austera conferenza stampa tenuta nel Foyer, la presentazione della Stagione di Prosa 2017/2018 del C.T.B. si fa strappare il biglietto e passa all’interno del Teatro Sociale, trasformandosi in spettacolare happening.

Serata davvero particolare al  Teatro Sociale di Brescia: veduta dall’alto della platea con i primi spettatori-invitati che comiciano ad accomodarsi ai propri posti già mezzora prima dell’inizio.

Che si tratti di una festa lo si capisce sin dal primo istante, quando una briosissima Anna Meacci introduce la serata riuscendo ad attrarre a sé l’attenzione del pubblico che affolla il teatro in ogni ordine di posti: bendisposto, divertito, sì, ma anche molto ma molto curioso di conoscere le novità che caratterizzeranno la prossima stagione.

«I numeri possono essere aridi e noiosi, ma sapere che il trend di crescita del Teatro bresciano continuano a essere costantemente in crescita è qualcosa che ci riempie di soddisfazione e ci sprona a proseguire su questa strada» è il saluto della Presidente Camilla Baresani Varini, che con altri numeri va avanti.

«Trentacinque titoli, nella entrante stagione, con undici nuove prosduzioni marcate Centro Teatrale Bresciano, costante incremento di spettatori (con una base di oltre 110.000 sbigliettamenti nel 2016/2017) e abbonati, di cui il 40% proveniente da fuori della cerchia cittadina»

Poi la parola passa al tabellone, che è quanto mai vario e intrigante: la parte del leone, pure in presenza di significative opere “del presente”, va a quella che è definita un’operazione di recupero, rivisitazione e riproposizione di grandi classici.

Del dettaglio dei titoli in programma leggerete con comodo sui quotidiani di domani, in questa sede, in cui ci preme darvi una primizia di quanto accaduto al Sociale, ci basta segnalare quelli che, epidermicamente, hanno richiamato la nostra attenzione: 

I miserabili (ATTENZIONE con Franco Branciaroli nella parte di Jean Valjean), Il malato immaginarioGiulio CesarePinocchioLa classe operaia va in paradisoI MalavogliaStasera si recita a soggetto, Accabadora, Delitto e castigo, Marilyn, la rarità shakespeariana I due gentiluomini di Verona… e qui siamo costretti a fermarci, perché (tra l’uno e l’altro) finiremmo per scrivere tutto l’elenco o quasi.

La “cerimonia” viene impreziosita da gustose primizie recitate da alcuni degli attori che calcheranno il palcoscenico a partire dal prossimo autunno, tra  i quali, oltre al già nominato Branciaroli, si affacciano volti noti e amati in città come Fausto Cabra, Elena Bucci, Marco Sgrosso, Luca Micheletti, Lucilla Giagnoni, Elisabetta Pozzi e Francesco Colella, Valter Malosti, Monica Ceccardi e Silvia Quarantini

Si succedono anche rappresentanti delle Istituzioni “azioniste” (Regione, Provincia e Comune) e delle grandi aziende “sostenitrici” A2A e ASM, vengono più volte e giustamente sottolineate le azioni del C.T.B. tese a unire ancora di più il Teatro ai cittadini e viceversa e, soprattutto, a diffondere l’amore per la prosa tra giovani e giovanissimi, con moltissimi appuntamenti ed eventi pensati ad hoc e l’offerta di consizioni agevolate per la fruzione dei teatri cittadini da parte degli alunni delle scuole bresciane.

Si conclude così, dopo il saluto di un emozionato Direttore Gian Mario Bandera («Benedetta l’emozione e chi sa ancora emozionarsi», dice il saggio) che coglie l’occasione per anticipare anche il prosimo arrivo dell’innovativo EvoLutioN City Show Brixiae Editio che animerà le strade del centro, questa autentica e perfettamente riuscita festa del Teatro, della Prosa, della Drammaturgia, in definitiva di tutta la Cultura bresciana:

tra applausi e consensi e, una volta fuori, nella tiepida, magnifica Brescia di questa notte quasi estiva, con il pensiero che le nuove aprture di sipario al Teatro Sociale e al Mina Mezzadri Santa Chiara sembrano ancora troppo lontane.

Per fortuna che, di mezzo, per ingannare in qualche modo l’attesa, ci saranno le vacanze…

 

  

(per una volta insieme Bonera.2 & GuittoMatto)

Categorie: Giorni d'oggi e Teatro & Arte varia.

Ex Libris (15) – Quando il mondo si sfilaccia e resta chiuso dentro

Un libro sull’autismo.

Scritto molto bene, per prima cosa, in uno stile piano e di grande efficacia narrativa.

Bene articolato, con un’equilibratissima struttura del testo e un’equilibrata divisione in capitoli.

Documentato, denso di informazioni idonee a introdurre in situazioni di vita intricate e dolorose anche chi, prima di cominciare a sfogliarlo, fosse completamente digiuno del tema trattato.

Ottima la grafica. Sobria (come doveroso per una pubblicazione che tocchi argomenti di questo genere) ma elegante e di grande suggestione, la copertina.

Fin qui nessuna sorpresa: ogni libro, per essere  pubblicato e proposto al pubblico dovrebbe possedere tutte le caratteristiche sopra indicate.

La cosa che mi ha sorpreso, però, e che -pagina dopo pagina- nel corso della lettura ha trovato sempre più convinta conferma è che  «Benedetta e Niccolò – Una storia d’amore e autismo» (edizioni La vita Felice)  è anche un romanzo appassionante, dalla prima pagina all’ultima.

È una vera e propria avventura, quella vissuta dal piccolo Niccolò e dalla sua famiglia, in particolare dalla mamma Benedetta che, con testarda abnegazione e feroce volontà, non esita a immolare la propria vita di relazione, a sospendere persino la propria identità di donna e di femmina, nell’interesse superiore del figlio.

«Niccolò è un bambino stupendo. Ha i capelli biondi come il grano e due occhi dolcissimi, scuri e profondi…  Ha appena compito due anni e alla sua festa di compleanno sono venuti proprio tutti… Poi è successo qualcosa, il bambino ha cominciato a cambiare, a farsi strano…»

È, nel limite succinto di 220 pagine, una saga corale della buona sanità, resa tale dallo spirito di servizio di un manipolo di specialisti che fanno coorte per tentare l’impossibile: nomi e cognomi che, assieme alle caratteristiche personali sapientemente tratteggiate da Giorgio Bernard, restano indelebilmente impressi nel cuore e nella memoria del lettore. Perché è proprio grazie a persone come il dottor Armellini, Cinzia Pieraccini, Leonardo Granchi, Arianna Bello e tanti altri seri, preparati e onesti come loro, è grazie ad ASL che continuano a fornire servizi di elevato standing nonostante tagli di bilancio e ristrettezze di risorse, che in Italia si continua a credere che un sistema sanitario pubblico possa essere realmente vicino ai bisogni della “gente”.

Un’avventura, si è detto, che parte dalla difficile accettazione del dramma che ha colpito la famiglia («Sono l’unica che non si è accorta di niente» è l’amara confessione di Benedetta), passa per la piena consapevolezza dell’impegno che si dovrà profondere e delle difficoltà che si andranno a incontrare nel corso della lotta contro il male, per arrivare al premio più grande cui si potesse aspirare.

«Niccolò è autistico e dall’autismo non si guarisce, a tutt’oggi non esiste una cura» ricorda l’Autore sul finire del libro.

«Eppure, se solo fino a qualche tempo fa sembrava perduto, completamente isolato dal mondo, oggi il bambino è di nuovo sereno… è stato restituito alla vita».

Un finale che consola, che incoraggia chi vive situazioni laceranti di malattia e chi si è trovato e si troverà ad affrontarne. Un delizioso boccone finale che conclude nel migliore dei modi il prelibato pasto letterario servito con nitidezza e straordinaria “gestione del mezzo” da un sorprendentemente efficace Giorgio Bernard.

 

titolo: Benedetta e Niccolò – una storia d’amore e autismo

autore: Giorgio Bernard

editore: La Vita Felice

collana: Contemporanea

anno pubblicazione: 2017

pagine: 228

prezzo: 16 €

ISBN/EAN:  9788893461030

 

Giorgio Bernard, nato a Milano, ha trascorso i primi anni della vita professionale tra Italia e Regno Unito, lavorando come sceneggiatore di fumetti e sistemi di gioco narrativi. L’esordio come romanziere è del 2008, quando collabora alla stesura di Giovanni Gelati, Diario di un podestà antifascista, edito da Belforte. Nel 2014 pubblica Sangue di Re, un romanzo young adult che racconta le storture della società contemporanea dalla prospettiva ironica e distorta di un fumettista squattrinato. Benedetta e Niccolò è il suo sesto romanzo.

.

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.

A Ronciglione, libri… al Cubo!

 

 

È la prima edizione primaverile di Cubo Festival, kermesse di letteratura ormai consolidata nel tempo (ogni inverno a partire dal 2013)

E la primavera, la meravigliosa primavera di Ronciglione, mescolando la limpida luce solare con i chiaroscuri dell’antico borgo, con ogni evidenza fa molto bene al Cubo.

«Sono presenti venti case editrici, provenienti sia dalla Tuscia e dal resto del Lazio che da altre regioni d’Italia. Alla fine saranno circa  una cinquantina gli autori che presenteranno le proprie opere mi dice, non nascondendo una certa soddisfazione, la giovane e infaticabile Valentina Vinci.

«Con i cinque  dell’Associazione Arca (di cui sono vicepresidente – il presidente è Alessia Leali) collaborano anche Italo Leali (comunicazioni, public relations e impaginazione computerizzata) l’architetto Dario Pompei (public relations, location e allestimenti) e Alberto Santucci (segnaletica orizzontale e verticale, stampa, fotografia).»

Decisamente suggestiva e singolare, l’atmosfera del Cubo Festival, con le vestigia di una Storia che si perde nei secoli e le sedie inchiodate al muro, basi di appoggio dei “libri randagi”, che i passanti possono prendere, conquistare, sfogliare e leggere a proprio piacimento. 

«Nelle nostre intenzioni si tratta di un invito a trovare il tempo per fare una pausa (ciò che si vuole davvero è sempre possibile) per leggere, sia sul posto che take-way» spiega Valentina., per concludere subito dopo con la parte che, con ogni evidenzia, più sembra gratificarla e infervorarla:

«Credo che una delle ideee più belle sia stata quella di coinvolgere attivamente nella manifestazione alcuni ragazzi del Liceo Scientifico Meucci di Ronciglione, scelti secondo le specifiche competenze (ma anche passioni) nell’ambito del progetto alternanza scuola -lavoro. Un’altra iniziativa cui tengo (e teniamo) particolarmente è quella relativa alla presenza di numerosi racconti scritti dai detenuti di carceri della regione, destinati a essere letti pubblicamente nel corso del Cubo Festival e successivamente raccolti in un libro da pubblicare»

Insomma, se l’esperimento (che intanto è ben cominciato) si cocluderà positivamente, l’intenzione è di ripetere l’edizione primaverile anche  nei prossimi anni.

 

Ecco, partendo dalla vivace e colorata immagine soprastante, questa prima parte del post la chiudo qui, facendo parlare… Ronciglione: 

 

  

Venendo ai libri (soprattutto a quelli della Edizioni Serena) vi posso raccontare di due riuscitissime presentazioni, che ahnno visto coinvolto Patrizio Pacioni.

 

 

 

 

 

La prima, relativa alla presentazione di «In cauda venenum», si è risolto in un rilassato colloquio tra Serena D’Orazi e l’Autore romano che si è allargato oltre il contenuto del libro, spaziando su vari argomenti: dalla tecnica di scrittura al teatro (in questi giorni si sta rappresentando al San Raffaele di Roma il dramma «Il corno di Olifante», portato in scena dalla Compagnia Stabile Assai), al giornalismo d’inchiesta. Nel corso del suo intervento Pacioni non ha mancato di invitare gli studenti del Liceo Scientifico a partecipare al grande e originalissimo concorso a partecipazione gratuita Le Ombre di Monteselva.



Titolo: In Cauda Venenum – Una trappola per il leone

Autore: Patrizio Pacioni
Prezzo: Euro 15,00

Alla seconda, Patrizio Pacioni ha partecipato in qualità di conduttore dell’intervista al Vescovo Micalef, autore di «Lo Spirito Santo e i suoi ineffabili doni» efficacemente coadiuvato dal concentratissimo e disinvolto studente Roberto Tedeschini, coinvolto nel progetto “alternanza scuola lavoro” di cui si è parlato qualche riga più in alto e sul cui intervento non posso che esprimere il mio personale e più ampio apprezzamento.



Titolo: Lo Spirito Santo e i suoi ineffabili doni

Autore: SUA ECC.ZA REV. MA MONS. SALVATORE MICALEF – VESCOVO E VICARIO
Prezzo: Euro 10,00

A seguire, tra venerdì, sabato e domenica, ancora altri libri di Edizioni Serena:



Titolo: Dilemma Caravaggio

Autore: Fabrizio Antonelli – Lucia Della Giovampaola
Prezzo: Euro 22,00


Titolo: Dante e la Tuscia
Autore: Giuseppe Rescifina
Prezzo: Euro 15,00

.

Titolo: Una maschera per vivere

Autore: Salvatore Buccafusca
Prezzo: Euro 15,00

 

Andate a Ronciglione.

Per i libri, ma non solo per il libri.

Perché la cultura ha sei lati da scoprire.

Proprio come un Cubo.

 

  Valerio Vairo

Categorie: Scrittura.

Ex Libris (14) – Chi trova un (vero) Poeta, trova un tesoro

N’zuppilu n’zuppilu, vale a dire “a goccia a goccia”, ma anche qualcosa di più, che sa del lentissimo distillare di profonda sofferenza da un’alambicco.

Sonorità e pensieri profondi, voce e visioni. Lingue diverse per esprimere concetti universali.

Il tutto amalgamato da una straordinaria attenzione all’intimità, da una capacità emptica fuori dal comune e, soprattutto, da una padronanza dei versi di assoluto rilievo.

Sto parlando della silloge dell’autore catanese (di Misterbianco, per la precisione) Giuseppe Condorelli, un poeta che ha saputo sorprendermi come pochi altri prima. 

È un libro sottile, il suo, ma talmente denso di spunti di riflessione da indurmi a raccontarvene appoggiandomi ai singoli versi, colti come fiori preziosi di un rigoglioso orto botanico. Da leggere a primo impatto in dialetto siciliano, da parte di tutti, anche di chi non dovesse capirne un granché, per assaporare il ritmo, direi la voce, dell’humus territoriale e popolare che lo ha partorito. Per poi passare a una seconda, immediata lettura di ciascun brano più meditata: nella lingua della mente, che consentirà di apprezzare in pieno e introiettare il meccanismo di costruzione psicologica e le pulsioni dell’anima.  

Parto da quel sottile quanto insidioso tedium vitae, che serpeggia tra le liriche. Problematico stato d’animo proprio di chi realizza che troppo breve e troppo travagliato è il tempo concesso nel percorso terreno, perché un essere umano possa riuscire a soffermarsi sulle proprie radici e sui finali traguardi dell’esistenza.

Farisi  vecchi /senza primura / comu  i jatti da casa …

Invecchiare / senza fretta / come i gatti di casa

Allora, forse, non resta che attendere che il dolore e la malinconica introspezione sui ricordi ombrosi della vita che scorre, attraverso i versi, diventino bellezza.

Do scuru to tempu / non si fa mai jornu

Dal buio del tempo / non si fa mai giorno

Fino alla scoperta, spesso tardiva, purtroppo sempre dolente, della vera realtà della vita: un crudele giocattolo che bisogna vedere spezzato, per  avere la speranza  d’intendere, o solo d’intuire, quali ne siano i più autentici meccanismi.

E ju, che jnocchia / minnicati / no’ puteva sapiri / da musura rutta da vita

E io, con leginocchia / scorticate, / non potevo conoscere / la misura rotta della vita

Inevitabilmente, in certi momenti più difficili, lottare sembra inutile, o perlomeno inadeguato, ma è sensazione erronea, frutto di momentaneo sconforto. Appare vano persino il riempirsi di concetti, idee, emozioni e  cognizioni attraverso la lettura e la scrittura, che pure rappresentano i più saldi riferimenti a disposizione.

I me libbra su janchi / c’ae sucatu / ogni parola / ‘ppi sbrizziarla ‘nte fogghia / ma nun ne haiu cchiù armu.

I miei libri sono bianchi. / Ne ho risuucchiato / ogni parola / per schizzzarla sui fogli /,   /  a non ne ho più la forza.

Alla fine, alle soglie dell’inevitabile capitolazione al cospetto di una Morte signora dell’effimero, il resoconto, relegato in quallo che il Poeta chiama ‘o tetto mottu do me armu (lo sgabuzzino della mia anima) può apparire sconsolante.

Mi cercherete / sulle pagine, / nei cassetti. Metterete insieme parola / su parole. / Ma o sono qui, / adesso. / Non dovete leggermi, / dovete parlarmi. / Sono fatto / di carne, / di pensieri  / e di sangue. / E non d’inchiostro.

Tutto vano, dunque? Non resta che la resa?

No. Per fortuna ci sono anche sentimenti positivi. C’è L’Amore. C’è la Passione. c?è la voglia di condividere l’Assoluto con una persona cara.

Sacciu tuttu di Te / ca mi concimi / u sangu. / Chiddu ca non t’ae dittu / ancora cogghilu / intra a me ucca. / (Ccu masuni). 

Di Te conosco ogni cosa, / Tu che mi concimi il sangue. / Quello che ancora non ti ho detto / coglilo / dentro la mia bocca / (con un bacio).

O ancora:

Aoggi è bonu / agghiorna prestu / intra / ‘i to razza. / Attagghiu a tia /non finisciu mai.

Oggi è bello / fa subito giorno / dentro / le Tue braccia. / Vicino a Te / io non finisco mai.

Sì, perché per Giuseppe Condorelli, in presenza di un amore autentico e profondo, al sempre presente e incombente quasimodiano “ed è subito sera” è possibile che si affianchi, per fortuna, un più positivo e consolante “fa subito giorno“, capace di toccare più da vicino e ancora più intensamente, visto il contesto,  il cuore di chi legge.

Ad arricchire ulteriormente questa già preziosa silloge, un’altra traduzione, in inglese (curata da Maristella Bonomo e da Andrew Brayley), capace di conferire all’opera un respiro internazionale.

.

  

 

Una scoperta fortuita, da parte del sottoscritto, quanto gradita: l’ennesima dimostrazione, semmai ce ne fosse la necessità, di come non sempre una grande poesia sia appannaggio soltanto di grandi nomi.

Un Autore da seguire nei prossimi cimenti, a cominciare da quel  “Desinenza in nero” (che sarà, a quanto sembra, la prossima uscita) e dai lavori di critica poetica e letteraria che fanno tradizionalmente parte del bagaglio di Giuseppe Condorelli.

.

Titolo: N’zuppilu n’zuppilu (Wet Through)

Autore: Giuseppe Condorelli

Curatori della traduzione in inglese: Maristella Bonomo e di Andrew Brayley

Disegni a china: Tano Brancato

Editore: Edizioni Le Farfalle

Anno: 2016

Pagine: 62

Prezzo: 10 €

ISBN: 978-88-98039-24-1

Giuseppe Condorelli insegna Lettere nella scuola superiore. Si occupa attivamente di poesia, critica letteraria e teatrale su quotidiani, settimanali e riviste specializzate. Scritti, racconti e recensioni, sono apparsi su diverse riviste di settore. Un suo testo per Marco Nereo Rotelli è stato pubblicato ne L’Isola della Poesia (Convegno Edizioni Quaderni dell’Isola, Cremona 2003).
Ha ideato e curato rassegne di incontri mensili con l’autore e kermesse d’arte in collaborazione con la cattedra di Plastica Ornamentale dell’Accademia di BB.AA. di Catania e l’Associazione culturale Interminati Spazi (con Paolo Lisi). Ha curato la sezione Poesia per il progetto Castelmola Città degli Artisti. Nel 2008ha pubblicato Criterio del tempo (I Quaderni del Battello Ebbro – Porretta Terme  Bologna). Nel 2011 due sue liriche sono state messe in musica da Mariano Deidda nel cd Deidda canta Pavese. Nel 2013 ha curato per l’Almanacco Internazionale di Poesia edito da Raffaelli il Quaderno dediicato alla poesia oggi in Sicilia. Vive a Misterbianco.

 

 

 

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.

Piadena: quando la scuola… è buona davvero

Çlirim Muça, oltre a essere un abile e fantasioso narratore, un immaginifico drammaturgo e un instancabile produttore di versi di grande spessore, appassionato ricercatore di ogni forma tecnica di poesia, anche della più esotica estrazione e tipologia, è anche… un carissimo amico.

Per questo, quando mi ha chiesto di collaborare a un certo progetto in quel di Piadena, con la prospettiva di affiancarlo in una conferenza sugli haiku e in un’altra sulla fiaba e sulla favola, nonostante l’incombere della “prima” romana del mio nuovo dramma incentrato sulle altissime figure di Falcone e Borsellino, messo in scena dalla Compagnia Stabile Assai, non ho saputo dirgli di no.

Per l’amicizia che ci lega, sì, ma anche per un altro motivo che vi dirò… tra qualche riga.

Saltata per una improvvisa emergenza la mia partecipazione relativa alla “favolistica” (alla quale ho già dedicato FiAbacadabra e FiAbacadabra 2… con la voglia crescente di metter mano a un FiAbacadabra 3), stamattina è venuto il momento degli haiku.

La sede scelta per l’incontro (eccola la seconda ragione che mi ha spinto ad accettare la proposta dell’amico Çlirim, ovvero la gratificazione che mi regala il parlare di scrittura alle e con le nuove e nuovissime generazioni) era questa, di Torre de’ Picenardi:

Che il mio amico sapesse il fatto suo, che riuscisse senza nessuna difficoltà a instaurare un positivo feeling con qualsiasi tipologia di auditorio, mi era cosa ampiamente noto. Ciò che invece mi colpisce e (positivamente) mi stupisce ogni volta che mi capita di mettere piede in una scuola, sono l’attenzione e la partecipazione di cui sono capaci gli studenti allorché vengono sollecitati ad apprendere con il dovuto approccio.

Così la mattinata si è rivelata oltremodo piacevole e produttiva per tutti. Un modo come un altro per dire che, insomma, i ragazzi hanno lavorato tanto e con ottimi risultati.

 

Dopo avere ascoltato con la massima attenzione la parte tecnica, hanno preso penne e quaderni creando, riuniti in sottogruppi, haiku e renga (catene di haiku collegate per incastro logico o evocativo) di significativo spessore, in una festa per la mente e per il cuore.

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

È stata una settimana impegnativa e straordinariamente intensa, questa della prima edizione di Art Book.

«La manifestazione, dedicata alle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria, fa parte dell’iniziativa “Lettura d’Istituto“, appoggiata dalle Istituzioni locali nell’ambito nazionale di “Maggio mese dei libri»  spiega Umberto Parolini, dirigente scolastico del comprensorio che include dieci scuole che garvitano su Piadena.

«Si tratta, in realtà, di una ripresa e di una rivisitazione (credo migliorativa) di un’idea che avevo avuto e messo in pratica circa dieci anni orsono, nel corso della mia precedente esperienza ad Asola)», precisa subito dopo.

«Un lavoro che ha coinvolto nel complesso circa 850 studenti, interessandoli alla lettura, al componimento poetico, alle arti figurative e, soprattutto ai collegamenti tra tutte queste discipline artistiche ed espressive. Risultati che valuterò ancora più nel dettaglio quando la settimana sarà conclusa, ma di cui non esito sin d’ora a dichiararmi soddisfatto, grazia anche alla preziosa collaborazione di tutti i professori coinvolti e all’intevento dei partners: la casa editrice Artebambini, Arti e Affini di Rita Spagnoli e, naturalmente gli “esperti“».

Preciso che con la parola “esperti” il dottor Umberto Parolini (ritratto a destra nella foto sovrastante) intendeva parlare oltre che di me (bontà sua) e di Çlirim Muça, anche del gionalista e poeta/scrittore Alberto Figliolia, del fotografo Nicola Mauro Salza e della poetessa, particolarmente impegnata nella rieducazione e nel recupero carcerario Silvana Ceruti

  

Per chiudere una piccola serie di istantanee destinate a fare venire voglia di vistitare quest’angolo di Lombardia a chi non ha ancora avuto la fortuna di farlo. 

 

 

Tranquillità, suggestioni della Storia, la pacata bellezza dei campi frutto della laboriosa tradizione contadina e, ultima ma no ultima, un’ospitalità generosa e un’offerta culinaria letteralmente…  da favola.

Categorie: Da me a Voi.