Vent’anni dopo (e non si parla di Alexandre Dumas)

Nel 1997 veniva pubblicata per la prima volta, su una rivista con la tiratura di diverse decine di migliaia di copie, un mio racconto.

Il titolo? «Visita a sorpresa».

Vi stupirà forse sapere che la rivista sulla quale fu pubblicata, diffusa nelle edicole di tutta Italia, era specializzata in informatica.  In un’epoca di autentica esplosione della passione per i nuovi stupefacenti mezzi di comunicazione di massa, di meraviglia per le potenzialità teoricamente illimitate della nascente Rete, nulla di strano che la tiratura fosse di diverse decine di migliaia di copie. La scelta di «Visita a sorpresa» derivò, probabilmente dalla circostanza che il racconto si era appena aggiudicato il primo premio di uno dei primissimi concorsi di scrittura banditi e gestiti in via informatica: il mitico “Tacchino Letterario” (avete capito bene, tacchino non taccuino!) pensato e organizzato da una banda di giovani pazzi tra i quali mi piace ricordare un certo Iacopo De Michelis, una delle più importanti e autorevoli teste pensanti della letteratura italica del terzo millennio.

A venti anni di distanza (mioddio, come vola il tempo), con quasi venti libri usciti in libreria, ho il piacere di riproporvelo.

E siccome Non mi è mai piaciuto, non mi piace e mai mi  piacerà assumere posizioni “neutrali”, sostanzialmente timide, vi dico che, pur nel quadro della maturazione stilistica e di una naturale evoluzione della tecnica di narrazione e scrittura, questa prima, breve storia, è destinata a restare una delle cose più argute e accattivanti che mi sia capitato di creare.

Scaricatelo qui:

http://www.digitanto.it/mc-online/PDF/Articoli/162_248_254_0.pdf

… e buona lettura!

Categorie: Da me a Voi.