Goodmorning Brescia (165) – Mostri di fuori vs. mostri di dentro

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan.jpg  Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan2.jpg

.

Palazzo Martinengo delle Palle.

Diciamocelo francamente, il nome della location, preso nel suo complesso, è un po’ strano, un singolare ibrido tra frivolo, kitsch e freak

Dopo aver rimirato la classica facciata e una volta all’interno, però, il palazzo e la elegante sala del Camino, che questo pomeriggio ha ospitato «Tutti i mostri di Dylan Dog»  inserito nel ciclo «FuoriNorma» – progetto pensato e organizzato da Somebody Teatro delle diversità, però, rendono giustizia al prestigioso blasone di famiglia.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan4.jpg Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan5.jpg

.

Soprattutto, i tantissimi bresciani che gremiscono la sala (in ogni ordine di posti, come dicevano i cronisti di una volta), si rendono conto che di palle non se ne dicono: l’evento, condotto dalla spigliatissima giornalista radiofonica Giusi LegrenziHo esperienza di scrittura e scrittori, ma non di fumetti, e questo dettaglio si attaglia perefttamente allo spirito FuoriNorma che anina questa serie di eventi» premette) parte, procede e finisce sollecitando l’interesse e la curiosità di tutti i prenseti, mischiando a spunti ironici e toni distesissimi, importanti informazioni sul mondo dei comics (quello di Dylan Dog, appunto, ma non solo), dei suoi personaggi e di molti suoi retroscena. 

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Barba2bis.jpg

.

Così veniamo a sapere delle vivaci ma creative baruffe tra Paola e Corrado, quando capita di lavorare insieme alla creazione di una storia; del fatto che per quanto riguarda linea e nuovi sviluppi del fumetto, ciascuno può dire dice la sua, certo, ma alla fine decide sempre Lui, cioè il grande vecchio Tiziano Sclavi; si entra più nel personale dei tre artisti presenti, venendo a contatto con la pacata razionalità di Gigi Simeoni (curatore dell’evento), con gli spigoli caratteriali e l’ironia corrosiva da “cattivo ragazzo” di Corrado Roi, si scherza (ma non troppo) sulla sovraesposizione da social dell’autrice di “Bilico“, “Mani nude“, “Il filo rosso”, “Non ti faccio niente“, “Io so chi sei” e “Zoo” (《Se non l’unico, senz’altro il più agevole mofo che ho a disposizione, in presenza di un’attività frenetica sia come scrittrice che come madre, per reatare connessa con il mondo》 si schermisce Paola Barbato, definendosi, più che una indagatrice dell’incubo, «una indagatrice del dubbio» )

Inevitabilmente salta fuori anche il primo (francamente mal riuscito) tentativo  di portare il giovanotto in giacca nera e camicia rossa sugli schermi cinematografici.

Colpa dell’eccessiva americanizzazione del personaggio» è il parere di Paola Barbato, che poi spiega: «sono convinta che il prossimo, già in produzione, più “italianizzato” andrà molto meglio》.

Gigi Simeoni spiega il successo ultratrentennale di Dylan Dog con la circostanza che al favorevole abbrivio di un posizionamento iniziale in un vuoto presente all’epoca nel fumetto italiano (così come avvenuto -ancor prima- con Tex) è seguito un lavoro di produzione narrativa che, oltre a narrare storie originali e avvincenti, ha abbinato alle trame citazioni di conoscenza comune e trasversale, facilmente riconoscibili da ogni fascia di lettori.

Corrado Roi fa presente come, nonostante i molti de profundis indirizzati ai comics italiani, si stia registrando un ritorno dei giovani lettori e appassionati.

Poi. portato nella sala all’interno di una cassa sinistra quanto basta, spunta fuori in carne e ossa (forse sarebbe meglio dire in occhiali e baffi)  la spalla comica del meditabondo eroe di Craven Road, ovverosia quell’inesauribile macchina di battute e riflessioni (più quest’ultime delle priome, anche se potrebbe sembrare il contrario) che risponde al nome di Groucho. A interpretarlo, con buona verosimiglianza e straordinaria immedesimazione, un Luca Bassi in stato di grazia.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Barba3.jpg

.

Quanto basta per scaldare al calor bianco un’atmosfera già calda e arrivare al saluto finale dell’inesauribile Beatrice Faedi, autentica anima di FuoriNorma.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan3.jpg

.

Palesemente soddisfatta della riuscita di questo round, annuncia l’attesa esibizione dak vivo dei talentuosi allievi della Scuola del fumetto di Brescia.

 

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leonessa.png    Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (161) – Entrare a teatro per uscire da una noiosa routine

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FuoriNorma2.png

.

Una conferenza stampa affollata di giornalisti e davvero… fuori norma, quella che si è tenuta nel primo pomeriggio presso la Sala Giunta di Palazzo Loggia, con la presenza di surreali e accattivanti maschere viventi.

Del resto è ormai nota a tutti l’originalità della rassegna che da quattro anni si innesca nel ricco calendario bresciano di prosa.

Si parla di

GIORNATE FUORINORMA 2019
26 Ottobre, 7, 8, 9, 10, Novembre
CHE MOSTRO CHE SEI!
Guardarsi ed essere guardati tra fragilità paura e nuove scoperte.
Teatro, danza contemporanea, workshop, incontri, attività per ragazzi, musica, happening intorno ad arte e diversità

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FuoriNorma3.jpg

.

Apre gli interventi Felice Scalvini, Presidente della Fondazione ASM.

«Più che una conferenza stampa sembra una performance, pienamente in linea con lo spirito che anima Fuorinorma !» non può fare a meno di mettere in risalto, ricordando che fin dall’inizio di questa manifestazione ASM non si limita a collaborare con gli organizzatori, ma dialoga con loro, nel comune intento della valorizzazione in città e dintorni del teatro sociale d’arte.

«Sono tre anni che il CTB collabora con questa manifestazione con assoluta convinzione, come dimostrato dall’inserimento di uno degli spettacoli che compongono la rassegna all’interno del cartellone “ufficiale” della corrente stagione» ribadisce il direttore del CEntro Teatrale Bresciano, Gian Mario Bandera.

Giuliana Bertoldi, Consigliere della Fondazione della Comunità Bresciana, mette in risalto l’accuratezza con la quale è stato realizzato ogni dettaglio della rassegna, a cominciare dall’opuscolo divulgativo che, dietro un’apparente semplicità, si vuol rivelare un potente di tutte quelle energie solidali e culturali che scorrono nella città.

Marco Piccoli, Vicepresidente della Fondazione Sipec, sottolinea come sia l’inquietudine (intesa nell’accezione più positiva del termine) il “motore” che muove e rende significative tutte le giornate Fuorinorma. Per poi concludere con una suggestiva citazione:  «Essere percepiti ogni giorno come uguali è la più severa condanna all’invisibilità».

Nel suo intervento, Domenico Bizzarro, Presidente della Cooperativa Sociale la Rete, ragiona su una frase che dovrebbe essere molto più di uno slogan : «Ci si spende molto nella ideazione e nella creazione di nuove ionixziative, ma poi non ci si cura abbastanza di monitorare e curare quotidianamente i rapporti interpersonali. In altre parole: meno inaugurazioni e più manutenzioni!»

È di Beatrice Faedi, com’è giusto che sia, la “parte del leone”.

«Non fatico ad ammettereche senza il supoporto di Enti e Istituzioni, gli eventi di Fuorinorma, semplicemente, non potrebbero avere luogo» confessa l’esponente di Somebody Teatro delle Diversità.

«Quella che si presenta alla partenza è un’edizione molto corposa, dunque anche rischiosa» premette, prima di passare all’esposizone degli appuntamenti in programma.

«Si comincerà il 7 novembre con un debut»segna ci sarà poesia, dunque, ma anche recitazione, ballo e musica. Segnalo, tra gli altri, l’evento “fumettistico” (ma non solo)  “Tutti mostri di Dylan Dog”  (con la partecipazione del grande disegnatore Corrado Roi e le due dark lady della dei testi, Barbara Baraldi e Paola Barbato. che sta già incontrando un interesse persino inatteso nelle dimensioni in cui si sta registrando».

La conclusione è un numero, precisamente il 3.000 che narca le presenze registrate nelle quattro giornate della scorsa edizione.

Un nunero che, se conosciamo un po’ Beatrice, è sua ferma intenzione migliorare ulteriormente quest’anno.

Alla chiusura e al saluto di commiato (così come aveva provveduto a introdurre la riunione-stampa) provvede il vice sindaco Laura Castelletti.

«Somebody Teatro e Fuorinorma sono energia pura, qualcosa che rende possibile a Brescia porsi al centro di un certo tipo di riflessione a livello nazionale sul riconoscimento delle differenze e delle fragilità e dell’intuizione su come soddisfare certi bisogni da esse derivanti».

E. come (im)prevedibile, per la gioia dei fotografi, lo scatto di gruppo finale.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FuoriNorma5.jpg

.

..

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leonessa.png     Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Ex Libris (29) – Paola Barbato, un coraggio davvero… bestiale

Paola Barbato

Classe 1971, è milanese di nascita, bresciana d’adozione, prestata a Verona dove vive con il compagno, tre figlie e tre cani. Scrittrice e sceneggiatrice di fumetti, tra cui Dylan Dog, ha pubblicato Bilico, Mani nude (vincitore del Premio Scerbanenco), Il filo rosso, Non ti faccio niente e Io so chi sei (il primo titolo di una trilogia). Ha scritto e co-sceneggiato per la Filmmaster la fiction Nel nome del male, con Fabrizio Bentivoglio. 

www.paolabarbato.it

.

Dopo «Io so chi sei» «Zoo» è il secondo capitolo di una trilogia del brivido e della tensione ideata e realizzata da Paola Barbato: un innovativo percorso narrativo che prevede la narrazione di un complesso di avvenimenti intrisi di straordinaria tensione emotiva che si dipanano contemporaneamente ma che assumono una precisa identità in dipendenza dell’angolazione attraverso la quale la storia viene osservata e riferita.

La trama:

Anna, bella e giovane donna che si crede padrona della propria vita, senza riuscire a ricordare né quando né come sia stata rapita, si trova prigioniera in un carrozzone da zoo, più esattamente in una gabbia viaggiante, all’interno di un buio capannone situato chissà dove. Sono con lei una decina di compagni di sventura: la Tigre, il Coccodrillo, le Scimmie, la Iena, il Serpente… esseri umani messi in crudele cattività da un misterioso carceriere, come le bestie che si trovano, loro malgrado, a impersonare . Alcuni di loro si sono adattati a quella grottesca situazione, accettando di giocare quel gioco perverso, altri si sono ribellati, inutilmente. Qualcuno è già impazzito. qualcun altro sta per farlo. Qualcuno, dei prigionieri, infine, semplicemente non ce l’ha fatta. Anna, però, vuole sopravvivere. Anzi, in qualsiasi modo ciò le sarà possibile, se le sarà possibile, è fermamente intenzionata a tornare nel mondo di fuori. A qualsiasi costo.

La mia lettura:

Paola Barbato crea storie e personaggi originali e integranti e scrive con una proprietà di linguaggio e un ritmo narrativo a dir poco eccellenti. 

Ho letto tutti i suoi libri, con grandissimo piacere e partecipazione, letteralmente divorandoli in poche ore dalla prima pagina all’ultima. Ho goduto, una per una, tutte le sceneggiature del fumetto Dylan Dog che la vedono tra i massimi interpreti del personaggio creato da Sclavi. Perfettamente naturale e logico, però, che, prima o poi, la sua “O” non riesca perfettamente tonda come quella che Giotto utilizzò per stupire e sconvolgere il buon Cimabue.

È esattamente, a mio avviso, il caso di «Zoo», il suo ultimo lavoro.

Non che si tratti di un cattivo romanzo, per intenderci. Cioè, “cattivo” sì, nel senso di tagliente, angosciante, rabbioso, come e più delle opere precedenti di Paola, ma…

Il fatto è che ciò che si è disposti a definire “buono”  (a volte anche “ottimo”) se firmato da un Autore qualunque, non è ugualmente valutabile se opera di un autentico Maestro del brivido e della suspence come la Barbato. Una di quelli che, avendo abituato i propri lettori all’eccellenza assoluta, è poi costretto a mantenere un livello elevatissimo in ogni sua uscita.

Il che, ovviamente, è materialmente impossibile. 

Così, tornando a parlare dell’oggetto di questa recensione, succede che «Zoo», pur ben pensato e ben congegnato (della perfetta tecnica narrativa e del superbo stile di scrittura di Paola mi sembra di essermi soffermato già più che abbastanza) non è quella che si possa definire a pieno titolo una “pietanza” cucinata alla perfezione.

Intanto sembra che, in certi passaggi di questo suo ultimo libro occasioni, Paola si lasci prendere un po’ troppo da una corrente splatter nell’accezione del termine tecnico più ampia, cioè non riferita esclusivamente all’effusione di sangue. Mi riferisco al trattamento dei corpi, descritti a volte con meticolosità tale, nelle loro manifestazioni più materiali, da far insorgere il sospetto che si tratti di un espediente appositamente praticato al fine di shockare e “orrorizzare” senza troppa fatica i lettori, cosa che a Paola certamente non serve né mai è servito fino a questo momento. Lei sa bene come prendere il lettore per la gola utilizzando meccanismi psicologici raffinati, senza bisogno di scorciatoie lastricate di  tracce ematiche, escrementi e deiezioni varie. Un’altra osservazione è che, in diversi passaggi, si avverte fin troppo la mano della “regista”. I personaggi, Anna (la nuova prigioniera) per prima, appaiono mossi come pezzi di una scacchiera, vale a dire diretti dove il giocatore (lo scrittore) vuole che vadano, interpreti di pensieri e di parole suggerite fin troppo palesemente dall’Autore, anziché mossi da un autonomo sviluppo delle proprie personalità e dei propri processi mentali. Privando così i più attenti lettori, di quella “illusione di realtà” che in qualche modo aiuta a immergersi ancora più a fondo nel dipanarsi della storia.

i collegamenti con l’altro romanzo «Io so chi sei», la cui scrittura e lettura sovrapposte potrebbero e dovrebbero rappresentare la nuova e golosa sfida lanciata a base stessa, prima ancora che al pubblico, dalla Barbato, non tolgono (ma neanche aggiungono)  significativi contributi all’opera. 

Di chi ha organizzato la tremenda messa in scena dello zoo umano, delle motivazioni che lo  hanno portato a farlo, dell’evoluzione della sua follia, si chiude il libro non conoscendone abbastanza. Il finale (a differenza di quello di tutti i precedenti romanzi di Paola, appare troppo compresso e, in qualche modo, ampiamente prevedibile, tradendo la preoccupazione dell’Autrice (vedi poche righe più sopra) di rinforzare il potenzialmente geniale collegamento tra narrazioni diverse che, forse, avrebbe meritato maggiore e più meticolosa pazienza.

Tutto ciò (doverosamente) premesso, quando si tratta di una nuova opera firmata Paola Barbato, il consiglio è sempre lo stesso: comprate e leggete, perché 

1) la perfezione non è di questo mondo e, a lungo andare, annoia;

2) con una scrittrice fenomenale come lei, alla fine, quella di leggere ciò che ha scritto si rivela sempre la più felice delle scelte. Sarà così anche con «Zoo».

3) La partita che ha ingaggiato Paola si svolge sulla lunghezza di tre round: il primo («Io so chi sei») è stato decisamente buono, del secondo abbiamo parlato e scritto… ma il terzo? Chissà che, leggendolo, anche «Zoo» non assuma aspetti che, in questo stadio dell’impresa, non si è stato in grado di cogliere. Non resta che attendere (con grande impazienza e curiosità, per quanto mi riguarda).

  • Titolo: Zoo
  • Autore: Paola Barbato
  • Editore: Piemme
  • Anno: 2019
  • Pagine 448
  • Prezzo: 18,50 €
  • ISBN 978-88-566-7028-8

Il Lettore

Categorie: Scrittura.

Goodmorning Brescia (107) – Paola Barbato, scrittrice bresciana una e trina

.
.
Paola Barbato torna alla libreria Serra Tarantola di Brescia con un nuovo romanzo intitolato 《Io so chi sei》, e ritrova i numerosi lettori che la seguono in città e dintorni.
Ovunque vada, per presentazioni, fiere ed eventi vari, non manco di manifestare la mia brescianità》 premette, con malcelato orgoglio di appartenenza, prima ancora che Gian Paolo Joao Laffranchi cominci a intervistarla. E, per non lasciare il minimo dubbio, si avvolge nello stendardo biancazzurro, completo dell’effigie della Leonessa, che un fan le ha appena consegnato.
.
.
Poi si comincia, con un affiatamento tra intervistatore e intervistata che rende il dibattito tra Paola e Gian Paolo al tempo stesso fluido e serrato.
.
.
.
Non c è niente di solito nei romanzi di Paola.  Leggere questo romanzo è  come salire su un autobus e non poter scendere finché non si arriva al capolinea
.
.
L’idea risale al 2013 ma ho aspettato di pubblicare Non ti faccio niente e ho cominciato a scrivere Zoo prima di dedicarmi con convinzione alla stesura di questa storia, nata da una costola di un libro ancora non terminato. In Zoo i personaggi sono chiusi in una gabbia, all’interno della quale accadono cose orribili,  ma fuori chi c’è ad aspettare, a trepidare per parenti, amici o conoscenti misteriosamemte scomparsi? Insomma, più che di un sequel, si tratta di una storia laterale
.
.
.
Poi, a quanto ne so, ci sarà anche una terza fase, collegata ma indipendente, nel senso che sarà il seguito di entrambe le storie 》
.
.
Confermo, con l’aggiunta che farò ogni sforzo perché anche la terza parte di questa trilogia… anzi no, la chiamerei piuttosto  “poli-bilogia”, possa costituire una lettura autonoma, da affrontare e apprezzare cioè anche qualora non si fossero letti gli episodi precedenti
.
.

Obbiettivo ambizioso e sfidante, ma insolito nella pratica letteraria e difficilmente raggiungibile
.
.
Sarà anche insolito e non agevole, ma certamente non costituisce una novità assoluta: qualcosa del genere tentò già di fare King con l’operazione DesperationI vendicatori (peraltro non tra le  opere più riuscite dello scrittore del Maine, a mio avviso)
.
.
.
Oltre alla stordita Lena e al bieco Caparzo (i principali personaggi del libro, dei quali ci occuperemo più avanti) c’è anche un terzo personaggio inanimato: il cellulare
.
.
《Il cellulare, a pensarci bene, è diventato qualcosa di diverso e di più di uno strumento di comunicazione, la cui mancanza, anche temporanea, può conferire (e conferisce) ansia a ciascuno di noi. Il rapporto con questo oggetto può diventare inquietante da un momento all’altro, aprendo percorsi impensabili le cui conseguenze risultano imprevedibili. Pensiamo di poterlo controllare,  ma basta che il nostro numero entri in possesso della persona sbagliata e… 》
.
.
.
Parliamo di Lena, personaggio scomodo, tendenzialmente mediocre, fatalista, restio adassumere qualsiasi tipo di responsabilità, anche nei propri confronti e sostanzialmente incapace di prendere qualsiasi tipo di decisione importante, ma capace di diventare protagonista di un romanzo corposo come questo
.
.
A volte è  più interessante un forte personaggio grigio (come Lena, una che guarda scorrere la vita e che si compiace di restare a sguazzare  nella propria mediocrità) o negativo, di un opaco personaggio positivo. Poi può sempre capitare, come appunto nel caso di Lena, che l’inferno si scateni proprio quando arriva al salvataggio l’Eroe 
.
.
.
L’eroe? Non ti riferirai mica a Caparzo!
.
.
Caparzo è uno di quelli ai quali non piace l’Umanità,  un poliziotto che si muove come un animale, quieto all’apparenza e feroce all’occorrenza, cattivo ma accattivante e, sostamzialmente, un animale. Anzi, una belva
.
.
.
Torniamo a Lena e a quella sua voce interiore che finisce per renderla, per il lettore, un soggetto degno di attenzione e d’interesse
.
Quello di dare spazio e voce alla “voce interiore” fa parte di un modulo narrativo che utilizzo abitualmenteo, evidenziato anche graficamente con l’uso del corsivo. In questo caso molto utile a raccontare di una personalità oltre modo problematica
.
.

Ci sono tanti personaggi collaterali scolpiti con grande cura. Li hai pensati e sagomati  prima di cominciare la stesura dell’opera, ovvio nella fase di definizione del plot, oppure…》
.
.
Oppure.  Ferma restando la preconoscenza della trama, i personaggi decidono da soli il proprio destino nel corso della narrazione
.
.

C’è anche un cane…》
.
.
Un personaggio cardine, sì. Un animale che,  nonostante la tarda età e un occhio leso, sa vedere e discernere meglio di tanti esseri umani
.
.
.
È la più ambiziosa delle tue fatiche letterarie?》
.
.
Decisamente sì , anche per la difficoltà intervenuta a un certo punto, di distinguere tra loro le due storie  (Zoo e di Io so chi sei – n.d.r.) che, nella mia rappresentazione mentale, si miscelano e si fondono in un unico grande affresco
.
.
.
.
Cosa c’è nel futuro di Paola Barbato Autrice? Ancora thriller? Ancora paura?
.
.
Anche questo sicuramente e inevitabilmente. Ma c’è qualche idea molto prossima alla fantascienza che mi gira per la mente...》
.
.
.

 

.

  Paola si racconta

Sono nata a Milano il 18 giugno 1971 da mamma pubblicitaria e papà idrobiologo. Ma a Milano sono rimasta solo un anno e gran parte della mia vita l’ho trascorsa a Desenzano del Garda, per cui mi definisco “fieramente bresciana”. Per quanto ricordi ho sempre scritto e disegnato molto, i miei primissimi fumetti, di cui raramente faccio parola, han visto la luce intorno agli 11 anni. La comunicazione scritta per me è sempre stata fondamentale …

I LIBRI DI PAOLA (e altro)

    Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Nuvole di parole (7) – Dylan Dog «Il bianco e il nero»

x

Ancora insieme la fantasia di Paola Barbato (soggetto e sceneggiatura) e le matite di Corrado Roi, ma, questa volta, la storia non è per tutti.

La vicenda vede di nuovo a confronto il diletto Indagatore dell’Incubo e il malvagio, torvo e tenebrosissimo Uomo Nero. Solo che, stavolta, si tratta di un duello psicologico più che muscolare, con le insicurezze di Dylan che si fanno ancora più scoperte e profonde contrapposte alla crisi genitoriale del Mostro il cui pargolo imbelle non vuole saperne di imboccare, con decisione ed efficacia, la via maestra del Male.

Paola Barbato è bravissima, come sempre, a delineare passaggi psicologici complessi, a sottolineare per tutto la durata della narrazione quanto possa essere sottile e ingannevole il confine tra ciò che è veramente bene e ciò che veramente è male.

L’impressione, in tutta onestà, è che in questa occasione, però, l’impresa risulti alla fine superiore alle sue pur riconosciute quanto indiscutibilmente elevate qualità creative: al punto che alcune battute, nelle intenzioni paradossali e provocatorie, sfiorano grottesche. Risultato voluto, probabilmente, ma rischioso in quanto difficile da digerire per parecchi tra gli abituali fruitori della collana. In più, la sostanziale e perdurante stasi di una trama nel corso della quale, praticamente, non succede niente d’importante, finisce per allentare l’attenzione del lettore.

E intanto il buon Corrado Roi, pur esibendo la sua raffinata arte d’illustratore, intessuta dal solito sapiente mix di ombre e di penombre, non riesce a legarsi con sufficiente convinzione all’atmosfera e allo spirito della narrazione e… se ne va per conto suo.

Così, alla fine, c’è il rischio che qualche ostinato, irriducibile seguace della prima tradizione orrorifica di DD, salti su a chiedere e a chiedersi:  «Ma adesso che è finita la seduta di psicanalisi… arriveranno i mostri veri

Arriveranno, arriveranno. 

Basta aspettare.

Titolo: Il bianco e il nero

Soggetto e sceneggiatura: Paola Barbato

Disegni: Corrado Roi

Copertina: Gigi Cavenago

Lettering: Omar Tuis

Pagg.98

9 771121 580009

Prezzo: 3,50 €

Numero 372 della serie, in edicola dal 29/08/2017

Categorie: Scrittura.

Nuvole di parole (6) – Dylan Dog «Remake 2»

Qualcuno dice che la pastasciutta ripassata in padella per la cena,  magari con l’aggiunta di un po’ di mozzarella, può risultare ancora più gustosa di quella servita “nuova” all’ora di pranzo.

Non è un granché, come similitudine, me ne rendo conto io per primo, però…

… però, se si immagina che nella padella del “ripasso” serale, con l’aiuto della fantasia, si possono aggiungere altri ingredienti, i più diversi, che alla fine finiscono per rendere la pastasciutta una pietanza sostanzialmente diversa da ciò che era a prima botta, beh, credo che ci si possa avvicinare molto allo spirito e alle intenzioni dei questo doppio colpo di remake messo in pista per Dylan Dog, ovvero il fumetto più amato dagli italiani.

Eccoci dunque, dopo che un anno è passato (come suol dirsi) in un amen, al secondo umero consecutivo di Dylan Dog Color Fest dedicato alla rivisitazione di storie create da Lui. Proprio da Lui, sì, il sommo-eccelso-ineguagliabile Tiziano Sclavi.

 

Tre le rivisitazioni comprese in questo albo, vediamole e valutiamole una per una. Il metodo che ho scelto in questa occasione (opinabile quanto gli altri e non necessariamente migliore o peggiore degli altri) è di valutare le tre storie PRESCINDENDO dagli originali, sforzandomi, cioè, di mettere mentalmente da parte quanto pubblicato in precedenza.

  • Il Lungo Addio», affidata a Paola Barbato e Carmine Di Giandomenico è la prima del trittico, non solo perché comincia a pagina 3, ma, anche e soprattutto, perché il lavoro di introspezione psicologica, il dolente e languido romanticismo, il dolceamaro cupio dissolvi che ha saputo così bene assemblare Paola e che ne permeano ogni quadro, lo rendono (semplicemente) delizioso e indimenticabile. Perfettamente in linea con la narrazione i disegni vagamente flou del suo “complice” Carmine. Eccezionale.
  • Di rimescolare «Caccia alle Streghe» si occupano Tito FaraciNicola Mari e Luca Saponti. Il male si annida DAVVERO solo da una parte? Siamo sicuri che sia così facile distinguere con certezza tra il Buono dal Cattivo?  Narrazione nervosa, sincopata, mozzafiato. In più, in questa storia si getta il seme per la futura introduzione di un’altra valida maschera che potrà andare ad arricchire l’amato universo dylaniato: il tostissimo Daryl Zed. Molto promettente.
  • «Golgonda!» è stato ripreso da un monocratico (sceneggiatura, disegno e colore) Fabio Celoni, e qui, purtroppo, vengono meno le note positive. Storia caotica, confusa, fondata su sensazioni epidermiche e su evocazioni grafiche che (per dire la verità fino in fondo) non risultano neppure particolarmente originali e/o innovative. In più, i colori acidi scelti per l’illustrazione, probabilmente con l’idea di creare atmosfere allucinatorio-lisergiche, sortono l’unico effetto di affaticare la vista. Rimandato agli esami di riparazione. 

REMAKE 2

 

Il Lungo Addio

Soggetto e sceneggiatura: Paola Barbato

Disegni e colorazione: Carmine Di Giandomenico

Lettering: Marina Sanfelice

 

Caccia agli inquisitori

Soggetto e sceneggiatura: Tito Faraci

Disegni: Nicola Mari

Colorazione: Luca Saponti

Lettering: Alessandra Belletti

 

La grande baraonda  

Soggetto, sceneggiatura, disegni e colorazione: Fabio Celoni

Lettering:  Alessandra Belletti

 

Sergio Bonelli Editore

Prezzo: 4,90 €

98 pagg. 

9 agosto 2017

9 771971 947007

 

 
Categorie: Scrittura.

I fragili eroi di Paola Barbato? Sono invincibili.

Può essere un autore “accesissimo fan” di un altro autore?

In un agone, quello dell’italica scrittura in cui la fanno da padrone invidie e malevolenze? In cui i contendenti, si comportano come quel tal orbo di una famosa storiella: invocando in una chiesa il Santo Patrono, chiede non già un miracolo che gli restituisca la vista, bensì che il suo più acerrimo rivale perda anch’egli un occhio.

Si può, e lo affermo con assoluta certezza, visto che i sette anni trascorsi tra la pubblicazione di Il Filo rosso (Rizzoli, 2010) e quella di Non ti faccio niente (Piemme… praticamente ieri!) sono stati, non sto esagerando, tra i più lunghi della mia vita di lettore.

Per fortuna «il tempo è galantuomo», come disse qualcuno, o, almeno, correggo io, qualche volta capita che lo sia davvero.

Così, quando ho saputo che Paola Barbato sarebbe tornata in libreria e che una delle presentazioni del suo nuovo romanzo si sarebbe tenuta proprio nel centro di Brescia, praticamente a un passo e mezzo da casa mia, ho cominciato l’impaziente count down che si è concluso giovedì sera.

Intanto a introdurre e condurre l’articolata conversazione con l’Autrice gardesana c’era Gian Paolo Joao Laffranchi, giornalista i cui interessi e competenze vanno ben al di là dell’ambito sportivo (redattore di Brescia Oggi e corrispondente per la Gazzetta dello Sport) e di quello musicale (il Joao è riferito all’attività notturna di effervescente dj): lo scopro attento e informatissimo lettore, nonché abile intervistatore e intrattenitore.

Quanto a Paola… che dire? Adoro la sua scrittura e, dopo averla personalmente intervistata due volte a Villafranca, in occasione di altrettante edizioni del (purtroppo) cessato Festival “La primavera del libro”, appunto a sette anni di distanza da allora, l’ho ritrovata molto più spigliata e brillante anche nel dialogo con i lettori.  

«Questo libro è in… gestazione dal 2013, allorché sottoposi l’idea alla mia casa editrice di allora, ricevendo come risposta che si trattava di una storia “già vista”, accompagnata all’invito a “proporre qualcosa d’altro”. Capisco che le case editrici abbiano le loro esigenze, ma quando credo fermamente in un progetto narrativo è molto difficile che mi tiri indietro» racconta la Scrittrice., 

«Poi mi è capitato che, quasi per caso, mi imbattessi in WattPad (https://www.wattpad.com/?locale=it_IT  – ndr) una grande comunità virtuale per lettori e scrittori che consente ai primi di poter assaporare praticamente in diretta il lavoro degli autori e ai secondi di poter lavorare con il beneficio di sentire on the road la “voce del pubblico» continua, e già si è conquistata l’attenzione del pubblico che gremisce la saletta dedicata della libreria Serra Tarantola.

«Non ho fatto altro che recuperare le dodici pagine dell’incipit messo da parte e, in meno di settanta giorni, la storia si è praticamente scritta da sola. Nel romanzo s’incontrano tantissimi personaggi, ho dovuto creare una tavola schematica per riallacciare nomi, situazioni e luoghi. Come quasi sempre accade, poi, ciascun personaggio, nel corso della scrittura, si è ritagliato il proprio ruolo, imponendosi magari anche alle mie intenzioni iniziali o decidendo autonomamente di mettersi in disparte: un fenomeno al quale assisto, nel corso della creazione di una nuova opera, sempre con grande curiosità»

Tanti i riscontri del popolo del web, tanti i consensi e gli incitamenti ad andare avanti e a farlo in fretta, finché…

«Finché mi ha cercato Piemme, dicendosi interessata alla pubblicazione»

Occhio ai dettagli! La papera gialla che Paola tiene in mano non è certo lì per caso…  😎

Già, ma di cosa parla questo Non ti faccio niente ?

«La vicenda narrata è divisa in due periodi, una parte che si svolge negli anni ’80, latra nel 2015. Un ragazzo individua e sequestra bambini “trascurati” dalle proprie famiglie e li tiene con sé tre giorni, senza commettere, nei loro confronti, alcunché di violento o semplicemente dannoso. Poi, quando la notizia comincia a circolare diffusamente, interrompe questa bizzarra “pratica”. Dopo trent’anni, però, qualcuno comincia a rapire i figli dei bambini ch’egli aveva sequestrato»

“Banale”? Un plot come questo?Forse il “vecchio” editore avrebbe fatto meglio a cambiare il suffisso e trasformare la parola in “geniale”  (altra personalissima ndr).

«Una vicenda che sembra essere già bella e pronta per una trasposizione cinematografica» osserva Gian Paolo Laffranchi.

«La mia scrittura, probabilmente anche a seguito della lunga esperienza come sceneggiatrice di comics e non solo, si risolve in una grossa centrifuga adattabile ad altri mezzi espressivi. Quasi tutti i miei romanzi sono stati attenzionati in questo senso ma, alla fine, per una ragione o per l’altra, finora non se n’è fatto nulla. Staremo a vedere» ribatte serafica Paola.

Poi Laffranchi entra nel merito della particolarissima natura dei singolarissimi “eroi” protagonisti delle narrazioni della Barbato.

«L’eroe duro, puro e forte, estremamente sicuro di sé, non gode più dell’appeal di una volta. Il vero eroismo, in questi difficilissimi “giorni d’oggi” è quello di un essere umano inevitabilmente imperfetto, sia nel bene che nel male. Un po’ come Dylan Dog, insomma»

A questo punto, inevitabile e graditissima da parte di tutti i presenti (me per primo) un’affettuosa digressione sulla figura enigmatica e carismatica di Tiziano Sciavi, cui segue la confessione che nel personaggio di Nives (pensateci quando leggerete Non ti faccio niente) c’è più di qualcosa dell’anima dell’Autrice.

Nel vivace spazio-domande, qualcuno le chiede cosa ci sia che non va nell’editoria italiana del terzo millennio.

Si fa prima a dire quali sono le cose che vanno. In primo luogo criteri con cui si scelgono le opere da pubblicare appaiono tutti da decifrare. In secondo si sta sempre più rafforzando l’idea che gli autori vadano “indirizzati” a scrivere non ciò che detta loro l’ispirazione quanto quel che l’editore di turno reputa più profittevole. Tanto per fare un esempio, per anni mi si è continuato a chiedere di creare un poliziotto come protagonista seriale. Beh, io non accetto forzature: al momento l’ispettore o il commissario o il maresciallo non lo voglio e non lo creerò solo perché vengo “sollecitata ” a farlo. Vuole dire che Non ti faccio niente sarà il mio ultimo romanzo a uscire in lebreria? Non lo so.

Lei  non lo sa, ci può stare ma io (e con me i tantissimi che apprezzano e amano ciò che scrive Paola Barbato) mi auguro proprio di leggerla ancora e presto.

Mi sia consentita un’ultima annotazione personale sulla libreria Serra Tarantola.

Fornitissima.

Librai competenti e di una gentilezza, pazienza e disponibilità di altri tempi.

Un nome che a Brescia equivale a “leggere”.

Aspettando che iniziasse l’evento, con il pc acceso e il programma di word avviato, ho scoperto che l’elegante bar in funzione al piano di sotto sembra stimolare non poco, in me, i processi di creazione e scrittura,

Chissà, a partire dal prossimo autunno mi potreste trovare spesso seduto a bere un buon tè guarnito dei più consoni dolciumi. A fare che, credo che possiate immaginarlo da soli.

.

 

  Paola si racconta

Sono nata a Milano il 18 giugno 1971 da mamma pubblicitaria e papà idrobiologo. Ma a Milano sono rimasta solo un anno e gran parte della mia vita l’ho trascorsa a Desenzano del Garda, per cui mi definisco “fieramente bresciana”. Per quanto ricordi ho sempre scritto e disegnato molto, i miei primissimi fumetti, di cui raramente faccio parola, han visto la luce intorno agli 11 anni. La comunicazione scritta per me è sempre stata fondamentale …

I LIBRI DI PAOLA (e altro)

 

Titolo: Non ti faccio niente

Autore: Paola Barbato

Casa editrice: Piemme

Anno di edizione: 2017

Pagine: 420

Prezzo: 17,50 €

EAN: 9788856660005

 

 

 

Categorie: Scrittura.