FaIDa Morgana – Gli sbagli, gli abbagli e i ragli del Web (4)

.

I furbetti del quartierino (anti-vaccino)

Il disegno è semplice ed efficace: compare un post su facebook che , come spesso accade in certi casi, realizzato mettendo insieme (poca) verità e (molte) bugie/maliziose omissioni, si presenta diretto e suggestivo.

.

Federica Livio,

.

Ecco il percorso:

C’è un bambino (anzi una bambina, ora adulta, che risponde al nome di Alessandra Martinelli)  rimasto paralizzato in seguito all’inoculazione di un vaccino → Ergo: i vaccini fanno male o, quanto meno, possono risultare molto pericolosi;

Un Ente pubblico (la Regione Liguria) costretto a rifondere i danni  → Ergo: un giudice ha riconosciuto la nocività o quanto meno il potenziale pericolo rappresenato dai vaccini;

Un immunodepresso, finché non si ammala mortalmente, sta meglio di un bambino danneggiato irreparabilmente da un vaccino → Ergo: se proprio dobbiamo scegliere, meglio difendere i sani che i malati (teoria forse di stampo ugenetico ma, considerando la maggioranza dei sani sui malati, effettivamente efficace;

Alla luce dei punti elencati, il vaccino obbligatorio, oltre a una lesione della libertà di scelta, è un attentato alla salute pubblica.

Una bufala ben costruita, bisogna riconoscerlo. una fake di tipo “professionale” capace di ingannare chiunque non trovi tempo e voglia di verificare quale sia la notizia VERA. E qui, ovviamente, entra in gioco la sottoscritta.

.

.

Prendiamo un quotidiano a caso (in questa occasione il primo che mi è capitato sotto gli occhi è La Stampa) e leggiamo una ricostruzione più completa (e LEGGERMENTE diversa di quanto accaduto.

.L’articolista, nell’ambito di un’attenta e approfondita analisi, esprime questo concetto di basilare importanza per arricvare alla realtà dei fatti:

«Anche se l’errore viene commesso, come nel caso di Alessandra, da un medico di base, quindi un libero professionista, perché quel medico – è il ragionamento dei giudici – operava per conto della Asl. è un principio rivoluzionario perché prima, anche se la colpa del medico era accertata, difficilmente quest’ultimo aveva i mezzi economici per risarcire una vittima che avesse subito i danni di una paziente come Alessandra. »

Riandiamo allora a leggere cosa ne dice la stessa Repubblica.it e ci chiariamo ancora meglio i termini della vicenda:

«Sarebbe bastato somministrarle del cortisone per evitare la reazione al vaccino. Nonostante le pressanti richieste di intervento della madre alla guardia medica di Susa e al medico di base appena sorti i primi sintomi, il caso fu trattato in modo sbrigativo, come se si trattasse di una semplice convulsione da febbre»

Ecco, avete capito? Al posto del vaccino avrebbe potuto esserci un qualsiasi farmaco capace di causare reazioni allergiche, come -per esempio- uno a base di penicillina. Ma siccome in questo caso si trattava di un vaccino, la notizia viene caricata come una pallottola nella pistola dei no-vax.

Un pericoloso proiettile che, ancora una volta, abbiamo appena provveduto a privare di ogni significato, di ogni attendibilità e, dunque, di ogni effetto.

Mi riferisco a chi ancora non ha messo a dormire il cervello, naturalmente.

 

 

Fate i bravi e non becvete tutto quello che vi versano nel bicchiere, d’accordo? Buon Ferragosto da    

 

 

 

Categorie: Giorni d'oggi.

Post It (10) – Quanto è avanti, la Svizzera!

Che bella, la Svizzera.

Quanto sono liberali, quanto sono tolleranti, quanto sono avanti, gli elvetici.

L’eutanasia? Che problema c’è? Oltre confine ola praticano da tempo e con lo stile e la classe che sono propri a un popolo serio.

Basta pagare, s’intende: in Svizzera si può comprare e vendere di tutto, purché si rispettino le regole. Sono civili, sono moderni loro. Sono avanti.

E noi italiani, invece, selvaggi retrogradi, baciapile, conservatori inguaribili e inguardabili, cosa facciamo? Restiamoa  guardare il progresso degli altri?

Il Testamento Biologico? Roba da età della pietra. Da medioevo prossimo venturo.

Cosa si aspetta a fare sparare la pistola? Quella dello starter, s’intende, l’omino che sancisce la partenza di una corsa. Perché siamo nel Terzo Millennio e correre, bisogna, non importa se non si sa bene dove si andrà a finire e, spesso, a sbattere, finendo con il farsi molto ma molto male.

Poi su Repubblica (giornale attento al cambiamento e di larghe vedute, mica sull’Avvenire, o sul Giornale, o su Libero) compare un articolo in cui s’informano i gentili lettori che ance gli svizzeri poi così avanti non sono.

L’abbiamo detto, per avere un servizio, anche mortale, in Svizzera basta pagare. Sembra però che da quelle parti, a volte, ci su lasci un po’ troppo prendere dal business, sia che si tratti di accogliere in caveau sacchi di banconore che proprio oulite probabilmente non sono, sia di impiantare una vera e propria fabbrica del suicidio assistito.

Allora magari sarà meglio pensarci un po’ di più, a valutare con maggiore profondità di analisi una questione che dibattere nei bar, nei mercati e in una banca o in un ufficio postale così, per ingannare al meglio l’attesa, forse non è proprio il massimo.

Attezione alla libera eutanasia. È una parola grossa e pesante quanto un macigno.

Perché una cosa è evitare l’accanimento terapeutico, rispettare le volontà di chi, in un documento adeguatamente verificato e certificato, reclama il diritto a morire senza venire ridotto, nell’ultima stagione della propria vita, a un ammasso di carne tenuto in vita da un macchinario, a un fantoccio di pezza trafitto da aghi di ogni genere, attaccato a un respiratore… e così via (tristemente) dicendo.

Tutt’altro affare, sull’onda lunga di un caso particolare, di un’emozione, di un movimento di pancia, prendere la strada (in una questione che merita ben altro approfondimento) dei simpatici vicini di oltralpe tutti Ricola, prati verdi, mucche viola e squisito cioccolato.  

    Valerio Vairo

 

 

Categorie: Giorni d'oggi.