Salvo Buccafusca: «Io e il palcoscenico? Una coppia di fatto»

  

In «Sua Eccellenza è servita», commedia che egli stesso ha scritto con Patrizio Pacioni, per la regia di Giancarlo Fares, che andrà in scena per la prima volta al Teatro Boni di Acquapendente (il 3 dicembre) e subito dopo al Teatro Cyrano di Roma (dal 7 al 10) dicembre, Salvatore Buccafusca si cala nei panni di Ludovico Malvezzi,  un maturo attore dai singolari trascorsi e dalle prospettive di carriera quanto meno incerte .

 

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

 

Dunque in «Sua eccellenza è servita», hai deciso di indossare la duplice veste di drammaturgo (insieme a Patrizio Pacioni) e attore. Quali sono le opportunità e i pericoli (sempre che ce ne siano) di una tale tipologia di commistione di ruoli?

Un doppio ruolo che mi carica di doppia responsabilità. Per fortuna, fin dalle prime sessioni di prova, tra noi attori si è instaurato un clima assai propizio, intessuto di affinità, coesione e, soprattutto reciproca stima e reciproco rispetto: una situazione ideale che ha permesso agli altri di trasmettermi parte delle loro molteplici e variegate esperienze, e a me di contribuire alla giusta interpretazione attraverso la profonda conoscenza delle radici e degli scopi del testo.

.

Nella pièce interpreti un attore incamminato sul viale del tramonto, reso cinico dal mancato incontro con un autentico successo. Qual è la chiave che hai scelto per entrare più completamente nel personaggio e dargli voce e vita?

In effetti si tratta di un ruolo assai articolato e complesso,  ersattamente come articolata e complessa è la personalità di Ludovico Malvezzi, reso cinico e fatalista da una passione (quella con il palcoscenico) non sempre ricambiata con apri ardore.  Per dare maggiore spessore alla mia interpretazione, ho seguito il percorso di totale immedesimazione consigliato nel famoso metodo (definito anche “psicotecnica”) caldeggiato da Konstantin Sergeevič  Stanislavskij .

.

Parlaci della direzione da parte del regista Giancarlo Fares e di come ti trovi nel far parte di una squadra composta da attori di grande notorietà ed esperienza.

Giancarlo Fares è al tempo stesso uomo di teatro di grande sensibilità e organizzatore del lavoro serissimo e infaticabile. Inoltre, sebbene nel corso delle prove sia molto esigente, è capace di correggere eventuali imperfezioni in uno spirito di cordiale collaborazione. Se a questo si aggiunge l’elevato grado di professionalità di un cast in cui sono onorato e orgoglioso di essere compreso anch’io. Nonostante vanti al mio attivo oltre cento spettacoli messi in scena in giro per l’Italia (praticamente da sperimentata “coppia di fatto”), lavorando con registi come Fabio Cavalli, Daniela Marazzita, Francesco Cinquemani, Elio Germano, Cloris Brosca e Caterina Venturini, quella di «Sua Eccellenza è servita» rappresenta per me una tappa molto importante e una ghiotta occasione di crescita  interiore e professionale.

.

 

Quali sono i tuoi progetti (oltre a «Sua Eccellenza è servita», naturalmente) per l’immediato futuro  e, soprattutto, cosa speri che, il prossimo 6 gennaio, la Befana deciderà di depositare nella calza appesa al cammino per farti compagnia nel 2018.

Per quanto riguarda la scrittura, appunto, c’è allo studio un progetto con Patrizio Pacioni un nuovo romanzo da scrivere a  quattro mani; mi auguro che possa essere completato entro il prossimo anno. Per quanto riguarda il teatro, invece, molto è legato al percorso appena intrapreso con «Le Ombre di Platone».

.

«Le Ombre di Platone». Toh, ecco un nome intrigante. Di cosa si tratta?

Si tratta di un’associazione culturale mirata a favorire produzioni teatrali che mettano in scena nuovi testi e nuovi autori, alla promozione di scrittori e artisti di ogni modalità espressiva, all’organizzazione di eventi e  di corsi di formazione nel settore della cultura. Si parte con il nostro beneamato Vescovo sposato, protagonista di «Sua Eccellenza è servita», (che si spera di portare a spasso per tutta Italia nel 2019, a lungo e con favorevoli riscontri). Nel frattempo si vedrà di portare in scena altre produzioni e di allargare l’attività anche agli altri settori ai quali ho appena accennato.

.

 

 

.

 

   Guitto Matto

Categorie: Teatro & Arte varia.

La memoria marcia da 25 anni… e non si deve fermare

 

Nella strage di Capaci (23 maggio 1992) persero la vita, oltre a Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre componenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Sopravvissero al terribile scoppio gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l’autista giudiziario Giuseppe Costanza. L’agguato, opera di Cosa Nostra, scattò sull’autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci-Isola delle Femmine, poco distante da Palermo: alle ore 17,58, al passaggio della macchina di Falcone e di quella della scorta, di rientro in città dall’aeroporto, il sicario Giovanni Brusca aziona una carica di cinque quintali di tritolo posizionata in una galleria scavata sotto la strada.

 

Nella strage di via Mariano D’Amelio (Palermo) invece, il 19 luglio 1992, vale a dire solo cinquantasette giorni dopo l’uccisione di Falcone, oltre al magistrato Paolo Borsellino perirono  i cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Unico sopravvissuto, pur se gravemente offeso dall’esplosione di Antonino Vullo. Alle ore 16,58, non appena il magistrato e la sua scorta si fermarono sotto il palazzo in cui viveva la madre di Borsellino, con un telecomando azionatoa  distanza venne fatta esplodere una carica di circa 100 chilogrammi di tritolo, piazzato in una Fiat 126.

 

  

Ieri a Tempo di Libri, prima edizione della nuova kermesse editoriale di Milano, è stato lanciato il progetto La memoria in marcia, il tour in dieci tappe che porterà da Peschiera del Garda a Palermo l’autovettura (la cui sigla-radio, Quarto Savona 15, non sarà mai dimenticata) sulla quale si trovavano, al momento dell’esplosione gli uomini della scorta che seguivano la Croma di Falcone. L’evento è stato completato e arricchito dall’intervento della signora Tina, vedova del caposcorta Antonio Montinaro.

Una reliquia di straordinaria suggestione e valore morale e civile, che già è stata esposta al pubblico in altre località in occasione di manifestazioni e cerimonie per la legalità e che, nelle intenzioni dei promotori dell’iniziativa sarà utilizzata come “Memoria in marcia” attraverso l’Italia, per dare ancora più rilievo e spessore alla ricorrenza del venticinquesimo anniversario.

Il mese prossimo, poi, a partire dal 23 maggio (vale a dire esattamente 25 anni dall’attentato di Capaci) importantissimo appuntamento al moderno Teatro San Raffaele di Roma, dove sarà portato in scena dalla Compagnia Stabile Assai il dramma «Borsellino e l’Olifante» scritto da Patrizio Pacioni, per l’adattamento e la regia di Antonio Turco.

 

Compagnia Stabile Assai

Fondata nel 1982 da Antonio Turco, responsabile delle attività culturali presso la Casa di reclusione di Rebibbia, si serve dell’attività teatrale come strumento di socializzazione e riadattamento.

La compagnia è formata da detenuti e da detenuti semi-liberi che fruiscono di misure premiali, oltre che da operatori carcerari e da musicisti professionisti. I testi degli spettacoli sono inediti, scritti con la collaborazione di tutti i detenuti.

Nel 2009, la Compagnia si è esibita alla Camera dei Deputati e, nel 2011, in Campidoglio.

Nel corso degli anni, la Compagnia ha collezionato diversi riconoscimenti, tra cui la Palma d’Eccellenza del Premio Cardarelli (2007), il Premio Massimo Troisi nel 2011 e la medaglia d’oro del Capo dello Stato Giorgio Napolitano nel 2012.

Sulla Compagnia è stato girato il documentario Offstage, del regista Francesco Cinquemani

«Borsellino e l’Olifante» è il terzo dramma scritto da Patrizio Pacioni che la Compagnia porta in scena, preceduto da «La verità nell’ombra» (2015) e «Diciannove + Uno» (2016).

    Valerio Vairo

Categorie: Giorni d'oggi.