Kon Tiki: cinquemila miglia di oceano e un grande insegnamento

.

La storia, il libro, i film

Kon-Tiki (Dio Sole) è il nome di una zattera e il titolo di un romanzo (1950 -autore il norvegese Thor Heyerdahl – titolo originale «The Kon-Tiki Expedition: By Raft Across the South Seas»), di un documentario (1950 – premio Oscar di categoria nel 1952) e di un film (2012 – diretto da Joachim Roenning ed Espen Sandberg – tra le nomination per il premio Oscar.

 

  

 

Prende il nome dalla zattera con la quale lo stesso Thor Heyerdahl e i suoi cinque compagni di avventura (Erik Hesselberg, navigatore ed artista, che dipinse il volto del dio sulla vela;  Bengt Danielsson, cuoco e cambusiere; Knut Haugland, esperto radio; Torstein Raaby, trasmissioni radio; Herman Watzinger, ingegnere esperto in misurazioni).

La spedizione, finanziata da donazioni private e supportata dalla fornitura a titolo gratuito di attrezzature e viveri da parte dell’esercito statunitense, fu progettata e realizzata allo scopo di dimostrare la possibilità che popolazioni del Sud America potessero avere raggiunto la Polinesia in epoca pre-colombiana.

Kon-Tiki, costruita in balsa e corde di canapa, secondo la povera tecnologia locale dell’epoca, descritta dai conquistadores spagnoli, partì dal porto di Callao (Perù),  il 28 aprile 1947, conducendo la zattera, il 7 agosto successivo, dopo centouno giorni di viaggio nell’oceano e cinquemila miglia di avventurosa navigazione, a raggiungere e superare, non senza difficoltà, la barriera corallina di Raroia, nell’arcipelago delle Isole Tuamotu. La zattera  Kon-Tiki, completamente restaurata, è in esposizione al Kon-Tiki Museum di Oslo.

.

Lo spettacolo

All’anteprima sono presenti esponenti dell’informazione e numerosi insegnanti delle scuole di Brescia. Ci somno anche Silvia Quarantini (che ha coadiuvato sia la regia che la preparazione del protagonista) e Alessandro Mor, poi coinvolto “a sua insaputa” in un momento della recita.

In scena c’è solo uno studioso sudamericano che, con l’aiuto di una lavagna scolastica sulla quale è disegnato il mappamondo, narra, come se fosse una lezione, l’epica spedizione di Kon Tiki, la cui partenza è salutata e acclamata da migliaia e migliaia di persone convenute a Callao.

.

.

La scenografia è semplice, per non dire essenziale: un tavolo, un libro, un vecchio registratore, un suggestivo modello di una zattera, una bottiglia d’acqua utile a evocare il movimento del mare, una grande vela con l’effigie del Dio Sole, un sestante…

Insomma, quanto basta per catturare l’attenzione e la curiosità degli spettatori e metterne in moto la fantasia, ovvero la più grande e completa scenografia che esista al mondo.

Il professore (interpretato da Marcelo Sola, sorprendentemente padrone della scea al suo debutto  da attore) tiene la sua “lezione” con naturalezza e brio, intercalando battute e persino una canzone che accompagna egli stesso alla chitarra, a osservazioni più serie e meditate, approfittando della suggestione della narrazione per distribuire pillole d’informazione (la civiltà degli Inca e la loro disperata fuga verso la costa, sotto l’incalzare del nemico venuto da oltremare, le esplorazioni di Magellano) assai utili e opportune per il giovanissimo pubblico che costituisce il principale target di questo spettacolo. Si sorride, sì, ma ci si emoziona anche, al pensiero dell’aspro confronto con la natura, alle speranze e alle disillusioni dei naviganti, a quell’uccello in volo che, finalmente, conferma che l’approdo non è più così lontano.

.

.

Sa come coinvolgere gli spettatori, Marcelo Sola, invitandoli a immedesimarsi nei membri dell’equipaggio, in quei cinque norvegesi e nello svedese… e anche nel pappagallo che portarono con sè.

Una storia edificante, ma non solo.

In quella specie di “migrazione a rovescio” in occasione della quale, alla fine, furono gli indigeni ad accogliere i naufraghi “civilizzati” occidentali come fratelli, non si può non ravvisare una parabola, una esortazione che, in questi giorni, naviga ahimé davvero controcorrente in un mare di egoismo e diffidenza verso ciò che è diverso da sé.

Un messaggio che, ne sono certo, i ragazzi che assisterannoa  questo spettacolo, coglieranno con quella prontezza e con quell’adesione mentale e spirutuale che solo la loro verde età sa esprimere appieno.

.

.

.

È una compagnia teatrale professionale di Brescia che opera a livello nazionale (sotto forma di cooperativa sociale onlus) fin dal 1979, anno della fondazione cui contribuì anche il Centro Teatrale di Bergamo. Per il conseguimento di principali scopi  (svolgimento di attività socio-educative nel campo della promozione, della educazione, della cultura, dell’arte e del turismo culturale, con focus  prevalente, anche se non esclusivo, su minori, adolescenti e giovani in ambito scolastico) si avvale dei seguenti strumenti:

  • produzione e promozione di ogni genere di servizio culturale, di animazione (ricreativo ed educativo) per minori, adolescenti e giovani;
  • organizzazione e promozione di festival, rassegne e stagioni teatrali;
  • incontri, convegni, mostre e iniziative culturali, con particolare attenzione al teatro per l’infanzia e per la gioventù;
  • organizzazione di laboratori, seminari, corsi di preparazione;
  • aggiornamento e formazione per insegnanti, educatori, animatori, genitori e studenti delle scuole dell’obbligo;
  • produzione, organizzazione, promozione e distribuzione di produzioni teatrali, spettacoli ed eventi rivolti in primo luogo a minori e giovani;
  • elaborazione di materiale didattico diretto soprattutto agli operatori in ambito scolastico.

Dunque il prossimo anno ricorrerà il quarantennale della fondazione, per il quale si sta meditando il miglior modo di celebrare.

«L’attività del Telaio, nel rispetto di un sempre elevato standard di qualità, è in continua crescita anche quantitativa, anche in termini di ospitalità reciproche con altre associazioni operanti in Italia e all’estero» ci dice Maria Rauzi.

«Basti dire che, nelle ultime stagioni, per soddisfare la richiesta da parte del pubblico, in presenza di impianti di non adeguata capienza, si sono dovute raddoppiare le repliche rispetto a quelle originariamente previste»

Meglio andrà, certamente, allorché sarà fruibile il nuovo duplice impianto di via Milano la cui consegna è prevista più o meno tra tre anni (vds. precedente articolo a questo link:

https://cardona.patriziopacioni.com/goodmorning-brescia-teatro-ideal-oltre-la-strada/ .

.

.

KON-TIKI

con Marcelo Sola

scenografia di Giuseppe Liuzzi

musicghe composte ed eseguite dal vivo da Marcelo Sola

drammaturgia e regia di Angelo Facchetti

(nell’ambito della rassegna “Un salto nel nullo” organizzata dal C.T.B.)

Sabato 30 giugno ore 18 – P.co la Rosa Blu – Via Nullo – Brescia

.

.

   GuittoMatto

Categorie: Teatro & Arte varia.

Goodmorning Brescia (113) – Interrogato, il Castello si rifiuta di rispondere

.

Insomma, sembra che ci sia uno studioso belga, tale Ferdy Hermes Barbon, eminente glittografo nonché segretario dell’Ateneo di Treviso, che ha esaminato in compagnia della castellologa Giusi Villari, pietra per pietra, le mura dell’amata fortezza che, dall’alto veglia su Brescia.

.

.

.

Circostanza non spettacolare, ma che non poteva certo sfuggire a un tipo come Costanzo Gatta che, come tutti ormai sanno perfettamente, non solo a Brescia, oltre a essere un eccellente giornalista, è anche curioso come una scimmia.

Dopo averci spiegato che cos’è la

glit|to|gra|fì|a   comp. di glitto- e -grafia, cfr. fr. glyptographie

ovvero la

glìt|ti|ca  der. di glittico, cfr. fr. glyptique – arte tecnica dell’intaglio e dell’incisione di gemme e pietre dure | studio e descrizione delle pietre preziose intagliate

Costanzo Gatta ci racconta dell’impegno profuso dallo studioso nella ricerca di marchi e segni che possano svelare dettagli ignoti di una storia pluricentenaria, cogliendo la ghiotta opportunità di rinfrescare ricordi storici e di costumi dell’epoca andata di grande interesse.

.

.

Compiacendosi un po’  allorché, quando riferisce della vanità degli sforzi profusi dal pur valente sessantottenne belga esperto «di fenomeni energetici e bio-energetici» nonché appasionato professionale di simbolismo medievale: tutto sommato, leggendo tra le righe, che il Castello difenda ancora tenacemente i suoi più intimi segreti, non dispiace poi molto.

Né a lui… nè a noi!

.

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (112) – A caccia di nuvole, tutti insieme, in un… Sospiro

.

.

In cielo le nuvole spinte dal vento, nel mare le onde che si rincorrono fino a infrangersi sulla spiaggia: tutto fluttua, tutto scorre, πάντα ε, a dirla con le parole di Eraclito).

E nel fluire di ogni giorno, dall’alba al tramonto, dei mesi, delle stagioni e degli anni, ogni cosa trova il suo posto, ogni affanno la sua consolazione, attraverso il rifugio nella memoria, liquida anch’essa: le filastrocche di un’età felice che, anche se non ci fosse mai stata, emerge coloratissima come la grande lenzuolata policroma che costituisce il centro temporale e ideale dello spettacolo «Il volo – storie da un altro cielo», messo in scena venerdì sera  da “Teatro tra le nuvole” (compagnia di teatro integrato condotta da Claudia Scaravonati, che vede coinvolti i residenti di Fondazione Sospiro insieme a numerosi ed entusiasti volontari) al Piccolo Teatro Libero di Sanpolino.

A partire dai primi mesi dell’anno, Fondazione Istituto Ospedaliero Sospiro si è impegnata in una nuova «sfida educativa» proponendo agli ospiti della Residenza Sanitaria Disabili Leonardo Arvedi di via Mantova un’impegnativa attività teatrale, aprendo l’iniziativa a quelli “esterni” che desiderino e si prestino a confrontarsi in modo collaborativo con persone con disabilità intellettive o disturbi del neurosviluppo di varia tipologia e  livello. 

Torniamo allo spettacolo, nato da un progetto della già citata Claudia Scaravonati con la collaborazione di Valeria Della Valle , con l’accompagnamento al piano e dal vivo di Luca Pietta e l’illustrazione di Riccardo Guasco. Tra danza e musica, uno per uno, gli attori raccontano, con stupefacente naturalezza e grazia, il proprio presente e (soprattutto) i propri ricordi, rielaborati dalla fantasia: persino chi è nato e cresciuto tra il cemento dei condomini, rammenta prati verdissimi, e Il profumo inebriante dei fiori, dell’erba e della lavanda, al posto dell’acre odore di benzina.

 

  

 

 

Il tempo è un filtro che, a saperlo utilizzare bene, lascia solo l’essenza ineffabile di una immaginifica, ma non per questo meno reale e tangibile, serenità: così una vecchia soffitta può diventare un teatro, un lenzuolo si trasforma in sipario ed è l’immaginazione ad andare in scena. Tanti pastelli e matite colorate per rendere più bello il mondo, ed è destinato a rimanere imbattibile il sapore delle caramelle golosamente gustate da bambini. La sensazione calda e confortante dei cari, caldi abbracci dei parenti che non ci sono più, sa riscaldare anche gli adulti, a patto che sappiano rimanere sempre un  po’ fanciulli.

Il presente è adesso!”  ricorda e raccomanda una ragazza, accompagnando le parole con argentini tintinnii di triangolo. “È adesso che bisogna vivere!”,  aggiungo io.

E allora, se si sa plasmare il passato come dolce rifugio e il presente lo si riesce effettivamente a interpretare con serena intensità, ora, all’istante, come può incutere timore il futuro, per quanto incerto e difficile possa sembrare?

 

 

Finisce com’è giusto che finisca: con gli spettatori (ben più degli 80 che può contenere il teatro) che applaudono in piedi, a lungo, con grande entusiasmo, il prodigio che hanno visto manifestarsi sul palcoscenico, e gli attori  che (insieme al pubblico, agli educatori e ai volontari che si sono impegnati a mettere in scena questo spettacolo),  condividono e moltiplicano la propria gioia.

.

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (110) – Il «Gran Ballo del Tempo» di Manerbio

.

.

E sì, «Il Tempo è un bel cavallino» per dirla con Stephen King.

Un destriero che, portando il suo cavaliere in sella per tutta la durata della vita,  passa, senza preavviso alcuno, dal trotto al galoppo cambiando a suo piacimento l’assetto e la velocità del proprio incedere. E, quindi, anche del nostro.

Non trovo, né  ritengo opportuno trovare, parole che possano descrivere, meglio di quelle del grande narratore del Maine, quanto “narrato” nel primo dei due spettacoli che il Freebody Club di Orietta Trazzi ha mandato in scena ieri sera, fino alla mezzanotte, al Teatro Politeama di Manerbio.

.

.

La luce soffusa e morbida dell’alba, il biancore accecante dl giorno, il rosso sanguigno del tramonto e il buio della notte intarsiato di astri. Il sonno e la veglia. I momenti belli e quelli meno, i romantici amori e i duri confronti, scandiscono l’esistenza degli umani.

E proprio su un altro ticchettio di metronomo, l’alternarsi delle stagioni, si basa l’insieme di balletti che ha costituito il prezioso saggio ideato e realizzato da costituisce dura ‘alba la notte romantica la notte riappare e

Cambia la musica, cambiano i ritmi e le cadenze: brani elegiaci, pop, rock, soul  e persino un minuetto  si alternano sul palcoscenico, interpretati con grande impegno e infinita passione dai giovani allievi.
Si gioca su passi semplici ma di grande effetto, si gioca sulle armonie e le disarmonia, sulla grazia e sulla forza. Breakdance e technodance ricordano a tutti, qualora ce ne fosse bisogno, che il tempo del pianeta, pur mantenendo la variabilità che lo contraddistingue e di cui si è fatto cenno sopra, ricorda che il mondo ha preso a viaggiare sempre più veloce, come conferma l’apparizione in palcoscenico di un gruppo di skaters.

Poi, con la gioiosa canzone dell’Ape Maia irrompono in palcoscenico festosi e applauditissimi i più piccoli  (anzi le più piccole) divertite, divertenti e aggraziatissime, e gli applausi scrosciano ancora più clamorosi: uno spettacolo per gli occhi, una freschezza per l’anima, la vera speranza per un mondo migliore. 
Poi anche le bimbe partono con il rap trasformandosi in quelle ragazze “cattive al punto giusto” che cambieranno il mondo.

Compaiono le spirituali ninfe dei boschi, indissolubilmente unite con la Natura. Fa capolino anche Arlecchino. Per tornare a chiudere il cerchio con l’immutabile, inesorabile e ineffabile orologio cosmico  assecondato dallo splendore delle stelle e dalle orbite dei pianeti.

.

 

    

.

Dopo l’intervallo la seconda parte, con «Le sei mogli di Enrico VIII» di cui si è già ampiamente parlato su queste pagine (https://cardona.patriziopacioni.com/goodmorning-brescia-106-quarantanni_dopo/). Aggiungo solo che la presenza scenica e la magnifica voce del narratore Daniele Squassina, insieme alla suggestione delle essenziali ma efficacissime scenografie e con i costumi indossati dalle ballerine e dai ballerini, aggiungono ancor più fascino a uno spettacolo che (pur giudicando in occasione di una delle prove finali) già abbiamo definito assolutamente eccellente, .

.

.

Insomma, no so se in qualità di “inviato” di Goodmorning Brescia o, più semplicemente, a titolo meramente personale… il prossimo anno ci vorrò essere ancora.

 

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (109) – I vividi colori bresciani di Giambattista Tiepolo

Che sia un appuntamento di storia dell’arte a riempire una sala, è circostanza piuttosto inconsueta e sempre ben gradita.

Nella circostanza si è trattato della conferenza «Giambattista Tiepolo a Brescia e nel Bresciano» tenuta dalla prof.ssa Fiorella Frisoni, docente dell’Università degli Studi di Milano, nell’ambito del ciclo d’incontri  «I pittori veneti in Lombardia» pensato e organizzato dalla Fondazione Civiltà Bresciana.

.

.

«L’intento di questo ciclo di conferenze non è tanto di parlare del percorso generale degli artisti ma di mettere a fuoco i loro percorsi bresciani» spiega, prima di lasciare la parola alla relatrice che, come aggiunge subito dopo, «continua a coltivare gli amati artisti (e le artiste!) bolognesi del ‘700»

«Anche se l’influsso di Giambattista Tiepolo  non è stato tale da modificare significativamente il percorso artistico locale, di certo ne ha influenzato molti artisti» esordisce la professoressa Frisoni. Poi, grazie ai suoi commenti e alle sue spiegazioni, erudite ma al tempo stesso perfettamente comprensibili e assimilabili per tutto il pubblico presente, parte un viaggio fantastico tra i siti bresciani “toccati” dalla magistrale mano: dall’Ultima Cena del Duomo di Desenzano (per il quale si può ipotizzare anch e l”intervento del figlio Gian Domenico, magari in un secondo momento)  si passa ai teleri della Collegiata di Verolanuova, alla straordinaria Pala di Folzano, per finire all’ipotesi del coinvolgimento di Giambattista Tiepolo nel ciclo decorativo del presbiterio di San Faustino, a Brescia.

È un susseguirsi di quadri con accostamenti cromatici forti e arditi (non solo per i tempi)  e accorgimenti  scenografici (i dipinti ricordano l’allestimento di un palcoscenico
in cui i toni si affievoliscono sul fondale) secondo lo stile del Maestro. Pennellate corpose,  soluzioni estetiche innovative, grandissima attenzione per i particolari, soprattutto i più singolari.Un godimento per gli occhi e un arricchimento per la mente, grazie all’analisi approfondita mail tempo stesso fresca e leggera della conferenziere: per ogni dipinto c’è un dettaglio appetitoso, e/o un riferimento storico suggestivo, un collegamento sorprendente, un gustoso aneddoto.

.

.

Poi, inevitabilmente, nonostante le intenzioni in premessa, si arriva a discettare dello stile di Giambattista: in certe occasioni, forse, anche vagamente retorico, ma così potente da provocare autentiche accensioni cromatiche che favoriscono  sorprendenti esplosioni luminose. La nettezza dei contorni, le innovative e ardite  “prospettive dal basso”  mosse dal vento, la continuazione degli spazi oltre la struttura architettonica.

Giovedì prossimo, nella stessa sede, per lo stesso ciclo, parlerà di Tiziano il già citato professor Luciano Anelli.

Consiglio, a chi potrà, di essere presente.

.

.

I protagonisti dell’incontro:

Fiorella Frisoni, dal 2006 insegna Storia dell’arte moderna, corso avanzato,p er il corso di laurea magistrale in Storia e critica dell’arte. Pubblicazioni più significative negli ultimi 3 anni: ♦ Una Sirani ancora più “vera” , in Elisabetta Sirani, “pittrice eroina”, 1638-1665, catalogo della mostra ( Bologna, Museo Archeologico) a cura di J. Bentini e V. Fortunati, Editrice Compositori, Bologna, dicembre 2004, pp. 76-89 [ e schede critiche, pp. 175-179, 181-183, 185-189, 198, 209, 211, 212-216, 234, 238-240, 241, 253-256, 262-265]; ♦ Spigolature nella pinacoteca Tosio Martinengo: il Seicento emiliano e altro, in Da Romanino e Moretto a Ceruti. Tesori ritrovati nella Pinacoteca Tosio Martinengo, catalogo della mostra (Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo) a cura di E. Lucchesi Ragni e R. Stradiotti, Linea d’ombra Libri, Conegliano, febbraio 2006, pp. 35-51 [e schede critiche, pp. 114-127]; ♦ Girolamo Romanino, Pala di San Domenico, in L’ultimo Romanino. Ricerche sulle ultime opere del pittore bresciano, catalogo della mostra (Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo) a cura di F. Frangi e R. Stradiotti, gennaio 2007, pp. 66-68; ♦ Le pale d’altare e La decorazione pittorica della Parrocchiale di Sale Marasino nel quadro del UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Settecento bresciano: gli affreschi di figura, in Storia ed Arte nella chiesa di San Zenone a Sale Marasino, a cura di F.Frisoni e A. Burlotti, FdP Editore, Marone (Brescia), novembre 2007, pp. 89-112; 135-159; ♦ Pietro Marone e Tommaso Bona: due pittori bresciano fra Moretto e Lattanzio Gambara e Pietro Marone e Tommaso Bona, le “Storie di san Pietro” nell’antica cattedrale, in Brescia nell’età della Maniera, catalogo della mostra (Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo) a cura di R. Stradiotti ed E. Lucchesi Ragni, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, novembre 2007, pp. 81-95, 194-199 [e schede critiche, pp. 200-214]; ♦ I dipinti della Fondazione Malossi di Ome. Nuove proposte attributive, in «Civiltà bresciana», a.XVII (2008), nn. 1-2, pp. 117-132.

Luciano Anelli, originario di Brescia, si è dedicato per anni all’insegnamento delle discipline umanistiche in varie scuole, prima di assumere la Presidenza dell’Istituto d’Arte di Brescia. Ha infine assunto l’incarico di insegnamento di Teoria del Restauro e di Storia delle Tecniche Artistiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ha pubblicato circa settecento articoli in giornali e riviste specializzate, prevalentemente di carattere storico-artistico, ma anche interventi di costume, curiosità e viaggi. Ha pubblicato inoltre una trentina di libri che raccolgono in monografie soggetti e pittori che prevalentemente vanno dal Tardo Cinquecento all’Ottocento.

.

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (107) – Paola Barbato, scrittrice bresciana una e trina

.
.
Paola Barbato torna alla libreria Serra Tarantola di Brescia con un nuovo romanzo intitolato 《Io so chi sei》, e ritrova i numerosi lettori che la seguono in città e dintorni.
Ovunque vada, per presentazioni, fiere ed eventi vari, non manco di manifestare la mia brescianità》 premette, con malcelato orgoglio di appartenenza, prima ancora che Gian Paolo Joao Laffranchi cominci a intervistarla. E, per non lasciare il minimo dubbio, si avvolge nello stendardo biancazzurro, completo dell’effigie della Leonessa, che un fan le ha appena consegnato.
.
.
Poi si comincia, con un affiatamento tra intervistatore e intervistata che rende il dibattito tra Paola e Gian Paolo al tempo stesso fluido e serrato.
.
.
.
Non c è niente di solito nei romanzi di Paola.  Leggere questo romanzo è  come salire su un autobus e non poter scendere finché non si arriva al capolinea
.
.
L’idea risale al 2013 ma ho aspettato di pubblicare Non ti faccio niente e ho cominciato a scrivere Zoo prima di dedicarmi con convinzione alla stesura di questa storia, nata da una costola di un libro ancora non terminato. In Zoo i personaggi sono chiusi in una gabbia, all’interno della quale accadono cose orribili,  ma fuori chi c’è ad aspettare, a trepidare per parenti, amici o conoscenti misteriosamemte scomparsi? Insomma, più che di un sequel, si tratta di una storia laterale
.
.
.
Poi, a quanto ne so, ci sarà anche una terza fase, collegata ma indipendente, nel senso che sarà il seguito di entrambe le storie 》
.
.
Confermo, con l’aggiunta che farò ogni sforzo perché anche la terza parte di questa trilogia… anzi no, la chiamerei piuttosto  “poli-bilogia”, possa costituire una lettura autonoma, da affrontare e apprezzare cioè anche qualora non si fossero letti gli episodi precedenti
.
.

Obbiettivo ambizioso e sfidante, ma insolito nella pratica letteraria e difficilmente raggiungibile
.
.
Sarà anche insolito e non agevole, ma certamente non costituisce una novità assoluta: qualcosa del genere tentò già di fare King con l’operazione DesperationI vendicatori (peraltro non tra le  opere più riuscite dello scrittore del Maine, a mio avviso)
.
.
.
Oltre alla stordita Lena e al bieco Caparzo (i principali personaggi del libro, dei quali ci occuperemo più avanti) c’è anche un terzo personaggio inanimato: il cellulare
.
.
《Il cellulare, a pensarci bene, è diventato qualcosa di diverso e di più di uno strumento di comunicazione, la cui mancanza, anche temporanea, può conferire (e conferisce) ansia a ciascuno di noi. Il rapporto con questo oggetto può diventare inquietante da un momento all’altro, aprendo percorsi impensabili le cui conseguenze risultano imprevedibili. Pensiamo di poterlo controllare,  ma basta che il nostro numero entri in possesso della persona sbagliata e… 》
.
.
.
Parliamo di Lena, personaggio scomodo, tendenzialmente mediocre, fatalista, restio adassumere qualsiasi tipo di responsabilità, anche nei propri confronti e sostanzialmente incapace di prendere qualsiasi tipo di decisione importante, ma capace di diventare protagonista di un romanzo corposo come questo
.
.
A volte è  più interessante un forte personaggio grigio (come Lena, una che guarda scorrere la vita e che si compiace di restare a sguazzare  nella propria mediocrità) o negativo, di un opaco personaggio positivo. Poi può sempre capitare, come appunto nel caso di Lena, che l’inferno si scateni proprio quando arriva al salvataggio l’Eroe 
.
.
.
L’eroe? Non ti riferirai mica a Caparzo!
.
.
Caparzo è uno di quelli ai quali non piace l’Umanità,  un poliziotto che si muove come un animale, quieto all’apparenza e feroce all’occorrenza, cattivo ma accattivante e, sostamzialmente, un animale. Anzi, una belva
.
.
.
Torniamo a Lena e a quella sua voce interiore che finisce per renderla, per il lettore, un soggetto degno di attenzione e d’interesse
.
Quello di dare spazio e voce alla “voce interiore” fa parte di un modulo narrativo che utilizzo abitualmenteo, evidenziato anche graficamente con l’uso del corsivo. In questo caso molto utile a raccontare di una personalità oltre modo problematica
.
.

Ci sono tanti personaggi collaterali scolpiti con grande cura. Li hai pensati e sagomati  prima di cominciare la stesura dell’opera, ovvio nella fase di definizione del plot, oppure…》
.
.
Oppure.  Ferma restando la preconoscenza della trama, i personaggi decidono da soli il proprio destino nel corso della narrazione
.
.

C’è anche un cane…》
.
.
Un personaggio cardine, sì. Un animale che,  nonostante la tarda età e un occhio leso, sa vedere e discernere meglio di tanti esseri umani
.
.
.
È la più ambiziosa delle tue fatiche letterarie?》
.
.
Decisamente sì , anche per la difficoltà intervenuta a un certo punto, di distinguere tra loro le due storie  (Zoo e di Io so chi sei – n.d.r.) che, nella mia rappresentazione mentale, si miscelano e si fondono in un unico grande affresco
.
.
.
.
Cosa c’è nel futuro di Paola Barbato Autrice? Ancora thriller? Ancora paura?
.
.
Anche questo sicuramente e inevitabilmente. Ma c’è qualche idea molto prossima alla fantascienza che mi gira per la mente...》
.
.
.

 

.

  Paola si racconta

Sono nata a Milano il 18 giugno 1971 da mamma pubblicitaria e papà idrobiologo. Ma a Milano sono rimasta solo un anno e gran parte della mia vita l’ho trascorsa a Desenzano del Garda, per cui mi definisco “fieramente bresciana”. Per quanto ricordi ho sempre scritto e disegnato molto, i miei primissimi fumetti, di cui raramente faccio parola, han visto la luce intorno agli 11 anni. La comunicazione scritta per me è sempre stata fondamentale …

I LIBRI DI PAOLA (e altro)

    Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Ex Libris (22) – Oh quante belle Dame, madama Carlà!

.

.

Di Carla Boroni ho recensito altri libri (ricordo per esempio il bel saggio  «Appunti per il mio ‘900», questo il link della recensione postata a fine 2016: https://cardona.patriziopacioni.com/ex-libris-8-eh-cara-carla-si-fa-presto-a-dire-900/). Di lei ho sempre apprezzato quel cocktail di difficilissima preparazione costituito da erudizione, facilità di scrittura e capacità di sintesi e descrizione dei maggiori personaggi, fenomeni e movimenti culturali.

In  «Donne di cuori, donne di picche»  il lavoro, ancora una volta, riesce alla perfezione. Pochi ma significativi esempi di come il rapporto con il genere femminile possa influire, nel bene o nel male (cuori e picche, appunto) sulla nascita, sullo sviluppo e -a volte- anche sul declino di una carriera artistica. Ma vediamo da più vicino di cosa si tratta.

.

C’è la donna passionale e indipendente, che si concede all’Artista, sì. ma non proprio tutta e non proprio fino in fondo. Scivolosa, sfuggente e, proprio per questo, ancora più attraente e affascinante.

C’è la donna mamma (non solo come figura, ma anche nell’accezione letterale del termine, visto che continua a partorire figli uno dopo l’altro nonostante ogni nuova gravidanza la sfianchi più della precedente), che si consuma come una candela per l’Amato.

C’è la genitrice algida e arcigna, che nega ogni tenerezza al figlio smarrito e complessato che ne reclama l’affetto.

C’è la donna creata sulla carta, ispirata forse all’Autore da un’altra donna, in carne e ossa, ma che prende vita propria e con l<’autore intesse una lunga (letteraria) storia d’amore.

C’è la sorella, amata, inseparabile, invadente, che preclude ogni spazio a ogni altra donna si avvicini o sembri avvicinarsi al Poeta.

C’è la Femme Fatale, l’attrice, la Divina, che incrocia la propria strada con l’Homme Fatal, l’avventuriero, il visionario, l’insaziabile, dando luogo a un passionale e sregolato scintillio di lame.

C’è la moglie perfetta. La roccia cui tenersi quando la vita frana, il salvagente con il quale galleggiare quando sale la marea.

C’è La donna in carriera (letteraria) matura e navigata che seduce il giovane Scrittore, irretendolo in una serie di fughe, di ritorni di fiamma, di gelosia impotente e indispettita. Chje altro non fa che riaccendere ogni tizzone rimasto sotto la cenere

C’è la donna della vita, l’altra metà di sé, che amerà il compagno e da lui sarà amata fino alla morte: prima la propria, poi quella di lui.

C’è l’amore virtuale, una volta per mezzo di un continuo rimpallo di epistole, invece che attraverso una tastiera e una chat. Sempre a un passo dal diventare carnale, ma mai (o quasi mai) trasformato in tale.

.

            

.

Adesso associate alle figure femminili di cui sopra i seguenti rapporti:

Antonietta Fagnani Arese e Ugo Foscolo

Enrichetta Blondel e Alessandro Manzoni

Adelaide Antici e Giacomo Leopardi

La Pisana e Ippolito Nievo

Maria e Giovanni Pascoli

Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio

Lina Woefler e Umberto Saba

Sibilla Aleramo e Vincenzo Cardarelli

Jeanne Dupoix e Giuseppe Ungaretti

Lucia Rodocanachi ed Eugenio Montale

Dieci grandissimi scrittori, dieci figure femminili, donne di cuori e donne di picche, appunto, capaci di esaltare la creatività di poeti e narratori, con le buone o con le cattive, ma anche di stroncare le loro carriere letterarie se non anche di dannare le loro anime.

Carla Boroni si muove attenta e leggera tra loro, con la grazia di una danzatrice, con armonia e incisività di analisi,  donna capace di capire altre donne, studiosa abile a individuare e isolare con precisione chirurgica i brani più significativi composti da ogni artista citato, e di proporli al momento giusto.

Una preparatissima guida che prende per mano il lettore, immergendolo, letteralmente, nell’epoca di riferimento e nello spirito dei tempi, favorendo una visione immaginifica ma estremamente reale dell’ambiente e dei personaggi narrati.

Non la conoscenza in assoluto, ovviamente, ma il modo più garbato e incisivo, favorito dall’estrema scorrevolezza del tratto, per suscitare in chi legge quella curiosità che sola può portare ad approfondire, oltre alla biografia di alcuni dei maggiori protagonisti dell’800 e del ‘900 letterario, anche le loro opere e le motivazioni personali e le  linee guida dell’anima che ne  ispirarono la creazione.

.

.

Titolo:  Donne di cuore, donne di picche

Autore:  Carla Boroni

Anno: 

Casa editrice: SEFER

Pagine:  154

Prezzo:  14  €

ISBN:  978-88-99144-22-7

 

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.

Goodmorning Brescia (104) – Via Vantini e i vantaggi del vintage

.

39 Vantini Oldstyle  è un ampio showroom, strutturato su due piani, con esposizione di oggetti di antiquariato, modernariato e mobili d’epoca che, come dice il nome, è situato al numero 39 di via Rodolfo Vantini, a pochi passi da viale Italia.

L’esito dell’idea meravigliosa di un gruppo di professionisti esperti del settore che ha portato, due anni fa, all’apertura del negozio.

.

 

.

«Oltre a tutti i singolari e raffinati oggetti che vedi esposti, nel nostro showroom c’è un angolo dedicato agli orologi d’epoca (con la presenza di un tecnico specializzato nella preparazione ogni domenica e lunedì) e uno spazio riservato, al piano superiore, ha uno studio di progettazione di arredi di interni, operativo tutta la settimana» mi dice Mario Gaburri, facendomi da guida tra centinaia di oggetti che non posso fare a meno di immaginare collocati nelle mie case.

«Ma 39 Vantini Oldstyle non è solo questo. Per scelta aziendale ospitiamo con regolarità e continuità  ogni tipo di eventi e manifestazioni culturali: presentazione di libri, esposizione di foto e quadri, piccoli spettacoli teatrali e appuntamenti gastronomici e di degustazione vini,  nell’intento di permettere ai nostri visitatori di familiarizzare con la merce esposta, la cui qualità curiamo meticolosamente e rigorosamente, in situazioni inusuali e rilassanti» aggiunge, con l’espressione soddisfatta e il tono di voce di chi è gratificato dal proprio lavoro.

.

 

.

«I nostri orologi antichi, generalmente ante 1970, sono cercati e in tutto il mondo, attraverso i nostri siti» interviene compiaciuto Paolo Pezzotti.

«Non era raro che mi contattino anche solo per avere consulenze tecniche e commerciali, e io non mi tiro mai indietro» .

E, intanto, mi mostra alcuni dei pezzi più pregiati.

Il colloquio si chiude con un ulteriore intervento di Mario Gaburri.

«Il prossimo 27 settembre partirà alla terza edizione della gara per moto d’epoca “Brescia-Napoli” riservato a motociclette con oltre 50 anni di età» ci tiene ad annunciare.

.

. 

.

«Una gara a squadre nell’ambito di un viaggio nel tempo oltre che nello spazio, nella quale risulterà valorizzata la bellezza estetica delle moto, risultando decisivo per l’aggiudicazione dell’esito di un contest fotografico on the road».

.

  

.

Inutile dire che, a suo tempo, Goodmorning Brescia si occuperà anche di questo.

Nel frattempo, questi i riferimenti della Rete accedere a cataloghi / proposte di mobili antichi, complementi di arredo, orologi, moto, quadri, sculture e quant’altro:

.

http://www.39vantini.it/

http://www.vecchioebello.it/

.

  Bonera.2

 

Categorie: Senza categoria.