Ex Libris (22) – Oh quante belle Dame, madama Carlà!

.

.

Di Carla Boroni ho recensito altri libri (ricordo per esempio il bel saggio  «Appunti per il mio ‘900», questo il link della recensione postata a fine 2016: https://cardona.patriziopacioni.com/ex-libris-8-eh-cara-carla-si-fa-presto-a-dire-900/). Di lei ho sempre apprezzato quel cocktail di difficilissima preparazione costituito da erudizione, facilità di scrittura e capacità di sintesi e descrizione dei maggiori personaggi, fenomeni e movimenti culturali.

In  «Donne di cuori, donne di picche»  il lavoro, ancora una volta, riesce alla perfezione. Pochi ma significativi esempi di come il rapporto con il genere femminile possa influire, nel bene o nel male (cuori e picche, appunto) sulla nascita, sullo sviluppo e -a volte- anche sul declino di una carriera artistica. Ma vediamo da più vicino di cosa si tratta.

.

C’è la donna passionale e indipendente, che si concede all’Artista, sì. ma non proprio tutta e non proprio fino in fondo. Scivolosa, sfuggente e, proprio per questo, ancora più attraente e affascinante.

C’è la donna mamma (non solo come figura, ma anche nell’accezione letterale del termine, visto che continua a partorire figli uno dopo l’altro nonostante ogni nuova gravidanza la sfianchi più della precedente), che si consuma come una candela per l’Amato.

C’è la genitrice algida e arcigna, che nega ogni tenerezza al figlio smarrito e complessato che ne reclama l’affetto.

C’è la donna creata sulla carta, ispirata forse all’Autore da un’altra donna, in carne e ossa, ma che prende vita propria e con l<’autore intesse una lunga (letteraria) storia d’amore.

C’è la sorella, amata, inseparabile, invadente, che preclude ogni spazio a ogni altra donna si avvicini o sembri avvicinarsi al Poeta.

C’è la Femme Fatale, l’attrice, la Divina, che incrocia la propria strada con l’Homme Fatal, l’avventuriero, il visionario, l’insaziabile, dando luogo a un passionale e sregolato scintillio di lame.

C’è la moglie perfetta. La roccia cui tenersi quando la vita frana, il salvagente con il quale galleggiare quando sale la marea.

C’è La donna in carriera (letteraria) matura e navigata che seduce il giovane Scrittore, irretendolo in una serie di fughe, di ritorni di fiamma, di gelosia impotente e indispettita. Chje altro non fa che riaccendere ogni tizzone rimasto sotto la cenere

C’è la donna della vita, l’altra metà di sé, che amerà il compagno e da lui sarà amata fino alla morte: prima la propria, poi quella di lui.

C’è l’amore virtuale, una volta per mezzo di un continuo rimpallo di epistole, invece che attraverso una tastiera e una chat. Sempre a un passo dal diventare carnale, ma mai (o quasi mai) trasformato in tale.

.

            

.

Adesso associate alle figure femminili di cui sopra i seguenti rapporti:

Antonietta Fagnani Arese e Ugo Foscolo

Enrichetta Blondel e Alessandro Manzoni

Adelaide Antici e Giacomo Leopardi

La Pisana e Ippolito Nievo

Maria e Giovanni Pascoli

Eleonora Duse e Gabriele D’Annunzio

Lina Woefler e Umberto Saba

Sibilla Aleramo e Vincenzo Cardarelli

Jeanne Dupoix e Giuseppe Ungaretti

Lucia Rodocanachi ed Eugenio Montale

Dieci grandissimi scrittori, dieci figure femminili, donne di cuori e donne di picche, appunto, capaci di esaltare la creatività di poeti e narratori, con le buone o con le cattive, ma anche di stroncare le loro carriere letterarie se non anche di dannare le loro anime.

Carla Boroni si muove attenta e leggera tra loro, con la grazia di una danzatrice, con armonia e incisività di analisi,  donna capace di capire altre donne, studiosa abile a individuare e isolare con precisione chirurgica i brani più significativi composti da ogni artista citato, e di proporli al momento giusto.

Una preparatissima guida che prende per mano il lettore, immergendolo, letteralmente, nell’epoca di riferimento e nello spirito dei tempi, favorendo una visione immaginifica ma estremamente reale dell’ambiente e dei personaggi narrati.

Non la conoscenza in assoluto, ovviamente, ma il modo più garbato e incisivo, favorito dall’estrema scorrevolezza del tratto, per suscitare in chi legge quella curiosità che sola può portare ad approfondire, oltre alla biografia di alcuni dei maggiori protagonisti dell’800 e del ‘900 letterario, anche le loro opere e le motivazioni personali e le  linee guida dell’anima che ne  ispirarono la creazione.

.

.

Titolo:  Donne di cuore, donne di picche

Autore:  Carla Boroni

Anno: 

Casa editrice: SEFER

Pagine:  154

Prezzo:  14  €

ISBN:  978-88-99144-22-7

 

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.

Anna «Nihil»: molto più… di «Niente» !

.

.

«Ciclope, mi chiedi il nome famoso, ed io ti dirò: tu dammi, come hai promesso, il dono ospitale. Nessuno è il mio nome. Nessuno mi chiamano mia madre e mio padre e tutti gli altri compagni». Dissi così, lui subito mi rispose con cuore spietato: «Per ultimo io mangerò Nessuno, dopo i compagni, gli altri prima: per te sarà questo il dono ospitale»

«Nessuno, amici, mi uccide con l’inganno, non con la forza». Ed essi rispondendo dissero alate parole: «Se dunque nessuno ti fa violenza e sei solo, non puoi certo evitare il morbo del grande Zeus: allora tu prega tuo padre, Poseidone signore». Dicevano così, e rise il mio cuore, perché il nome mio e l’astuzia perfetta l’aveva ingannato»

Così, giocando sulle parole, dietro al “Nihil” di Anna, che in latino come tutti sanno, vuole dire “nulla“, c’è un “molto“, anzi un “moltissimo“: un grandissimo amore per i libri e un’intraprendenza degna di nota, rima di ogni altra cosa, che si è trasformato in «HoVogliaDiLibriVeri». 

.

     

Un blog (quelli sopra sono i suoi “biglietti da visita”) come tanti, dedicato alla promozione della lettura ma, a differenza di altri, mirato alla scoperta e alla valorizzazione di quelli che Anna chiama “libri veri”, vale a dire (parole sue) «scritti per pura ispirazione, istinto, fantasia, tenacia».

Libri dietro ai quali c’è un autore “non vip” che «ha scritto il suo libro perché sentiva di doverlo fare, e ha deciso di pubblicarlo perché pensa possa essere utile, piacevole ed emozionante anche per gli altri».

Insomma, libri destinati a rimanere «fuori dalle classifiche, fuori dalle librerie, ma che hanno un valore enorme». E il «be hungry be foolish!»  di Steve Jobs, nella filosofia di Anna, si trasforma in un intrigante «be curious!» 

Il sito è molto ben realizzato e curato con grande attenzione e professionalità, sia nei contenuti che nella grafica.

Anna Nihil, invece, l’ho intervistata per voi. Continuate a leggere questo articolo per sape cosa ne è venuto fuori e per conoscerla più da vicino e meglio.

.

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

.

.

Pochi mesi di vita per http://hovogliadilibriveri.blogspot.it/ : un blog letterario creato quando gli scrittori aumentano e i lettori diminuiscono. Quale idea ti sei fatta sul prossimo futuro?

Intanto voglio sperare che tutti gli scrittori siano anche lettori. Se a ciò si aggiungono i “lettori puri”… forse i conti non sono così disastrosi come vogliono farci credere. Certo, le librerie sono a rischio di estinzione, colpa degli ebook e dell’e-commerce, ma è davvero una “colpa”? Sono scomparse anche altre attività in passato, è il duro prezzo dell’evoluzione. Adesso si parla molto degli audiolibri. Un’ennesima novità che potrebbe rivoluzionare l’editoria. Un giorno i libri non si leggeranno più, ma si ascolteranno? Chi lo sa… 

.

In “Ho voglia di libri” ci sono due messaggi diretti, uno indirizzato ai lettori e l’altro agli scrittori, ben separati tra loro. Ai primi si consiglia di evitare i libri scritti dai vip “pompati” dalle tv, i manuali, i “cloni” dei best sellers e sostanzialmente, anche i libri di maggior successo frutto di editing esasperati e ispirati alle indicazioni di marketing. Ai secondi di narrare “seguendo l’istinto”, a prescindere cioè da argomenti e stili che facciano tendenza. La domanda, provocatoria: togliendo tutto ciò non rimane molto…

Vero, non rimarebbe molto nelle classifiche, nelle librerie e su alcuni cataloghi… e finalmente potremmo respirare aria nuova! Avremmo tutto lo spazio necessario per far emergere i libri veri. Libri italiani. La gente crede che gli scrittori italiani siano solo quei quattro che ogni tanto si vedono in tv, ignorano che ci sia un meraviglioso mondo da scoprire! Ad esempio, molti pensano che non esistano bravi scrittori di fantasy in Italia. Invece esistono, eccome se esistono! Gli autori italiani scrivono libri di tutti i generi! Ecco, con il mio blog vorrei dare luce a queste realtà e cercare di abbattere degli assurdi pregiudizi.

.

Se avessi una bacchetta magica, quale sarebbe il primo incantesimo che t’impegneresti a fare per l’editoria italiana e i suoi clienti?

Toglierei il titolo di “Casa Editrice” alle stamperie. Chi non può offrire altro che la stampa dei libri, dovrebbe dirlo chiaramente, e invece molti giocano a fare gli editori… finti, purtroppo. Così avvengono il 90% delle truffe ai danni di tanti aspiranti scrittori. Per risolvere il problema, non serve la bacchetta magica, basterebbe rivedere qualche legge. Spero che chi di dovere decida di occuparsene, prima o poi. Visto che mi è rimasto un incantesimo a disposizione, opterei per un «Scrivere è un lavoro, e come tale va giustamente retribuito» da infilare nella testa di un bel po’ di persone.

.

Anna Nihil scrittrice. Anche qui, nella sua auto-presentazione una indicazione netta: «Perché la lettura sia davvero piacevole, è importante non farla troppo lunga. La storia deve scorrere come un film. Almeno questa è l’idea che porto avanti e per cui mi batto da anni. Libri brevi…ma intensi!». Mi ricorda la frase di Callimaco ( μέγα βιβλίον μέγα κακόν – grosso libro, grosso malanno”). Così però si lasciano fuori non solo autori come Stephen King, Ken Follett e Zafon, ma anche tipi come Alessandro Manzoni, Victor Hugo, Thomas Mann, che di pagine ne hanno scritte tante…

La “brevità” è una mia idea, un mio marchio di fabbrica. Ci tengo a preservare la mia originalità, quindi va benissimo che al mondo ci siano autori che scrivano in modo diverso da me. Se Alessandro Manzoni fosse vissuto ai giorni nostri, forse il suo “Promessi Sposi” sarebbe stato più breve, oltre che profondamente diverso! Un tempo le descrizioni minuziose erano importanti, era l’unico modo per mostrare un luogo o un monumento a un lettore. Non c’era la tv, non c’era internet, si viaggiava con più difficoltà. Adesso basta nominarlo. In molti l’hanno già visitato, altri l’hanno visto in tv, oppure possono rimediare facilmente con una ricerca sul web. Oggi, credo che valga la pena indugiare solo sui dettagli strettamente attinenti la storia. Di Zafon ultimamente ho letto la Trilogia della nebbia, in un unico testo sono stati raccolti i suoi tre romanzi brevi. Quindi, immagino che Zafon, sul valore della brevità, sia d’accordo con me… ma anche gli altri autori! Penso spesso a questa frase, tratta da una lettera di Pascal del 1600: “Mi scuso per la lunghezza della mia lettera, non ho avuto il tempo di scriverne una più breve”. Scrivere breve ed efficace è da sempre una bella sfida.

.

Parliamo dei tuoi libri, adesso: da fiabe e favole al noir, passando attraverso il chick-lit (un “rosa” di seconda o terza generazione, tanto per intenderci) e la rievocazione storica, da Monna Lisa alla rivoluzione francese. Eppure dev’esserci un fil rouge prevalente, nella tua creatività.

 

Pensa, il prossimo libro sarà tutto un altro genere rispetto ai precedenti! Non mi pongo limiti, tutto dipende dalle storie che mi capita di incrociare lungo il mio cammino. Il fil rouge? In alcuni libri si percepisce una critica sociale (nel chick-lit, nei noir e nella favola “Luna”). Però, a pensarci bene, il tema ricorrente, in tutti i miei libri, è l’illusione dei sentimenti. Mi dispiace, dovrete leggerli per capire esattamente di cosa sto parlando.

.

.

.

Scrittura, ma non solo. Molto interessante un’altra Tua iniziativa presente in Rete: in http://annanihil.blogspot.it/ , in cui si rivela ed esplode la Tua passione per il cinema;

Sì, “Anna Nihil Show” è stato il mio primo amatissimo blog. L’intento era quello di parlare dello showbiz a modo mio. Con spontaneità, leggerezza e ironia. Potrei dire che io e quel blog siamo cresciuti insieme, ha subito i miei cambiamenti e i miei sbalzi d’umore. Non ho il coraggio di chiuderlo, anche se, ahimè, non lo aggiorno da un bel po’. Forse perché, sotto sotto, non escludo di ritornare a scrivere qualche chiacchiera (non oso definirle recensioni!) sui film in uscita.

.

Ultima domanda con una bella offerta “2×1”: hai lo straordinario coraggio di esprimerti senza se e senza ma a favore dell’auto-pubblicazione, dunque contro la posizione di prestigio e di obbiettiva predominanza delle case editrici. Per ora sei coerente e vai avanti, dritta e bene, per la Tua strada. Ma se domani Ti arrivasse una lettera da Mondadori, da Rizzoli o da qualcun’altra delle “sette sorelle” del libro nazionale, Tu cosa faresti?

A dirla tutta, ho una “macchia” sul curriculum: ho firmato un contratto con una casa editrice. Avevo completato la stesura del mio primo romanzo, ed ero pronta a pubblicarlo su una piattoforma self-publishing, quando notai la pubblicità di un concorso. Decisi di partecipare e… finii con il firmare il mio primo contratto. A parte la soddisfazione morale, non c’è stato altro. In confronto ad altri miei colleghi, sono stata molto fortunata. Niente ho avuto, ma niente mi è stato tolto. Altri sono finiti in contratti subdoli, del tipo: «Se compri tot copie, noi provvederemo alla distribuzione, alla pubblicità». Tutte promesse rivelatesi fasulle. Oppure contratti con ricatto: «Pubblichiamo in ebook, se va bene pubblicheremo il cartaceo». Peccato che gli introiti degli ebook non vadano all’autore, che intanto è costretto a dannarsi per venderne quanti più ebook possibile, nella speranza di poter avere un giorno il suo libro tra le mani. In questa giungla di contratti, le piattaforme self-publishing sono le uniche che parlano chiaro. Danno a gli autori tutti i mezzi possibili per diventare editori di se stessi. Certo, ci sono dei costi, non è facile… ma essere liberi e padroni della propria opera, è per me la situazione ideale. Contratti con piccole o medie case editrici non mi interessano, non potrebbero darmi più di quello che ho. Se una grande casa editrice fosse interessata a un mio libro, leggerei attentamente il loro contratto e valuterei con calma, senza farmi prendere da smanie di successo. Sì, potrei firmare, ma per un libro “sistemato”, ne avrei ancora altri self. Non c’è pericolo che mi monti la testa.

.

 .

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.