Post-It (7) – Gli shortini e la pietra da macina

Questa volta voglio cominciare con una citazione alquanto insolita, per uno come me:

«E chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me. Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare»

(Matteo 18 – 5/6)

Per accoglierli li accolgono e come, i nostri piccoli e le nostre piccole.

Sto parlando di discoteche, pub, bar e baretti, ritrovi vari.

Non solo li accolgono, ma si adoperano anche per “dissetare gli assetati”.

Certo, li dissetano a modo loro: shortini low price: un bicchierino di vodka, da mandare giù in un colpo solo, una monetina da un euro. Magari aromatizzato al limone, o alla fragola, o a qualche altro frutto che, per un ragazzino o una ragazzina, rende più accattivante il sapore acre dell’alcool.

Così, a Ferrara, in un locale chiamato Lobo loco, un’adolescente di tredici anni, sfidata da qualche coetaneo (voglio sperare che fossero tali) scriteriato, accetta una sfida a chi beveva più “chupiti”, quei bicchierini molto forti che costano un euro l’uno, ne beve 18 (diciotto!) di fila, entra in coma etilico e il giorno dopo (per fortuna) si risveglia all’ospedale.

«Sono cose che succedono. È capitato anche a un mio amico in terza media» racconta, candida come un giglio.

«Conosco un’altra ragazza che d’estate tutti i mercoledì pomeriggio organizzava feste nel giardino di casa, tanto i suoi non c’erano. Io ogni tanto andavo per fare i gavettoni, ma gli altri bevevano sempre: gli alcolici se li procuravano in casa o riuscivano facilmente a comprarli in certi negozietti dove non chiedono i documenti»

Eccola la soluzione del problema: è sotto gli occhi di tutti, ma nessuno o quasi nessuno fa abbastanza, con il risultato che giovani sempre più giovani si avvicinano all’alcool nel modo più sbagliato che ci sia.

Genitori disattenti: aprite gli occhi.

Negozianti avidi e disonesti: tutto si può toccare, tranne le giovani generazioni, tranne quei famosi “piccoli” di cui si parlava prima.

Altrimenti una macina da legare al collo si può sempre trovare.

 

    Valerio Vairo

Categorie: Giorni d'oggi.