Le ore serene di un tramonto ispirate alla metodologia «Gentlecare»

.

Lavoro con gli anziani già da molti anni ma solo da un anno, grazie alla formazione, che Società Dolce offre agli operatori, mi sono avvicinata a una modalità di approccio gentile, semplice ma efficace, per una appropriata assistenza agli ospiti della Residenza Sociosanitaria Assistenziale di Marone, in cui opero. I formatori sono Marco Fumagalli e Fabrizio Arrigoni.

Si tratta di un modello del tutto rivoluzionario, ideato da Moyra Jones, che tiene conto di fattori biologici, psicologici e sociali nel valutare lo stato di salute. Gentlecare fornisce un modello di assistenza, definita dalla stessa autrice, protesica in cui le tre componenti, persone, programmi e spazio fisico lavorano in armonia per produrre un sostegno, o protesi, per la persona affetta da demenza.

Ispirandosi a tale metodologia è già attivato presso le strutture gestite da Società Dolce di Marone, di Sale Marasino e, come suggerito da Coordinatore Responsabile Pio Marchetti, di Trescore Balneario e di Azzano San Paolo.

In questo spazio vorrei però raccontare in che modo, si è dato il via ad un progetto innovativo, il primo in Italia.

Poco più di un anno fa, e dal nulla (o quasi) alle porte di Monza, a due passi dal Centro San Pietro, è stato progettato un nuovo villaggio.

.

.

No, non un villaggio nuovo. È più esatto dire che è nato un Paese, assolutamente innovativo, il che è molto diverso.

Sabato 24 febbraio davanti a un’autentica moltitudine di invitati, persone coinvolte o interessate a vario titolo alle problematiche dell’Alzheimer e semplici curiosi, si è tenuto l’evento di presentazione di un progetto pensato, ideato, organizzato e realizzato dalla Cooperativa La Meridiana che ne ha interamente sostenuto i costi, per oltre nove milioni di euro.

Tutto è cominciato con la proiezione di un suggestivo filmato, dove l’educatore Marco Fumagalli, che ha curato la realizzazione degli spazi, ha condotto una visita filmata delle strutture di grande impatto estetico, di estrema funzionalità, dotate di supporti tecnologici di ultima generazione, dotata, oltre che delle unità residenziali, di una chiesa, di un cinema-teatro, di un caffè con annesso mini-market, negozi per il piccolo shopping, giardini e un grande orto.

.

 

.

Saranno sessantaquattro i posti disponibili, otto per appartamento, progettate allo scopo di renderne il più semplice possibile la fruizione, attraverso un sapiente utilizzo di luci, colori, e sistemi di automazione “intelligenti”. Nel complesso, inoltre, a beneficio dell’intera comunità del Territorio, è annesso un Centro diurno integrato, da uno Sportello per l’orientamento sui problemi della demenza e da ambulatori specialistici.

Dopo il saluto rivolto ai presenti dalla spigliata Manuela Donghi, giornalista di Radio Lombardia, è intervenuto un altro giornalista, Fabrizio Annaro.

«Oggi, senza esagerare, è una data storica per Monza solidale» è stato il suo esordio.

«Anzi, una giornata profetica, perché, quando s’incontrano solidarietà e collaborazione, si possono muovere anche le montagne» ha aggiunto, subito dopo.

«Secondo le più recenti stime, in Italia ci sono circa 200.000 afflitti da demenza» ha precisato il Direttore Scientifico Antonio Guaita «il che significa, più o meno, considerati i nuclei familiari coinvolti nelle gravi problematiche da essa derivanti, circa 700.000 / 800.000 persone in difficoltà»

Insomma, un esperimento rivoluzionario che, proprio in questa fase di avvio, ha bisogno del sostegno di tutti.

.

 

.

Facendo mie le parole degli ideatori del progetto (tra i quali è da citare primo tra tutti l’educatore Marco Fumagalli)

«Tutto è progettato per consentire ai pazienti di mantenere il più a lungo possibile le proprie abitudini quotidiane e. quindi, le abilità residue, consentendo loro di muoversi il più liberamente possibile»

perché…

«I malati di Alzheimer e i loro familiari devono avere una vita migliore»

non posso che confermare che proprio questa, è la strada giusta.

.

.

    Giusy Orofino

Categorie: I&S - impegno & solidarietà.

Goodmorning Brescia (65) – A Marone gli estremi non si toccano… si abbracciano!

Nonni sorridenti serenamente a pranzo nella sala comune, mentre nidiate di frugoletti sciamano festosi tra i tavoli. 

.

  .

.

Percorsi del tempo, momenti diversi di vita, stadi di esistenza successivi e alternativi (ma ugualmente significativi e preziosi ) che s’incontrano e, reciprocamente, si regalano attenzione e affettuosa corrispondenza: ecco il risultato della giornata di scambio intergenerazionale  organizzata da Giusy Orofino, educatrice della Casa di Riposo, da sempre attenta a eventi tesi a un intrattenimento stimolante e proattivo, e dalla vulcanica Serena Nichetticoordinatrice dell’asilo-nido Santa Teresina di Marone gestito dalla Cooperativa Campus,  usa a far vivere di stimolanti esperienze  outdoor i piccoli affidati alle sue cure. Un’idea, appoggiata con assoluta convinzione dalla cordinatrice Silvia Piovani, subito raccolta e ripresa con grande entusiasmo e totale disponibilità dalla RSA Sorelle Girelli e dalla Società Dolce Cooperativa Sociale

Diciassette bambini, accompagnati sono stati accolti e raccolti in casa di riposo per trascorrere ore di letizia insieme agli ospiti della struttura.

«Si può dire che per la Società Dolce il collegamento con le organizzazioni locali e la ricerca e la valorizzazione di tutte le sinergie espresse dal territorio c rappresentano, prima ancora che una ormai consolidata prassi operativa, una vera e propria vocazione. La Dolce, che si avvale del lavoro di 3200 dipendenti, al 90% personale femminile, età media intorno ai trentacinque anni, si occupa di servizi ad ampio spettro, andando dalla gestione di piccoli nidi d’infanzia e centri diurni per disabili, a una ventina di strutture per anziani residenziali e altrettante semi residenziali, ai servizi alle scuole  con la fornitura di pasti a domicilio che si avvale della collaborazione dei più seri fornitori di catering. È nostra cura trasferire la positività di esperienze come quella messa in campo oggi a Marone da territorio a territorio. Analoghe iniziative abbiamo sperimentato, con risultati assolutamente positivi, anche nel campo della disabilità» spiega Pio Marchetti, coordinatore responsabile territoriale dell’Area di Brescia per la Società Dolce.

«Il territorio del bresciano-bergamasco è per noi stategico, con la gestione di centinaia di posti letto e una presenza diffusa che ci consente di mettere in essere una significativa programmazione anche a lungo termine» aggiunge, prima di tornare all’evento presso la RSA Sorelle Girelli.

«La gioia  che  oggi ho avuto modo di riconoscere negli occhi sia degli anziani che dei bambini, mi riempie personalmente il cuore di soddisfazione: qualcosa che accresce a dismisura l’entusiasmo e la voglia di fare mia e dell’organizzazione di cui mi onoro di fare parte»

 

 

 

Il 26 febbraio 1988, a Bologna, un gruppo di giovani studenti universitari che condividono gli stessi valori decide di dare vita a un’idea ambiziosa ma lungimirante: impegnarsi per contribuire a creare una società più dolce, dove tutti, anche chi fatica a “tenere il passo”, possano trovare servizi che favoriscano una condizione di vita migliore e, allo stesso tempo, offrire buone opportunità di lavoro a chi desidera operare nel sociale. Nasce così la cooperativa Società Dolce. Un progetto che ha continuato anno dopo anno a crescere, anticipando la tendenza verso le attuali necessità e visioni del welfare, rispondendo alle richieste sempre più pressanti in ambito sociale di risposte flessibili, qualificate e innovative e diventando così una tra le realtà più significative nell’ambito della cooperazione sociale e dei servizi alla persona.

 

 

 

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.