Goodmorning Brescia (90) – Donne di canto e di lotta

.

Cominciamo dal teatro, anzi da un auditorium che si presenta più “teatro” di tanti altri teatri che, pure, si dichiarano ufficialmente tali.

Una risorsa per la cultura di cui la provincia di Brescia è costellata, nascosti agli occhi dei più distratti e custoditi con cura e amore, da autentici gioielli quali sono.

Sto parlando, in questo caso, dell’Auditorium Mazzolari di Verolanuova, locale ben attrezzato e di solida capienza, dove, ieri sera, si è rappresentato «Musica e Muse», spettacolo-concerto ideato, realizzato e messo in scena dalla sempre entusiasta ed esuberante performer e regista Marialaura Vanini.

Uno spettacolo-femmina, gioiosamente e pensosamente. 

.

  

.

Dopo la breve introduzione di Emanuela De Munari, la prima a entrare in scena è una dama, identificabile in Francesca Caccini detta  la Cecchina (nata a Firenze nel 1587 e deceduta nella stessa città, oppure a Lucca, cinquantaquattro anni più tardi, dopo una vita che definire intensa e avventurosa è poco. Compositrice, clavicembalista e soprano, fu la prima donna a scrivere un’opera e, probabilmente, la più prolifica compositrice di quei tempi. A parte le competenze musicali, è conosciuta anche per essere stata una valente poetessa e autrice di testi per canzoni.

Poi la dama si spoglia della  sontuosa parrucca e della raffinata veste e si trasforma in una grintosa rapper che, a modo suo, rivestirà il ruolo narrante nel corso dell’intera rappresentazione.

.

 

.

Sul grande schermo che fa da fondale si succedono grandi immagini: dalle donne impegnate come schiave nelle piantagioni di cotone dell’800 alla radicale rivoluzione di costume e di valori operata da Madonna (citata però con la dolente e classica “Don’t cry for me, Argentina“) e portata alle estreme conseguenze dalla sventurata Amy Winehouse, alle sonorità diverse, ma tutte innovative di Céline Dion, Anastacia e Adele. Un lungo viaggio nel tempo che si dipana di decennio in decennio, attraverso le canzoni della tenera Edit Piaf (magnifica la doppietta “Rien de rien” / “Milord”), della romantica Judy Garland, della pirotecnica Ella Fitzgerald, della classica Sarah Vaughan, di Etta James e Aretha Franklin. Per passare poi al canto di rivolta e di rivendicazione sociale di Joan Baez, su su, fino alla newyorkesissima Liza Minnelli, all’esplosiva e selvaggia Tina Turner, ad Amie Stewart, alle disco-women Donna Summer e Gloria Gaynor.

.

 

.

Accompagnando le fotografie con il canto e con la musica, senza un attimo di respiro, in una continua alternanza di jazz, blues, swing, rock, pop e quant’altro. Con la conduzione delle belle voci di “tre tenori” tutti al femminile (la suadente Greta Cominelli e la tenera Anna Brontesi insieme alla già citata, graffiante Marialaura Venini) e dei movimenti danzanti della narratrice Chiara Petrone, in costante equilibrio tra morbide e sensuali movenze e postmoderna aggressività.   

Insomma, si potrebbe dire che le donne “se la cantano e se la suonano” se non fosse che invece, a suonare davvero, siano quattro uomini, valentissimi e ispirati musicisti che è giusto menzionare: Devis Tarolli, Alessandro Galli, Fabio Dattilo, Oscar Conti e lo scatenato sassofonista Marco Orrù.

Si finisce con le protagoniste che cantano in mezzo a un pubblico entusiasta che canta con loro. E non è certo un caso che il pezzo scelto per il bis, sia proprio lo straziante richiamo alla partecipazione e all’impegno sociale e civile di Sacco e Vanzetti.

Perché per le donne (italiane e straniere) e, quindi, per tutti noi, purtroppo, la lotta non è ancora finita.

 

(si ringrazia PhGO per le immagini fornite)

.

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (30) – Ci sono candele che brillano di più

Si è tenuta ieri sera presso la Corte Piovanelli, la Candle Night, ovverosia la Cerimonia delle Candele 2017   che viene celebrata per rafforzare l’appartenenza delle varie sezioni e club nazionali, disseminate in tutto il mondo, alla associazione-madre BPW International.

  

A Brescia l’evento è stato organizzato dalla Sezione Vittoria Alata della FIDAPA e condivisa dalle Socie di Modoetia Corona Ferrea. di Monza e Brianza.

Nell’elegante cornice tipica delle manifestazioni della FIDAPA, in un’atmosfera solenne e raffinata ma al tempo stessa cordiale e rilassata, quasi cento commensali (con una non irrilevante presenza maschile) hanno condiviso quello che vuole essere uno dei momenti più importanti e significativi della vita dell’Associazione.

  

Tra le mille suggestioni, oltre alla completa osmosi sull’asse Brescia-Monza, oltre all’entusiasmo delle nuove iscritte, per la prima volta insieme alle altre associate, unito al legittimo orgoglio delle “madrine” che si sono impegnate a presentarle alle altre nel più affettuoso ed efficace dei modi, una più fulgida e più emotivamente coinvolgente: l’avvicendarsi al tavolo centrale, imbandito di fiori, per accendere le candele di vari colori simbolo dell’unione, della unicità d’intenti, di un reciproco appoggio su scala mondiale, ben oltre, cioè, i confini degli stati. 

Incisivo e concreto l’intervento della Presidente Adriana Valgoglio Gambato, particolarmente significative le parole di Leda Mantovani in merito allo spirito di sorellanza che da sempre anima la FIDAPA:

«Le donne che arrivano all’apice devono mandare giù l’ascensore per tirare su anche le altre.»

Per concludere la voce e il brio della scatenata Marialaura Vanini che ha dato a tutti appuntamento per il musical “Musica e Muse“, il cui esordio è in calendario a Brescia venerdì 28 aprile.

 

 

Sorta negli Stati Uniti dalle macerie materiali e morali del primo conflitto mondiale, grazie anche e soprattutto all’opera infaticabile della dott.ssa Lena Madesin Phillips IFBPW consolidò in patria e promosse rapidamente in diversi Paesi del mondo un’idea di associazionismo femminile mirata soprattutto allo sviluppo e all’unione di professionalità di ogni tipo.

Dopo gli sconvolgimenti del secondo grande conflitto mondiale la stessa Phillips riprese le fila del discorso accelerando ancora di più, se possibile, l’azione di promozione del movimento attraverso la fondazione di nuove Federazioni Nazionali e Club Associati, sia in Europa che nelle Americhe e, soprattutto, in parecchi paesi appartenenti al Terzo Mondo.

In Italia, nel febbraio 1945, si ricostituì per prima la sezione Roma, cui fecero seguito Napoli, Milano, Firenze, Bologna, per arrivare, solo un mese più tardi, alla costituzione della Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari (FIDAPA), associazione apartitica e aconfessionale, affiliata (appunto) alla IFBPW. A oggi la FIDAPA BPW Italy è composta da circa 11.000 Socie .

..Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.