Le ore serene di un tramonto ispirate alla metodologia «Gentlecare»

.

Lavoro con gli anziani già da molti anni ma solo da un anno, grazie alla formazione, che Società Dolce offre agli operatori, mi sono avvicinata a una modalità di approccio gentile, semplice ma efficace, per una appropriata assistenza agli ospiti della Residenza Sociosanitaria Assistenziale di Marone, in cui opero. I formatori sono Marco Fumagalli e Fabrizio Arrigoni.

Si tratta di un modello del tutto rivoluzionario, ideato da Moyra Jones, che tiene conto di fattori biologici, psicologici e sociali nel valutare lo stato di salute. Gentlecare fornisce un modello di assistenza, definita dalla stessa autrice, protesica in cui le tre componenti, persone, programmi e spazio fisico lavorano in armonia per produrre un sostegno, o protesi, per la persona affetta da demenza.

Ispirandosi a tale metodologia è già attivato presso le strutture gestite da Società Dolce di Marone, di Sale Marasino e, come suggerito da Coordinatore Responsabile Pio Marchetti, di Trescore Balneario e di Azzano San Paolo.

In questo spazio vorrei però raccontare in che modo, si è dato il via ad un progetto innovativo, il primo in Italia.

Poco più di un anno fa, e dal nulla (o quasi) alle porte di Monza, a due passi dal Centro San Pietro, è stato progettato un nuovo villaggio.

.

.

No, non un villaggio nuovo. È più esatto dire che è nato un Paese, assolutamente innovativo, il che è molto diverso.

Sabato 24 febbraio davanti a un’autentica moltitudine di invitati, persone coinvolte o interessate a vario titolo alle problematiche dell’Alzheimer e semplici curiosi, si è tenuto l’evento di presentazione di un progetto pensato, ideato, organizzato e realizzato dalla Cooperativa La Meridiana che ne ha interamente sostenuto i costi, per oltre nove milioni di euro.

Tutto è cominciato con la proiezione di un suggestivo filmato, dove l’educatore Marco Fumagalli, che ha curato la realizzazione degli spazi, ha condotto una visita filmata delle strutture di grande impatto estetico, di estrema funzionalità, dotate di supporti tecnologici di ultima generazione, dotata, oltre che delle unità residenziali, di una chiesa, di un cinema-teatro, di un caffè con annesso mini-market, negozi per il piccolo shopping, giardini e un grande orto.

.

 

.

Saranno sessantaquattro i posti disponibili, otto per appartamento, progettate allo scopo di renderne il più semplice possibile la fruizione, attraverso un sapiente utilizzo di luci, colori, e sistemi di automazione “intelligenti”. Nel complesso, inoltre, a beneficio dell’intera comunità del Territorio, è annesso un Centro diurno integrato, da uno Sportello per l’orientamento sui problemi della demenza e da ambulatori specialistici.

Dopo il saluto rivolto ai presenti dalla spigliata Manuela Donghi, giornalista di Radio Lombardia, è intervenuto un altro giornalista, Fabrizio Annaro.

«Oggi, senza esagerare, è una data storica per Monza solidale» è stato il suo esordio.

«Anzi, una giornata profetica, perché, quando s’incontrano solidarietà e collaborazione, si possono muovere anche le montagne» ha aggiunto, subito dopo.

«Secondo le più recenti stime, in Italia ci sono circa 200.000 afflitti da demenza» ha precisato il Direttore Scientifico Antonio Guaita «il che significa, più o meno, considerati i nuclei familiari coinvolti nelle gravi problematiche da essa derivanti, circa 700.000 / 800.000 persone in difficoltà»

Insomma, un esperimento rivoluzionario che, proprio in questa fase di avvio, ha bisogno del sostegno di tutti.

.

 

.

Facendo mie le parole degli ideatori del progetto (tra i quali è da citare primo tra tutti l’educatore Marco Fumagalli)

«Tutto è progettato per consentire ai pazienti di mantenere il più a lungo possibile le proprie abitudini quotidiane e. quindi, le abilità residue, consentendo loro di muoversi il più liberamente possibile»

perché…

«I malati di Alzheimer e i loro familiari devono avere una vita migliore»

non posso che confermare che proprio questa, è la strada giusta.

.

.

    Giusy Orofino

Categorie: I&S - impegno & solidarietà.

Goodmorning Brescia (47) – A tu per tu con Adriana, presidente dell’ascolto

L’occasione è quella di un’assemblea della Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari, in acronimo FIDAPA BPW International. Una sigla, riferita alla Sezione di Brescia Vittoria Alata, che dovrebbe essere ormai piuttosto nota fra i frequentatori del nostro blog.

   

Location scelta per l’appuntamento l’ Agriturismo Casa Adea di Rodengo Saiano, una grande ed elegante villa arrampicata sulle alture, un panorama di quelli di cui può godere un’aquila dal suo nido, affacciata com’è su una verde e spaziosa piana.

 

 

 

 

 

All’ordine del giorno (oltre al tradizionale, rilassato e affettuoso saluto tra socie di fine primavera) alcuni importanti temi tra cui l’elezione delle rappresentanti per l’Assemblea nazionale che si terrà a Roma, il consenso per le cariche nazionali e distrettuali e la nomina della commissione elettorale per il rinnovo cariche di sezione.

Ne approfitto per scambiare quattro chiacchiere con Adriana Valgoglio Gambato, dinamica e instancabile Presidente, ormai prossima a passare il testimone a chi sarà scelta per avvicendarla.

.

Due anni intensi alla guida della sezione «Vittoria Alata». Sembra davvero che siano volati. È arrivato il momento della cosiddetta autovalutazione di fine mandato, magari con l’assegnazione di un voto… a se stessa.
L’appuntamento per le elezioni del Consiglio di sezione di presidenza e della nuova presidente si terranno il prossimo 13 giugno.   Il mio incarico, invece, si esaurirà il 30 settembre, vale a dire esattamente una settimana dopo l’importantissimo appuntamento che si terrà nella Capitale, relativo all’avvicendamento delle cariche sociali a livello nazionale. Voti non me ne posso e non me ne voglio dare. Lascio questo compito ad altri, invocando la “clemenza della Corte”. Scherzi a parte, ritengo onestamente di avere profuso ogni  energia nell’incarico, improntando la mia interpretazione del ruolo alla massima trasparenza.
 .
L’impegno e la serietà con cui affronti e gestisci le situazioni mi sono note. Ti sarei grato però se mi indicassi una particolare iniziativa che, tra le tante, ti ha dato maggior soddisfazione. 
 
La prima cosa che mi viene in mento, probabilmente perché più suggestiva della altre, è l’avere organizzato la visita teatralizzata del Museo di Santa Giulia, condotta da una attrice che impersonava l’ultima badessa dell’antico Monastero, Elena Masperoni: una storia personale avventurosa e tormantata, che portò la donna, in un contesto condizionato dalle rigide regole monastiche, a gestire (dal 1449 al 1478) complicatissimi rapporti con le Autorità religiose del Vaticano. un’autentica “fidapina”, direi.
.
Altro? 
Ho profuso un fortissimo impegno nella promozione della massima integrazione tra le varie sezioni nazionali, nell’ottica di un convinto e definitivo superamento di ogni residuo di particolarismo e di campanilismo. Il più significativo esempio, in questo senso, quello del gemellaggio con le amiche di Monza Corona Ferrea… ma è solo un inizio.
Rimorsi e/o rimpianti? 
Di rimorsi sinceramente non ne ho. Qaunto ai rimpianti… Ho lavorato con passione al gemellaggio con la sezione di Madaba, la più grossa enclave cristiana della Giordania, Paese al centro di un’area geografica critica, che amo molto. Purtroppo si tratta di un’operazione molto complessa, impossibile da concludere nel ristretto arco temporale di un solo mandato. Mi auguro però (e sono convinta) che il progetto andrà avanti anche con chi verrà dopo di me.
.
 
Definisci la tua Presidenza con una espressione per quanto possibile sintetica.
Sona stata una “Presidente dell’Ascolto”. Almeno ho fatto di tutto per dimostrarmi tale a tutte le mie colleghe Fidapine, nella convinzione che, molto spesso, sapere bene ascoltare è ancora piùimportante di sapere ben parlare.
.
.

  Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.