Goodmorning Brescia (114) – La memoria ostinata di 20 interminabili anni

.

La dittatura del ventennio. Era fascista. Deprecato ventennio. 

Comunque si inquadrino, comunque si definiscano, sono pur sempre venti lunghi anni di storia italiana che hanno lasciato tracce non solo nelle vicende della prima metà del ‘900, ma anche nell’urbanistica e nell’architettonica delle nostre città, Brescia compresa e prima tra tante altre.

.

.

Così, sul Corriere della Sera di oggi, Costanzo Gatta, instancabile detective di quello che lo storico britannico Eric Hobsbawm, nell’omonimo saggio, chiamò il secolo breve”   percorre le vie della Città e del suo hinterland alla ricerca di simboli di un passato neanche troppo lontano,

Sulle facciate di palazzi pubblici e sulle coperture dei tombini, ma anche affrescati sui muri di palazzi e cascine, slogan bellici e bellicosi (ma anche sgrammaticati, in certe occasioni), fasci littori, decorazioni di “M” che fanno chiaramente richiamo al cognome del Duce, rimangono a testimoniare, con tenacia degna forse di miglior causa, il più oscuro periodo attraversato e vissuto dalla nostra Repubblica (quando era ancora Regno).

La magia della penna di Gatta, ancora una volta, triesce a trasformare quella che, scritta da altri, si esaurirebbe in una fredda e monotona elencazione di luoghi e frasi, in un autentico tuffo nel passato, da cui riaffiorano atmosfere, illusioni perdute, inspiegabili nostalgie di sogni mai divenuti realtà, speranze tradite, immagini, rumori e odori che furono una volta e ora non sono più.

.

.

E intanto il rude Bigio scolpito nel 1932 da Arturo Dazzi, nascosto nell’ombra del suo forzato rifugio, se la ride sornione e continua ad attendere che venga il suo momento, se mai verrà.

.

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (113) – Interrogato, il Castello si rifiuta di rispondere

.

Insomma, sembra che ci sia uno studioso belga, tale Ferdy Hermes Barbon, eminente glittografo nonché segretario dell’Ateneo di Treviso, che ha esaminato in compagnia della castellologa Giusi Villari, pietra per pietra, le mura dell’amata fortezza che, dall’alto veglia su Brescia.

.

.

.

Circostanza non spettacolare, ma che non poteva certo sfuggire a un tipo come Costanzo Gatta che, come tutti ormai sanno perfettamente, non solo a Brescia, oltre a essere un eccellente giornalista, è anche curioso come una scimmia.

Dopo averci spiegato che cos’è la

glit|to|gra|fì|a   comp. di glitto- e -grafia, cfr. fr. glyptographie

ovvero la

glìt|ti|ca  der. di glittico, cfr. fr. glyptique – arte tecnica dell’intaglio e dell’incisione di gemme e pietre dure | studio e descrizione delle pietre preziose intagliate

Costanzo Gatta ci racconta dell’impegno profuso dallo studioso nella ricerca di marchi e segni che possano svelare dettagli ignoti di una storia pluricentenaria, cogliendo la ghiotta opportunità di rinfrescare ricordi storici e di costumi dell’epoca andata di grande interesse.

.

.

Compiacendosi un po’  allorché, quando riferisce della vanità degli sforzi profusi dal pur valente sessantottenne belga esperto «di fenomeni energetici e bio-energetici» nonché appasionato professionale di simbolismo medievale: tutto sommato, leggendo tra le righe, che il Castello difenda ancora tenacemente i suoi più intimi segreti, non dispiace poi molto.

Né a lui… nè a noi!

.

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (111) – La geometria archeologica del Professor Gatta

.

Pur non essendo un matematico, Costanzo Gatta la geometria la conosce benissimo. Così, com’è giusto che sia, comincia l’articolo sul “caso” della Rocca di Lonato, pubblicato sull’edizione bresciana del  Corriere della Sera di oggi, precisando opportunamente che la struttura oggetto di un’ormai recidiva querelle non è un cubo, ma bensì un parallelepipedo.

.

.

Fatta questa importante premessa, si impegna poi in una puntuale, approfondita e per quanto possibile obiettiva disamina della situazione in atto.

In sostanza:

  • da una parte, grazie ad alcuni “astuti accorgimenti tecnici” (quali il gioco degli specchi che riflettono le antiche mura e i merli del maniero, la trasparenza assicurata dai vetri che compongono le pareti del cubo -pardon, parallelepipedo-, che sarà salvaguardata tenendo vuota di arredi la struttura tranne che, ovviamente al momento dei servizi di catering) l’impatto ambientale sarà ridotto ai minimi termini;
  • dall’altra, sul piatto della bilancia pesa il rischio che questa ardita soluzione possa costituire un pericoloso precedente per altri siti storico/artistici, magari attraverso iniziative non così attente al rispetto dell’ambiente.

Insomma, al momento la geometria è salva, la matematica un po’ meno, visto che Sergio Onger, presidente della Fondazione Ugo da Como interrogato da Gatta in merito al costo finale dell’operazione (fieramente osteggiata –ricordo- dall’Istituto Italiano dei Castelli e da Italia Nostra – vds. precedente post https://cardona.patriziopacioni.com/goodmorning-brescia-72-lonato-la-rocca-o-il-cubo/), così risponde:  «L’opera è costata non poco. Un milione e 300.000 €, spero qualcosa di meno».

Lecito chiedersi se la speranza, in termini algebrici ed economici, possa essere assimilata a un postulato?

Nel frattempo, almeno a me, invece, la Rocca interessa vederla così.

.

.

 

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (106) – «Quarant’anni dopo», doppiando Dumas

.

Ritrovarsi a fare lo stesso spettacolo di danza insieme dopo quarant‘anni?

Si può, sempre che si risponda ai nomi e cognomi di persone della qualità di Costanzo Gatta Orietta Trazzi. Il primo, giornalista di grande spessore, attualmente “firma” del Corriere della Sera, con il trascorrere del tempo sembra accumulare esperienza e nuovi stimoli, più che anni.

La seconda, invece, è la grazia e l’armonia in persona, passata dal ruolo di giovanissima ballerina a quello più maturo ma non meno importante di insegnante di ballo (eccellenza bresciana nel ruolo) e fantasiosa coreografa.

.

.

Ieri mi sono trovato ad assistere a una delle ultime prove dello spettacolo «Le sei mogli di Enrico VIII», prodotto dal Freebody Club.

Ho avuto così l’occasione e la buona sorte di vedere al lavoro insieme Costanzo Gatta, autore del testo recitato, e Orietta Trazzi, una vita dedicata alla danza, prima come ballerina poi come coreografa e insegnante, praticamente il meglio che questa disciplina artistica può offrire la città di Brescia.

.

 x

.

«Lo spettacolo, scritto da me, fu messo in scena per la prima volta nell’ormai lontano 1978» mi dice Costanzo Gatta, «con la coreografia della grande Tina Belletti e la allora giovanissima Orietta Trazzi, chiamata ad interpretare niente meno che il ruolo della morte».

La musica è di Rick Wakeman, tastierista e compositore britannico  esponente del progressive rock degli anni ’70. Ha fatto parte del gruppo degli Yes.

«I brani di Wakeman sono quanto di più discontinuo si possa immaginare: si passa da ritmi popolari a percussioni rock, a brani ispirati a suggestioni celtiche, a echi di bolero e ad altro ancora: un’autentica sfida sia per la coreografa che per i ballerini, costretti a continue e repentine variazioni di ritmo» aggiunge Gatta,uno di quei pochi che non hanno mai paura di affrontare nuovi quanto ardui cimenti

Il cast è composto di sedici ballerine, tre ballerini e il “fine dicitore” Daniele Squassina nella parte del folle giullare che narra le drammatiche vicende di Enrico VIII e delle sue sfortunate consorti. Nella citata messa in scena del  1968 il ruolo fu interpretato da  Aldo Engheben, importante attore bresciano che fu tra i cofondatori della Loggetta, dalla quale deriva l’attuale CTB.

.

x

.

Ma ecco che inizia la prova. La prima sorpresa è l’intensità con la quale Costanzo Gatta (in sostituzione dell’assente Squassina) si presta alla lettura del testo: declama forse senza la perfetta azione di un aTtore ma con la partecipazione emotiva e con quella “interpretazione autentica” che solo un aUtore  può conferire al proprio testo che ha ideato e scritto.

Le giovani danzatrici, preparatissime allieve di una scuola di eccellenza, si muovono seguendo le indicazioni di Orietta Trazzi, gentile e ferma quanto basta, a sua volta in continuo dialogo e confronto con Costanzo Gatta.

In una scenografia essenziale ma molto efficace, composta da pannelli mobili il cui chiudersi e dischiudersi suggerisce l’alternanza di vuoti e pieni, divisioni e di assenze, di sempre meno durevoli chiarori e sempre più tenebrose oscurità, che scandisce la follia e la violenza di Enrico VIII, con tratti scanditi e suggestivi si dipana una storia di violenza e di sangue, resa plastica dalle armonie della danza. Non è una danza di nozze, ma una danza di morte, per donne maledette dalla vita, una sequenza angosciosa e angosciante nel corso della quale, nel momento stesso in cui si festeggia, si comincia a rimpiangere.

.

xx

.

A nulla valgono, al severo cospetto del Re, la sottomissione di Caterina d’Aragona, ne la capacità seduttiva ma sterile di Anna Bolena. Non si salva, grazie alla propria poetica dolcezza, Jean Seymour, a nulla giova il languore di Anna di Clèves. Non servirà a fuggire, attraverso le sbarre della prigione in cui il crudele sovrano l’ha fatta rinchiudere, la flessuosità di Caterinhe Howard. Solo l’ultima moglie, la quieta, rassicurante Caterina Parr avrà il “privilegio” di sopravvivere alla furia distruttrice di un Enrico VIII arrivato, a sua volta, all’appuntamento con la morte.

.

.

Uno spettacolo capace di coinvolgere ed emozionare, anche grazie agli splendidi costumi ideati dalla stessa Orietta Trezzi (che i ballerini, ovviamente, non indossavano nella prova, ma che ho avuto modo di vedere già pronti) che conferiranno allo spettacolo di domenica prossima, a Manerbio, ancora più magia..

.

.

«Le sei mogli di Enrico VIII» andrà in scena domenica prossima 10 giugno (alle ore 20,30) al Teatro Politeama di Manerbio  insieme all’altro spettacolo del Freebody Club «Lo scorrere del tempo»

Freebody Club (via Gabriele D’Annunzio 12 – Orzinuovi)  è anche su  Facebook:

https://www.facebook.com/search/top/?q=freebody%20club

.

 

.

     Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (103) – La danza… della Leonessa

.

«Basti dire che a Brescia gli adepti di Tersicore, musa protettrice della poesia corale e della danza, sono più dei praticanti di football»  fa notare,  nell’articolo apparso sul Corriere della Sera di ieri, sornione come e più di sempre, Costanzo Gatta.

.

.

Insomma. la Leonessa si rivela assai più “ballerina” di quanto si potesse sospettare.

Absit iniuria verbis, naturalmente: l’aggettivazione sia intesa in senso letterale, cioè senza alcun riferimento alla ormai incombente e incertissima consultazione elettorale che stabilirà a chi, nei prossimi anni, saranno attribuiti onori e oneri dell’amministrazione della Città.

.

.

Con passo leggero e ritmo da provetto danseur, dunque, Costanzo Gatta volteggia per le scuole di danza disseminate in tutta la città: da Carpenballet di Maurizia Camplani a Danza Laboratorio di Antonella Massussi, da Laura De Buono ad Areazione di Stefania Talia , dal Centro Danza di Orietta Davoli a Cristiana Facchini, dalla Forza e Costanza di Nadia Bussien allo Studio 76 di Alessandra Angiolani e Michela Busi, è tutto un germogliare di arabesque, brisé, cabriole, degagé (e si potrebbe andare avanti, seguendo l’ordine alfabetico, almeno fino alla “t” di tendu) .

.

Nell’intelaiatura del “pezzo”, come spesso gli accade di fare, l’articolista inserisce alcuni fili d’oro abilmente nascosti per il momentoi: l’accenno a tre giovani eccellenze bresciane che in futuro, certamente, faranno parlare di sé:

«Non a caso una ragazza di dieci anni sta sostenendo esami di ammissione alla Scala, un sedicenne è entrato fra i cadetti del Bolshoi e un terzo ha danzato con Bejart»  ammicca, lasciando abilmente la questione in sospeso.

Praticamente un trailer, anzi tre trailer: scommettiamo che di queste tre giovabi eccellenze bresciane, lo scaltro Costanzo  tornerà a parlarci a breve?

.

.

 

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (101) – Costanzo Gatta: un puzzle di ricordi per quel drammatico 9 maggio

.

.

È dote propria di un grande giornalista, quella di saper riportare all’indietro il tempo e fermarlo in un certo preciso istante.

Saper estrapolare un fotogramma fissato nel pensiero e nella memoria, non troppo sgranato, ma neanche troppo nitido, perché dev’essere lasciato libero spazio alle volute nebbiose delle emozioni.

Lo ha fatto ieri Costanzo Gatta, sul Corriere della Sera, per preparare uno dei giorni della memoria più oscuri e dolorosi della Storia della Repubblica. Dolore ancora vivo e pulsante, sotto quell’esile tessuto cicatriziale che è tutto ciò che 40 anni sono riusciti a produrre.

Un vulnus forse incurabile, nel dare e nell’avere, per l’Italia e per la Democrazia.

Costanzo Gatta ha scelto di farsi aiutare, nell’ingrata quanto ambiziosa impresa, dalle testimonianze di tanti bresciani, di nascita e di elezione, sintetizzando in modo incisivo i ricordi di ciascuno di loro puntati su quel 9 maggio in cui furono fatte ritrovare dalle Brigate Rosse, nella centralissma via Caetani, le spoglie mortali di un grande uomo politico e grande statista, Aldo Moro.  

.

.

Scorrono una dopo l’altra (“Io ero a scuola” “Io stavo lavorando in fabbrica, il sindacato indisse subito uno sciopero” “Io, carabiniere, presidiavo in servizio di ordine pubblica una sede del Movimento Sociale, con tanto di giubbotto antiproiettile e mitraglietta“, “Io, chirurgo, ero in sala operatoria“, “Io in un bar, avendo marinato la scuola per evitare un compito in classe“, “Io lo seppi dalla tv“…

Inevitabilmente, anche la memoria del lettore si mette in moro, alla ricerca di un ricordo.

Quel ricordo.

E, puntualmente, non senza sofferenza, lo ritrova.

.

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (82) – La Festa delle Fómne raddoppia con Gatta

.

La notizia è di quelle ghiotte: il temerario giornalista Costanzo Gatta si propone come mattatore della Festa delle Donne con una duplice presentazione del suo ultimo libro, rischiando il mattarello delle fiere Fómne maltrattate da secoli di detti e proverbi malevoli che l’incauto giornalista è andato a ripescare dal passato maschilista di Brescia e circondario. 

.

 

.

Si è cominciato, il giorno 6 marzo, in Loggia, più precisamente nella prestigiosa quanto opulenta Sala Giudici.

L’introduzione è di Laura Cottarelli, neo vice-presidente della Fondazione Civiltà Bresciana.

«Ciò che più mi ha colpito è che tra i tanti detti coniati dalla tradizione maschilista bresciana e recuperati da Costanzo Gatta, non ce n’è uno d’intonazione positiva.  Già lo sapevo, naturalmente, ma vederli uno dopo l’altro, per le cento pagine di questo quaderno… »

Passa poi a una diagnosi della situazione ai nostri giorni.

«Da allora molte cose sono cambiate in meglio, è innegabile, ma qualche problema è rimasto. Basta pensare ai pubblicitari che, per promuovere il marchio di uno sciroppo per la tosse o di una lavatrice (per non parlare delle automobili) non trovano di meglio che attingere all’immagine di una donna sminuita a mero oggetto di desiderio e  di conquista».

Perché le parole sono sassi, il cui impatto, una volta lanciati, non può essere reso meno dannoso con una risata compiaciuta.

«Le parole violente sono capaci di rendere violenta la più pacifica delle comunità» sottolinea, per non lasciare dubbi residui prima della conclusione.

«In una vera democrazia le donne devono partecipare, e solo un’effettiva partecipazione femminile può fondare e costruire una vera democrazia»

Potrebbe sembrare una ripetizione o, perlomeno un’inutile ridondanza, ma non lo è affatto.

Per l’assessore Roberta Morelli «Forse persino in questi orribili detti c’è qualcosa da salvare: per esempio il fatto che certe battute (che sarebbe riduttivo definire di cattivo gusto) i signori uomini si permettevano di dirle quando erano tutti insieme all’osteria, non certo in casa, in presenza della moglie».

La realtà è che, nel periodo dell’800 e della prima metà del ‘900, prima che si avviasse il pur difficile e faticoso processo dell’emancipazione femminile, sulla base della mancata indipendenza economica e sociale della donna, l’uomo reputava se stesso al centro dell’universo.

Daniela Mena, organizzatrice del Festival della Microeditoria di Chiari, spiega le motivazioni che hanno portato la sua casa editrice, la GAM di Rudiano, a effettuare questa scelta di pubblicazione.

«Non appena ho letto il testo ho accettato la proposta di Gatta. Si tratta di una raccolta di proverbi misogini, certo, ma anche del recupero e della tracciatura di un’importante aspetto della tradizione. Un check letterario utile come pietra di paragone dei cambiamenti e dei progressi intervenuti con il trascorrere degli anni, impreziosito dalle belle e suggestive illustrazioni opera dell’artista Micio Gatti»,

Di grande impatto le letture degli “obbrobri maschilisti” curate da un Daniele Squassina elegante e sornione dicitore, insomma in gran forma, come sempre.

.

 

*°*°*°*°*°*°*°°*°*°*°*°*°*°*°

.

.

Il secondo round, per così dire, si è disputato il giorno dopo in un’altra sede di grande prestigio, non solo architettonico: la sede della Fondazione Civiltà Bresciana nell’antico palazzo di Vicolo S. Giuseppe.

Lì, coordinate da Elvira Cassetti Pasini, sono il consigliere del quartiere Centro Storico Nord Tina Venturelli,  la giornalista Magda Biglia e la docente universitaria Carla Boroni, a dibattere del libro di Costanzo Gatta, sempre con Daniele Squassina a farsi carico delle letture.

«Si tratta di un libro molto stimolante» è l’esordio di Magda Biglia.
«Faccio osservare, però, che molti degli stereotipi sulla donna riportati dal libro sono ancora validi ai nostri giorni. E siccome gli stereotipi culturali, purtroppo, sono tra le cose più difficili da sradicare, a poco ha potuto, sino a questo momento, la dimostrazione da parte delle donne della possibilità di sapere e potere raggiungere l’eccellenza in moltissimi settori prima riservati all’uomo»
Una competizione di genere che si dimostra ancora ad handicap per le persone di sesso femminile, visto che, nonostante gli sforzi, in Italia la società non è ancora a misura di donne che molto spesso, in un sacrificio non indolore,dettato dall’amore per la famiglia, sono praticamente costrette a tirarsi indietro nel percorso di carriera. Forse, da parte di un buon governo, ci vorrebbe, in tema di effettive pari opportunità, un atteggiamento più impositivo, sia nelle carriere che nella formazione delle giovani generazioni».
«A prima lettura ho avuto l’impressione di trovarmi, attraverso la raccolta di Costanzo Gatta, di un mondo contadino che ora non c’è più.  Poi, però…. mi sono resa conto  che sia pure con meno volgarità e virulenza,  certe idee sono difficili da sconfessare. Senz’altro rimane, anche ai giorni nostri, il quantomeno cauto atteggiamento dei giovani nei riguardi del matrimonio leggibile su Fómne… solo che, in questo agitato terzo millennio, si tratta di un approccio comune anche alle ragazze!» è il pensiero di Tina Venturelli.
«Tra le pagine del libro di Costanzo Gatta, le uniche frasi accattivanti, gli unici complimenti, vengono riservati alle bambine molto piccole» osserva poi, dando l’illusione di attenuare un giudizio severo verso la “filosofia da osteria” del maschio bresciano di altri tempi.
«Forse, però, si tratta solo di parole di mera circostanza, spese solo per consolarsi che il figlio non sia nato maschio!» aggiunge subito dopo, spegnendo ogni fiammella di speranza.
Più ironico e scanzonato, come spesso accade e come le è proprio, l’intervento di Carla Boroni.
«Come tutti sanno, ma fanno finta di non sapere, Costanzo è un simpatico e adorabile misogino e, tempo stesso… un gentiluomo di altri tempi sempre attento a mettere in relazione la tradizione con l’evolversi dei tempi. Personalmente, sono convinta che tutti i detti, i motti e i proverbi che ha raccolto in questo libro, altro non sono un becero e cialtronesco tentativo di vendetta contro una donna (quella bresciana) abituata da sempre a comandare in casa».
Secondo Carla Boroni si tratta comunque di un’operazione culturale e divulgativa condotta con arguzia e grande rispetto della tradizione.
«Da insegnante posso dire che, anche se in modo confuso e aritmico, sono stati fatti enormi passi avanti per la condizione femminile. Per restare in un settore come quello dell’insegnamento, che conosco profondamente e molto da vicino, incomparabilmente migliore è la situazione economica delle maestre, autentici pilastri dell’educazione del 19° e 20° secolo, ma remunerate per lunghissimi anni a livello di pura sussistenza. Restano anche molti punti oscuri, però: il vecchio delitto d’onore, estirpato a fatica dai codici, sembra ora essere stato vantaggiosamente sostituito, nelle pratiche dei violenti, dalle multiformi varianti di un sempre più diffuso femminicidio». 
.
 
.
Costanzo Gatta, intervenendo per ultimo, riconoscendo la sua posizione d’inferiorità tattica e strategica tra tante e tali donne, diplomaticamente mantiene un profilo basso, limitandosi a spiegare che, come potrebbero testimoniare amici e conoscenti, «Questo libro è nato da un detto di una violenza e volgarità incredibile che, indignandomi profondamente, mi ha indotto ad approfondire la ricerca tematica nell’ 800 e nel primo 900».
Di più non dice, avvalendosi del diritto di non testimoniare contro se stesso.
La riunione si scioglie e i bravi maschi bresciani intervenuti all’incontro, sciamano dalla sala dirigendosi verso le loro dimore, dove presiederanno (?) il desco famigliare.
In me (che sono notoriamente un malpensante) resta però il sottile dubbio che, nella mente di qualcuno di loro, magari sottobraccio alla propria compagna, permanga, nei confronti delle donne in genere, il subdolo, strisciante e sempre tentatore motto dei bei tempi andati.
La donna, anzi, la fómna?.
La piasa, la tasa e la staga in casa!
 .

.

Titolo: Fómne

Autore: Costanzo Gatta

Editore: GAM

Collana: I lügarì

Genere: Stortia e cultura locale

Anno: 2018

Pagine: 104

Prezzo: 12 €

ISBN:  9788898288670

.

Quaderno della collana I Lugarì, dedicato alle donne. “Alle signore di ogni età suggerisco di leggere questo libretto con bonomia e leggerezza e con la consapevolezza che la pretesa superiorità dell’uomo è, in realtà, una gentile concessione… e ai signori uomini useremo la cortesia di non svelarlo”. Dalla prefazione di Laura Cottarelli. Corredato dai disegni di Micio Gatti.

 

Le margherite sè le sfòia, le röse sè le nasa e le fómne sè le basa – Le fómne e le vache bune le resta ‘n paés – Sè tè öt viver quét, resta pöt. – Chi gha moér, gha pensér – Chi öl tacà a tribulà èl töe moér – La fómna che pipa, che nasa o che cica, dèi diaol l’è cara amica. – Èl piö gran mèret dè la fómna, l’è ‘l saì tàser – Siète dè picinine, mai bune spusine – Chi öl la fiöla basa la mama – Sè ’l-òm èl gha ’l bigaröl e la fómna lebraghe.

.

.

 

 

 

   Bonera.2

 

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (79) – Costanzo investigatore, sulla riva del Garda

.

.

C’è persino un’autopsia virtuale, nell’articolo pubblicato sulla pagina domenicale della cultura, nell’inserto bresciano del Corriere della Sera. Dall’esame autoptico del  cadavere, che risponde al nome di un certo Gabriele D’Annunzio, emerge il quadro di un settantenne pieno di acciacchi di ogni tipo: un occhio irrimediabilmente leso, la situazione disastrosa dei denti, la prostata ingrossata, una stipsi prolungata e incarognita, il logorio generale derivante da un’intera vita di eccessi di ogni tipo, ivi compresi gli ultimi venti anni votati alla bianca Dea Cocaina, hanno lasciato cicatrici evidenti sul corpo del defunto Vate.

Un’autentica indagine, condotta dall’articolista con dovizia di particolari e la consueta, disincantata arguzia dell’autore.

.

Cominciamo dal titolo, che potrebbe essere; «Il commissario Gatta e il mistero del Vittoriale».

Sono presenti tutti gli accenti e le atmosfere di una storiaccia noir, per non dire horror, nel movimentato pezzo di Costanzo Gatta. Dal frenetico affaccendarsi del giovane falegname bresciano Giuseppe Ventura, chiamato a rivestire il macabro ruolo di costruttore di bare, al lungo parcheggio della salma nel Tempietto delle Memorie prima dell’inumazione  (avvenuta nel 1963) nel Mausoleo, per finire con il dubbio irrisolto in merito a un eventuale suicidio.

Fu morte naturale per “apoplessia” o la decisione estrema di fuggire dalla ”turpe vecchiaia” preconizzato nelle pagine del Libro Segreto attraverso la scorciatoia del suicidio?

Anche al decesso di D’Annunzio, insomma, si potrebbe attagliare la frase “Di certo c’è solo che morto” spesa per la fine del bandito Giuliano.

Con lo sberleffo finale della data “scelta” dal Vate per accomiatarsi dal mondo: martedì grasso, il giorno ideale per un assoluto gaudente come il Poeta pescarese-gardesano.

Dopo di che, inevitabilmente… arrivano le Ceneri.

.

.

 

  Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.