Goodmorning Brescia (128) – Eskimo & salopette, mezzo secolo dopo

.

.

La grande sala dell’AAB (Associazione Artisti Bresciani) di Vicolo delle Stelle è gremita, in attesa dell’inizio del  concerto di Alessandro Adami e Carlo Gorio (davvero bravissimi e ispirati) dal titolo “Musiche e canzoni dell’impegno nel Sessantotto”. Osservando più da vicino gli spettatori mi accorgo che, dall’età e dallo sguardo nostalgico, per la grande maggioranza si tratta di sessantottini doc, ora (inevitabilmente) pantere grigie, con ogni probabilità divisi tra tardomovimentisti, revisionisti illuminati, buonisti e radical chic. Per un attimo mi sembra di vederli tutti più giovani, ragazzi sui vent’anni, i maschi infagottati nell’eskimo e le ragazze equamente divise tra salopette e ampi vestiti di seta indiana a buon mercato, e mi chiedo quanto sarebbe bello e gratificante vedere presente per questa rievocazione (che è anche una rivendicazione d’identità politica e civile)  qualche giovane di adesso in più.

.

.

Presenta e introduce, con la solita accattivante spontaneità e facilità di parola, il presidente Massimo Tedeschi, poi via al concerto.

Si comincia con 《Ognuno è libero 》 e 《Cara maestra》 partendo dal pre-sessantotto e in particolare da Luigi Tenco che 《chissà dove sarebbe arrivato se non si fosse suicidato a San Remo》 , si chiede la “voce” del duo, Alessandro Adami. Poi ci s’incammina nel vario quanto intricato percorso delle canzoni italiane “di protesta” o “impegnate” che dir si voglia. Parole, temi e melodie (per la verità piuttosto simili tra loro) di Ivan Della Mea e Rudi Assuntino, e quando parte 《Contessa》di Paolo Pietrangeli, i sessantottini d’antan accompagnano con il battito cadenzato delle mani e accompagnano in coro (pur se pudicamente a fior di labbra) il trascinante e irresistibile 《compagni dei campi e delle officine/prendete la falcia portate il martello/scendete giù in piazza, picchiate con quello

.

.

Applausi a scena aperta anche per 《Vecchia piccola borghesia
di Claudio Lolli, prima che tutti ricordino come, dopo l’ebbrezza della protesta, il buio degli attentati selvaggi e assassini di esseri umani e di libertà democratica, di cui Brescia sa più di qualcosa, calasse sulla protesta come una mannaia.

Così si finisce con la malinconica “Maria” di Giorgio Gaber, che fa rima con “ideologia”, in cui “libertà” fa rima (ma, purtroppo, non ci va più d’accordo) con “realtà”  e una satira che si rivolge non solo contro 《i borghesi che sono tutti dei porci che più sino grassi più sono lerci》ma anche, e soprattutto, verso una società in cui i grandi ideali si vanno estinguendo.

La fine di un percorso in cui lo stesso Gaber riconosce l’inesorabile annacquarsi delle pulsioni più genuinamente popolari e rivoluzionarie che, di lì a poco, saranno riprese e stravolte dalla violenza militare delle Brigate Rosse.

E i borghesi “loro malgrado” , di cui ora, nello smarrito 2018, è piena la sala, sognando eskimo e salopette, annuiscono con disincantata autoironia, sorridono e  si spellano le mani nell’applauso che saluta la fine di questa gradevole e riuscitissima “Operazione Ricordo & Recupero” a mezzo secolo di distanza dal mitico ’68.

.

.

   Bonera.2

 

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (31) – Un prezioso catalogo e una mostra da visitare

Catalogo dell’Arte Moderna è una pubblicazione che dal 1962 (prima edizione) costituisce un appuntamento periodico e un autentico riferimento  per artisti, galleristi, collezionisti, associazioni d’arte e appassionati

Nata da una felice intuizione del critico Luigi Carluccio, raccolta e data alle stampe dall’editore piemontese Bolaffi sotto forma di un corposo e ricco repertorio annuale dedicato al mercato dell’arte contemporanea. Rilevato alla fine degli anni Settanta dalla Giorgio Mondadori, è la più “antica” pubblicazione italiana di questo tipo.

 

La presentazione bresciana del numero 52 si è svolta nella sede della AAB (Associazione Artisti Bresciani) al numero 4 di Vicolo delle Stelle, alla presenza di un folto gruppo di artisti (tra i quali ho notato anche Gi Morandini, notorio e illustre amico bresciano di Monteselva e del Commissario Cardona, e appassionati d’arte. Nell’introdurre l’evento, il Presidente della AAB Dino Santina, ha ricordato l’attività di promozione artistica e di valorizzazione dei più meritevoli artisti del territorio. Dopo di lui il Responsabile Libri Illustrati di Cairo Publishing Carlo Motta, ha valorizzato la funzione della pubblicazione definendola “il sole” attorno al quale girano altre pubblicazioni artistiche della Giorgio Mondadori.

Nel nuovo numero, che in copertina reca La Fontanella (olio su tela) del Maestro primitivista Norberto, l’approfondito articolo firmato da Claudia Trafficante su Umberto Boccioni, che a un secolo dalla morte del grande pittore reggino, mette l’accento sulla sua vicenda umana, prima ancora che su quella artistica.

Segue una rassegna del nuovo espressionismo veneto (come Birolli, Casorati, Semeghini e Tavella) curata da Mario Guderzo, dopo di che  l’esperto Andrea De Liberis spiega come attraverso i “percorsi costruttivi” si possa arrivare a stabilire l’autenticità o meno di una certa opera.  Da segnalare anche la disamina dell’ancora straordinariamente positivo rapporto tra il mercato internazionale e la grande tradizione italiana del ‘900, evidenziata dalle ricche aggiudicazioni delle opere di artisti del calibro di Burri, FontanaMorandi.

  

 

   

Per la gioia degli intervenuti al già citato civico 4 di Vicolo delle Stelle, sede dell’incontro, è ancora in corso la mostra Francesco Triglia – Oltre il Mito, realizzata con il patrocinio del Comune e della Provincia di Brescia, nella quale sono esposte significative opere dell’artista reggino, in meraviglioso equilibrio tra suggestioni classiche e tendenze post moderne  post tecnologiche, tra sirene, centauri, draghi, donne serpenti e altri esseri fantastici.

Ancora possibile visitarla fino all’8 marzo. Sarebbe davvero un peccato perdere un’occasione del genere.

 

L’Associazione Artisti Bresciani è un’agenzia di pubblico servizio, convenzionata con il Comune e la Provincia di Brescia, e ha lo scopo di promuovere iniziative di carattere culturale, in particolare la conoscenza e lo studio delle arti figurative e visive e degli artisti bresciani.
Specificamente l’Associazione, a norma dello statuto, organizza:

* attività culturali (mostre, tavole rotonde, convegni, conferenze, dibattiti, proiezione di film e documentari, concerti)
* attività didattiche e di formazione (corsi di preparazione e di perfezionamento nel campo delle arti e delle relative tecniche, seminari di studio, gruppi di ricerca, corsi di aggiornamento per insegnanti);
* attività editoriali (pubblicazione di cataloghi, di un bollettino di informazione con cadenza semestrale,  di atti di convegni conferenze seminari, di ricerche e studi sulle arti e i loro protagonisti, con particolare riferimento alle opere e agli artisti bresciani);
* attività promozionali (promozione di tutte le azioni idonee alla salvaguardia, alla tutela e alla valorizzazione dei beni ambientali, storici, artistici della città e della provincia).

L’Associazione opera senza fini di lucro in collaborazione con istituzioni ed enti pubblici e privati.

L’AAB ha sessantacinque anni di vita ed ha segnato profondamente la realtà culturale ed artistica locale.

Catalogo dell’Arte Moderna n. 52
Gli artisti italiani dal primo Novecento ad oggi
AA.VV.
Collana: Cataloghi d’Arte
Editore: Editoriale Giorgio Mondadori
Pagine: 848
Prezzo:€ 98,00
ISBN/EAN: 978-88-6052-751-6
   Bonera.2
Categorie: Giorni d'oggi.