Goodmorning Brescia (55) – Quel film muto al Vittoriale… a luci rosse.

Se c’è una canzone che il Vate avrebbe apprezzato, né tantomeno canticchiato sotto la doccia, o mentre si radeva, era quella che contiene questi versi:

«Perdere l’amore quando si fa sera
Quando tra i capelli un po’ di argento li colora
Rischi di impazzire può scoppiarti il cuore
Perdere una donna e avere voglia di morire*»

Se non altro perché Gabriele D’Annunzio l’amore (fate voi in quale tipologia) davvero non l’ha mai perso, e di donne, a quanto si sa, ne ha perse (o se n’è lasciato sfuggire, se preferite) davvero pochissime.

Sessantaquattro anni lui, trenta lei, in un match sentimental-erotico impari per l’anagrafe, ma complementare nell’incontro di due narcisismi diversi ma convergenti nel talamo.

 

Perché quello che ci narra Costanzo Gatta, dannunzista DOC, nellarticolo apparso sul Corriere della Sera di oggi, edizione bresciana, proprio a questo si riferisce: alla breve (come spesso capitava al Comandante dai molti e variegati appetiti che nella sontuosa villa di Gardone prese residenza) ma incandescente relazione tra il poeta-narratore-drammaturgo-pilota-avventuriero Gabriele D’Annunzio e l’aspirante stella del cinema e del teatro, Elena Di Sangro (al secolo Maria Antonietta Bartoli Avveduti).

Era la torrida estate del 1927, a una certa distamnza di tempo dal primo, stuzzicante aperitivo consumato nella camera di un albergo romano nel 1919.

Qualcosa che etichettare come la solita  serie di squallidi convegni tra un’attricetta in cerca di scritture e un vecchio ma talentuoso sporcaccione in grado di procurargliele, sarebbe oltremodo riduttivo.

In realtà, a mi e non solo mio, modo di vedere, si trattò, come in altri casi della molteplice esperienza amatoria dell’Orbo Veggente, di uno scambio neanche troppo iniquo: da una parte l’attempato Gabriele attinse scampoli di tardiva ma gagiarda gioventù e ricevette e incamerò nuova vis poetandi; dall’altra la giovane quanto avvenente e disinibita Elena (ribattezzata dal Poeta -come tutte le vittime sacrificali immolate tra le lenzuola- stavolta con il nome di Ornella) ebbe la possibilità di essere illuminata dai raggi accecanti di tanta leggendaria creatività.

Pari e patta, si potrebbe dire.

Certo, però, che leggere di inguini che infiorano il ventre rassomigliando all’ascella dell’Aurora e di coltelli furbondi pronti da sguainare, sistemati proprio lì dove si ritiene che un uomo nudo possa conservare il suo… ai giorni d’oggi qualche sorriso ironico potrebbe anche provocarlo.

O no?

   Bonera.2

 

 

* «Perdere l’amore» – testo: Giampiero Artegiani – Marcello Marrocchi – musica: Giampiero Artegiani – Marcello Marrocchi – WEA Italiana – feb 1988

NB  – Per l’articolo Costanzo Gatta ha preso spunto dal libro «Elena Sangro e la sua relazione con Gabriele D’Annunzio» (Ianieri Edizioni)

 

 

Categorie: Giorni d'oggi.

Ex Libris (12) – Tutti i colori del Vate

Nato su una nave in tempesta. Salvato in extremis, nel corso del più travagliato dei parti, dal proprio cordone ombelicale seriamente intenzionato a strozzarlo.

Macché.

Il tutto, secondo la spregiudicata autonarrazione del Vate, avvenuto un anno prima di quanto accaduto in realtà e sotto la costellazione dell’ «Ariete cozzante», anziché in quello (giusto) più mansueto e volubile dei Pesci.

Dunque Gabriele D’Annunzio fu un inguaribile bugiardo?

Non esattamente. Piuttosto un esagerato creativo dotato di sconfinata fantasia, al punto di ritenersi arbiter et faber non solo del presente e del futuro, ma anche sommo plasmatore del proprio passato.

Che ebbe una discreta attitudine alla musica e alla pittura, per esempio, risponde al vero, scrive Costanzo Gatta, partendo da qui per lo snello saggio sul grande Poeta pescarese visto come virtuoso della matita e del pennello.

Un lungo, suggestivo e affascinante percorso, iniziato quando, studente ginnasiale “fuori sede” al Cicognini di Prato, avido di ogni tipo di sapere ed espressività (diate matematica e filosofia a parte, s’intende!) si avvicinò con fattiva curiosità prima alla musica e alle lingue straniere, per poi approdare, con assoluta naturalezza, anche al disegno e alla pittura.

  

Il percorso “figurativo”, pur se da via secondaria, in contrapposizione con quella maestra della scrittura narrativa, poetica e drammaturgica, da quel momento in poi accompagnerà D’Annunzio per tutta o quasi tutta l’esistenza, favorendo incontri eccellenti e sinergie, estrinsecandosi in rapidi ma incisivi e rivelatori schizzi che accompagnano gli appunti, in sommari ma stimolanti progetti di mobili, in scenografie, in loghi che accompagnano con straordinaria efficacia, valorizzandoli, i motti secchi e suggestivi propri dell’Artista e dell’Uomo.

E il colore, che il Vate non ha soltanto negli occhi, ma anche nella mente che pensa, nelle parole che narrano, con una straordinaria tavolozza che Costanzo Gatta regala ai lettori del suo libro:

Biondo/Birra

Grigio / Cielo cappa di ferro

Blu / Adriatico

Rosso / Papaveri

Verde / Maiolica persiana

Turchese / Occhi della tal Marchesa

… e così via.

Un virtuosismo grafico che lo scaltro (oltre che geniale) Gabriele, usò anche come seduttivo biglietto da visita.

Sette quadri regalati a Benito Mussolini per guadagnarsi il favore del Potere e decine, forse centinaia, chissà, ad altrettante leggiadre fanciulle e piacenti signore da convincere a donare ciò che, probabilmente, avevano già una gran voglia di donare!

(continua… non è vero, Costanzo Gatta?)

.

  • Titolo del Libro: Gabriele D’Annunzio pittore
  • Autore : Costanzo Gatta
  • Editore: Ianieri
  • Collana: Saggi e carteggi dannunziani
  • Anno: 2016
  • Pagine: 208
  • Prezzo: 16 €
  • ISBN-10: 8888302549

 

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.