Kon Tiki: cinquemila miglia di oceano e un grande insegnamento

.

La storia, il libro, i film

Kon-Tiki (Dio Sole) è il nome di una zattera e il titolo di un romanzo (1950 -autore il norvegese Thor Heyerdahl – titolo originale «The Kon-Tiki Expedition: By Raft Across the South Seas»), di un documentario (1950 – premio Oscar di categoria nel 1952) e di un film (2012 – diretto da Joachim Roenning ed Espen Sandberg – tra le nomination per il premio Oscar.

 

  

 

Prende il nome dalla zattera con la quale lo stesso Thor Heyerdahl e i suoi cinque compagni di avventura (Erik Hesselberg, navigatore ed artista, che dipinse il volto del dio sulla vela;  Bengt Danielsson, cuoco e cambusiere; Knut Haugland, esperto radio; Torstein Raaby, trasmissioni radio; Herman Watzinger, ingegnere esperto in misurazioni).

La spedizione, finanziata da donazioni private e supportata dalla fornitura a titolo gratuito di attrezzature e viveri da parte dell’esercito statunitense, fu progettata e realizzata allo scopo di dimostrare la possibilità che popolazioni del Sud America potessero avere raggiunto la Polinesia in epoca pre-colombiana.

Kon-Tiki, costruita in balsa e corde di canapa, secondo la povera tecnologia locale dell’epoca, descritta dai conquistadores spagnoli, partì dal porto di Callao (Perù),  il 28 aprile 1947, conducendo la zattera, il 7 agosto successivo, dopo centouno giorni di viaggio nell’oceano e cinquemila miglia di avventurosa navigazione, a raggiungere e superare, non senza difficoltà, la barriera corallina di Raroia, nell’arcipelago delle Isole Tuamotu. La zattera  Kon-Tiki, completamente restaurata, è in esposizione al Kon-Tiki Museum di Oslo.

.

Lo spettacolo

All’anteprima sono presenti esponenti dell’informazione e numerosi insegnanti delle scuole di Brescia. Ci somno anche Silvia Quarantini (che ha coadiuvato sia la regia che la preparazione del protagonista) e Alessandro Mor, poi coinvolto “a sua insaputa” in un momento della recita.

In scena c’è solo uno studioso sudamericano che, con l’aiuto di una lavagna scolastica sulla quale è disegnato il mappamondo, narra, come se fosse una lezione, l’epica spedizione di Kon Tiki, la cui partenza è salutata e acclamata da migliaia e migliaia di persone convenute a Callao.

.

.

La scenografia è semplice, per non dire essenziale: un tavolo, un libro, un vecchio registratore, un suggestivo modello di una zattera, una bottiglia d’acqua utile a evocare il movimento del mare, una grande vela con l’effigie del Dio Sole, un sestante…

Insomma, quanto basta per catturare l’attenzione e la curiosità degli spettatori e metterne in moto la fantasia, ovvero la più grande e completa scenografia che esista al mondo.

Il professore (interpretato da Marcelo Sola, sorprendentemente padrone della scea al suo debutto  da attore) tiene la sua “lezione” con naturalezza e brio, intercalando battute e persino una canzone che accompagna egli stesso alla chitarra, a osservazioni più serie e meditate, approfittando della suggestione della narrazione per distribuire pillole d’informazione (la civiltà degli Inca e la loro disperata fuga verso la costa, sotto l’incalzare del nemico venuto da oltremare, le esplorazioni di Magellano) assai utili e opportune per il giovanissimo pubblico che costituisce il principale target di questo spettacolo. Si sorride, sì, ma ci si emoziona anche, al pensiero dell’aspro confronto con la natura, alle speranze e alle disillusioni dei naviganti, a quell’uccello in volo che, finalmente, conferma che l’approdo non è più così lontano.

.

.

Sa come coinvolgere gli spettatori, Marcelo Sola, invitandoli a immedesimarsi nei membri dell’equipaggio, in quei cinque norvegesi e nello svedese… e anche nel pappagallo che portarono con sè.

Una storia edificante, ma non solo.

In quella specie di “migrazione a rovescio” in occasione della quale, alla fine, furono gli indigeni ad accogliere i naufraghi “civilizzati” occidentali come fratelli, non si può non ravvisare una parabola, una esortazione che, in questi giorni, naviga ahimé davvero controcorrente in un mare di egoismo e diffidenza verso ciò che è diverso da sé.

Un messaggio che, ne sono certo, i ragazzi che assisterannoa  questo spettacolo, coglieranno con quella prontezza e con quell’adesione mentale e spirutuale che solo la loro verde età sa esprimere appieno.

.

.

.

È una compagnia teatrale professionale di Brescia che opera a livello nazionale (sotto forma di cooperativa sociale onlus) fin dal 1979, anno della fondazione cui contribuì anche il Centro Teatrale di Bergamo. Per il conseguimento di principali scopi  (svolgimento di attività socio-educative nel campo della promozione, della educazione, della cultura, dell’arte e del turismo culturale, con focus  prevalente, anche se non esclusivo, su minori, adolescenti e giovani in ambito scolastico) si avvale dei seguenti strumenti:

  • produzione e promozione di ogni genere di servizio culturale, di animazione (ricreativo ed educativo) per minori, adolescenti e giovani;
  • organizzazione e promozione di festival, rassegne e stagioni teatrali;
  • incontri, convegni, mostre e iniziative culturali, con particolare attenzione al teatro per l’infanzia e per la gioventù;
  • organizzazione di laboratori, seminari, corsi di preparazione;
  • aggiornamento e formazione per insegnanti, educatori, animatori, genitori e studenti delle scuole dell’obbligo;
  • produzione, organizzazione, promozione e distribuzione di produzioni teatrali, spettacoli ed eventi rivolti in primo luogo a minori e giovani;
  • elaborazione di materiale didattico diretto soprattutto agli operatori in ambito scolastico.

Dunque il prossimo anno ricorrerà il quarantennale della fondazione, per il quale si sta meditando il miglior modo di celebrare.

«L’attività del Telaio, nel rispetto di un sempre elevato standard di qualità, è in continua crescita anche quantitativa, anche in termini di ospitalità reciproche con altre associazioni operanti in Italia e all’estero» ci dice Maria Rauzi.

«Basti dire che, nelle ultime stagioni, per soddisfare la richiesta da parte del pubblico, in presenza di impianti di non adeguata capienza, si sono dovute raddoppiare le repliche rispetto a quelle originariamente previste»

Meglio andrà, certamente, allorché sarà fruibile il nuovo duplice impianto di via Milano la cui consegna è prevista più o meno tra tre anni (vds. precedente articolo a questo link:

https://cardona.patriziopacioni.com/goodmorning-brescia-teatro-ideal-oltre-la-strada/ .

.

.

KON-TIKI

con Marcelo Sola

scenografia di Giuseppe Liuzzi

musicghe composte ed eseguite dal vivo da Marcelo Sola

drammaturgia e regia di Angelo Facchetti

(nell’ambito della rassegna “Un salto nel nullo” organizzata dal C.T.B.)

Sabato 30 giugno ore 18 – P.co la Rosa Blu – Via Nullo – Brescia

.

.

   GuittoMatto

Categorie: Teatro & Arte varia.