Goodmorning Brescia (121) – Teatro: bassa la pressione, altissime le aspettative

.

.

Finite le vacanze, anche se il clima somministra quotidianamente ancora suggestioni estive, riprende l’assiduo e fecondo confronto tra il Centro Teatrale Bresciano e i rappresentanti dell’informazione cittadina (una volta si diceva “stampa”, ma oggi sarebbe un termine alquanto riduttivo, vista la massiccia presenza di altre e più moderne vie di comunicazione) .

 

Una nuova partenza, entrata ormai a pieno diritto in quella “attività caratteristica” di promozione teatrale a ogni livello e ad ampio ambito geografico praticata dal CTB: quella di  «Impronte teatrali – Pressione bassa», stagione di spettacoli allocati in provincia, frutto della collaborazione con il Teatro Laboratorio e le amministrazioni di un numero sempre crescente di Comuni del bresciano.

.

.

31 spettacoli, 46 recite, 18 comuni coinvolti sono i numeri che la dicono lunga sullo spessore, sempre più rilevante, di questa iniziativa, possibile grazie anche al sostegno della Regione Lombardia –  Circuiti Lombardia Spettacolo dal Vivo.

I comuni coinvolti nella stagione che va a iniziare domani con la rappresentazione di «Novecento» e che, dopo Giorgio Gaber, sempre con la stessa opera, a chiusura di un circuito virtuoso, terminerà in aprile ,

«Abbiamo sempre posto, e porremo in futuro, particolare attenzione a ogni possibilità di positive sinergie»  è l’introduzione, dopo i saluti di rito, del Direttore Gian Mario Bandera.

«Sono ormai venticinque anni che questa importante e significativa kermesse teatrale va avanti, con numeri sempre soddisfacenti ma che. A partire dall’avvio della collaborazione con il CTP, hanno preso una decisiva accelerazione. Tra i comuni c’è, anno per anno una vivace alternanza che, però, gode della presenza di uno “zoccolo duro”  assai significativo. Per incrementare il già più che soddisfacente afflusso di pubblico registrato l’anno scorso, e per permettere l accesso di tutti, si è decisa una politica dei prezzi assolutamente contenuta con sbigliettamento ordinario a 8 € e ridotti a 5€, senza contare che, in alcune occasioni, la fruizione degli spettacoli sarà gratuita »  premette  Sergio Mascherpa, Direttore del Teatro Laboratorio nonché direttore artistico del Teatro Le Muse di  Flero.

.

.

«In presenza di un certo disallineamento delle strutture messe a disposizione dai comuni partecipanti al circuito, si è prestata particolare attenzione nell’allocazione dei singoli eventi in base alle possibilità tecniche ricettive degli impianti. Dal punto di vista delle scelte di merito, mi sento di affermare che, ferma restando una selezione basata su un’elevata qualità intrinseca dell’offerta,  paradossalmente (ma non troppo), la linea seguita da Pressione Bassa è una non linea, basata sulla peculiarità della richiesta e le preferenze espresse dal pubblico delle singole piazze»

.

Adesso, finito il momento di parlare, è arrivato quello di recitare (per gli attori) e di assistere agli spettacoli (per gli spettatori, non è difficile prevederlo, saranno moltissimi ed entusiasti.

E succederà tutto qui:

.

.

.

    Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Da Strindberg a Bergman, da «Oväder» a «Scene da un matrimonio» il viaggio svedese è interiore

.

   

(foto a destra di Umberto Favretto)

.

Non si tratta solo della partita a scacchi. Il “fil rouge” che collega August Strindberg, artista a tutto tondo, scrittore, poeta, pittore, drammaturgo e filosofo, con Ingmar Bergman, Maestro della cinematografia mondiale del ventesimo secolo, è molto più consistente.

.

  

.

Strindberg, artefice di capolavori di teatro “simbolico e psichico”, utilizza nei suoi lavori immagini di grande impatto simbolico, per rafforzare il concetto di solitudine delle anime elette, di coloro cioè, che dotati di intelletto superiore, restano inevitabilmente incompresi da una massa di inferiore livello mentale. Da ciò si genera un conflitto che Strindberg battezza hjärnornas kamp  (ovvero “lotta di cervelli”), nel quale l’elemento femminile risulta sempre prevalente rispetto a quello maschile e la massa prevale sempre  sull’individuo, arrivando alla fine a commettere il själamord (“omicidio psichico”) consistente nel furto della credibilità sociale attraverso l’azione corrosiva del dubbio.

Anche i personaggi creati da Ingmar Bergman sono individui che non si confondono (o vorrebbero non confondersi) nella massa indifferenziata. Nelle pellicole del grande cineasta di Uppsala, essi recitano e raccontano il proprio stato di solitudine eccentrica, di voci che preferiscono dialogare con se stessi, con il proprio io, con la propria psiche, con le proprie convinzioni ideologiche e religiose. alla continua ricerca di un’autentica identità.

Un uomo che deve aiutarsi da solo, perché, come dice Bergman stesso, «Viviamo talmente lontano da Dio che forse Egli non sente la nostra voce, quando imploriamo il Suo aiuto»

.

L’opera:

.

Il dramma fu scritto da August Strindberg nel 1907 e venne rappresentato per 23 repliche (peraltro non assistite da successo) all’ Intima Teatern.

La pièce, collocata temporalmente nel mese di agosto, narra la vicenda degli abitanti di un unico palazzo: protagonista è  “il Signore”, un funzionario in pensione, che riceve la visita di suo fratello, un procuratore, al ritorno dalla villeggiatura. Incuriosito dalla strana atmosfera che avverte nell’ambiente, oltre a informarsi sullo stato del fratello, a cinque anni di distanza dal divorzio, inizia a indagare su chi siano i coinquilini del primo piano: sono Gerda, l’ex moglie del “Signore” con la bimba avuta nel corso del matrimonio, e il suo nuovo consorte, uomo torbido che, all’interno dell’appartamento, ha messo in piedi una bisca.

Nel corso di un colloquio, il “Procuratore” convince Gerda a riprendere il colloquio con il “Signore”, alla quale la donna chiede aiuto per aiutarla a divorziare da Fisher (di cui comincia a temere l’indole violenta) senza che questi le porti via la figlia. Cosa che, invece, si verifica allorché Fisher fugge con la figlia del pasticcere (altro inquilino del palazzo). Gerda e il Procuratore partono alla ricerca del fuggitivo, mentre il “Signore” resta in casa con la cameriera Louise, meditando sul senso della propria esistenza.

C’è un lieto fine, ma c’è anche, soprattutto, una nuova consapevolezza da parte del “Signore” che, rivedendo la ex moglie realizza di avere (forse)  ripreso in mano il filo della propria esistenza. Sta arrivando ormai l’autunno e (forse) abbandonerà quella casa-eremo-prigione.

.

.

L’Autore:

.

     August Strindberg modernissimo tra i moderni

.

Nato a Stoccolma il 22 gennaio 1849 dallo  spedizioniere marittimo, Carl Oscar e dalla ex cameriera, Ulrika Eleonora Norling (alla quale va riferito il titolo dell’autobiografia pubblicata nel 1886 (appunto «Il figlio della serva») in cui Strindberg descrive un’infanzia difficile e disagiata. In realtà, anche se un sistema di rapporti di tipo patriarcale, un eccessivo rigore religioso e l’arrivo di una matrigna in seguito alla precoce morte per tubercolosi della madre, finirono per cerare un’atmosfera pesante che influì sulla formazione del giovane August, la famiglia era di estrazione e profilo borghese, tanto da disporre dei mezzi necessari per l’iscrizione alla Università di Uppsala. Qui Strindberg frequentò i corsi di medicina e di estetica che, però, abbandonò nel 1869 per dedicarsi all’attività di drammaturgo, sua autentica passione e vocazione. L’anno successivo un atto unico di sua composizione esordiv al Teatro Reale di Stoccolma.

La produzione di Strinberg, sia per quanto riguarda la drammaturgia che la narrativa, sempore alla ricerca di nuove forme di espressione e senza condizionamenti di tipo estetico, morale e sociale, rappresenta un’autentica novità, superando il realismo ottocentesco senza però lasciarsi condizionare dall’imperante pessimismo romantico e neo-barocco. 

Lo scrittore americano Eugene O’Neill, nel 1924, definisce August Strindberg «Precursore della modernità nel nostro odierno teatro e il più moderno fra i moderni».

Di lui Franz Kafka dice: «Non leggo Strindberg per leggerlo, ma per posare la testa sul suo petto».

André Gide lo annoverava fra i «Personaggi eminenti dell’umanità».

Per Ingmar Bergman, invece,  è  il «Compagno costante del suo impegno cinematografico».

.

.

Lo spettacolo:

.

Il cast di «Temoporale» al gran completo  (foto di Umberto Favretto)

.

La scelta della regia è quella della fedeltà.

Non solo al testo, ma anche allo spirito dell’opera e alle intenzioni dell’Autore.

Al momento di entrare in sala, gli spettatori trovano già la platea invasa da una leggera nebbia. Poi il brontolio dei tuoni, messaggeri dell’incombente temporale, che si rivelerà un Godot in negativo: fa avvertire la sua minacciosa presenza, minaccia di scoppiare, per tutta la durata della rappresentazione,  ma le nubi nere che oscurano il cielo restano sterili.

Le scenografie giocano con luci e ombre, colore e chiaroscuri. Rumori come il suono delle campane e lo squillo del telefono si alternano con sonate di pianoforte e canzoni cantate e smozzicate, ma l’atmosfera della narrazione resta: precisamente quella senza tempo del primo ‘900,  tra le contraddizioni del diciannovesimo secolo, divisa tra i sogni di progresso e benessere della Belle Époque e i deliri di onnipotenza imperiale, tra le miserie del secolo dell’industrializzazione e le tensioni che porteranno agli immani conflitti prossimi venturi.

In tutto ciò la recitazione degli attori, di tutti gli attori, è semplicemente perfetta.

In prima posizione, per quanto ovvio, interpretato alla grande da un ispirato Vittorio Franceschi, il “Signore”. Uno che ciò che c’era da sperimentare e vivere nella propria esistenza, lo ha già vissuto e sperimentato. Stremato dalla fatica di mettersi continuamente in gioco, ormai rassegnato alla progressiva decadenza fisica e mentale, spaventato dall’avvicinarsi inevitabile e inesorabile della fine, aggrappato, come tanti anziani, alla rassicurante presenza di una ancor giovane donna, la cameriera Louise (ai giorni d’oggi sarebbe una perfetta badante) che si occupa di lui senza  creare complicazioni relazionali.

«I sentimenti e le simpatie, non ci appartengono più» è il ferreo mantra del Signore,  auto-recluso nella Casa del Silenzio.

«E lentamente ci stacchiamo dalla vita come un dente dalla gengiva».

Di grandissimo impatto la trovata scenografica del fondale che, nell’epilogo,  scorre via, dissolvendo la casa e mostrando un lussureggiante giardino prossimo al sonno invernale.

Nella mia (e non solo mia) interpretazione, decisamente opposta a quella che a suo tempo ne diede il grande Strehler, a nulla serve, per cambiare l’inerzia della narrazione, il contraccolpo di dignità e coraggio che il Signore esprime nella sua ultima battuta. E il lampione della ragione illumina sì, qualcosa d’importante, ma si tratta appunto dell’accettazione (razionale e necessaria) dell’esito che ogni vita deve avere. 

Perché finalmente piove, sì, ma quella che scende dal cielo grigio è la pioggia lenta e triste che bagna i cipressi, i crisantemi e le lapidi dell’universale cimitero.

.

.

.

(vds. in argomento anche post del 26 gennaio 2017:  https://cardona.patriziopacioni.com/goodmorning-brescia-73-temporale-in-arrivo-al-teatro-santa-chiara/)

.
.

  GuittoMatto

Categorie: Teatro & Arte varia.