Nuvole di Parole (1) – Dylan Dog «Il terrore»

È sempre qualcosa di positivo introdurre e varare una nuova rubrica. Soprattutto questa volta, perché si tratta veramente di qualcosa di nuovo.

In «Nuvole di parole» si tratterà di una serie di recensioni di albi a fumetti, per ora senza una precisa cadenza periodica, curata da un grande appassionato di comics (che, per il momento, preferisce firmarsi con uno pseudonimo) ma  alla quale potranno collaborare  anche i visitatori del blog.

Pronti? Via! La pistola dello start fa BANG e si parte così…

*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°*°

IL TERRORE

Numero 370 della serie mensile Dylan Dog

Sergio Bonelli Editore – Luglio 2017

In edicola da fine giugno

Cosa:

Il vero incubo del Terzo Millennio non è costituito da mostri e creature dell’oltretomba, ma da una situazione mondiale ormai costituzionalmente in precario equilibrio sull’orlo dell’abisso. Dalle incertezze di una situazione economica sempre più difficile, di un contesto sociale in progressivo degrado, nell’ambito del quale le paure causate dal terrorismo e dal conflitto tra religioni e culture diverse, innestano un effetto volano capace di amplificare le tensioni sotterranee di una società che già è in palese sofferenza.

In questo quadro, nell’ottica sempreverde e sempre perversa del manzoniano “dagli all’untore!”, basta un equivoco per fare di un onesto ragazzo, senza grilli per la testa, l’obbrobrio, la minaccia da eliminare con qualsiasi mezzo e a qualsiasi costo.

Come:

«La strada per l’inferno è lastricata di buone intenzioni» affermò un certo pensatore tedesco che di nome faceva Karl e di cognome Marx.

La stessa cosa direi per questo lavoro di esordio della sceneggiatrice Gabriella Contu, evidentemente intenzionata a dare il massimo già in questa accoppiata soggetto/sceneggiatura che la vede esordire nella collana ammiraglia della Sergio Bonelli Editore.

Così, compressa nel limite delle 94 pagine illustrate con la consueta maestria dal disegnatore Giampiero Casertano, la storia arriva alle papille gustative del lettore un po’ come un minestrone (certamente commestibile, in certi momenti anche gradevole) nel quale i sapori dei vari registri narrativi si confondono fino a renderne impossibile un preciso riconoscimento: riflessioni sulla incongrua paura del diverso, spunti sull’idiozia della guerra e dei guerrieri da Dottor Stranamore, infatti, si intrecciano a gag alla Mister Magoo, a suggestioni alla Quinto Potere, evidenziando un fecondo humus il cui raccolto, però, sembra fatto venire su con il calore artificiale di una serra, anziché affidandone la crescita ai più naturali raggi del sole.

Premesso che ho trovato molto centrata e coerente con l’attualità l’idea dell’avvenimento di grande richiamo che attira nel centro di Londra migliaia di giovani, contribuendo a fare montare parossisticamente la tensione, c’è da dire che  alcuni passaggi (per esempio la direzione di un’importantissima operazione antiterrorismo affidata a un pensionato come Sherlock Holmes Bloch, semplice ispettore, tra l’altro) o l’improntitudine da Pulp Fiction (altro riferimento al grande schermo) dei tre killer che dovrebbero e potrebbero scatenare un massacro, sembrano francamente forzati.

Detto ciò, aspettiamo Gabriella Contu al prossimo appuntamento dylaniato, curiosi di capire se si trasformerà in farfalla (processo di trasformazione per il quale credo possieda tutti gli skill) o, ancora per un po’, rimarrà crisalide. 

Approfitto di questo primo articolo per proporre allo staff di Dylan Dog uno spunto di riflessione sul seguito da dare a una figura come quella dell’ispettore Carpenter (che proprio non riesce a prendere spessore) e sulla possibile love story interetnica tra la bella sergente Rania Rakim e Dylan che, al momento, appare come un abbinamento tra ciliege e cipolle.  

Sempre più belle e suggestive le copertine di Gigi Cavenago: questa, ameno, è una certezza.

 

Soggetto e sceneggiatura: Gabriella Contu

Disegni: Giampiero Casertano

Copertina: Gigi Cavenago

Lettering: Riccardo Riboldi

 

Categorie: Scrittura.