Goodmorning Brescia (148) – Ragazzi, è un uovo di Pasqua, non un pallone da rugby!

.

Ovviamente si tratta di una provocazione: al momento i nostri giovanbi sanno distinguere con una certa facilità, tra l’oggetto di cuoio (una volta) o di gomma (ora) e quello di golosa cioccolata, ma se le cose vanno avanti così…

.

.

A proposito di provocazioni: in questo il sagace Costanzo Gatta non è secondo a nessuno. Oggi, sul Corriere della Sera in edicola, il bersaglio della sua appuntita e tagliente ironia è costituito dall’affievolirsi e dal declinare delle più antiche e suggestive tradizioni pasquali di Brescia e dintorni.
Che fine ha fatto «la grande processione che, guidata dal vescovo, la domenica delle palme, dalla chiesa di San Pietro in Castello , scendeva verso il Duomo, e sembrava di vedere una selva di rami d’ulivo in movimento»?
Ancora ci sono fedeli a visitare i sepolcri, ma molti meno di quanti, con devozione, gremivano le chiese il giovedì santo, allorché anche gli uffici pubblici venivano chiusi per favorire la devota pratica di preghiera.
Chiese e cose di chiesa a parte, sono ormai quasi del tutto desuete e dimenticate altri usi domestici, dalle uova fresche di giornata (segnate con una crocetta per distinguerle dalle altre più vecchie) che costituivano l’ingaggio premiante per i ragazzi che si arrampicavano sui gelsi per raccoglierne la foglia, o su su, in cima al campanile, per fasciare le campane. Le altre uova, colorate a tinte vivaci, per creare un’atmosfera festosa, l’usanza di bagnare gli occhi dei più giovani con una pezza bagnata «per conservare la vista pura» e tante altre, in un clima in precario equilibrio tra il sacro religioso eil profano superstizioso del popolo più umile.

.

.

Per fortuna, in questo terzo millennio cinico e distratto, restano le uova sode col sapido e gustoso salame bresciano, tagliato a fette grosse.

.

.

E per favore, non calciate quel coso che qualcuno ha riposto sul ripiano della credenza: non è mica un pallone da rugby!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leonessa.png

Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.