Dalle ceneri

  “Sono cose che succedono” mi dicono gli amici che più mi sono vicini, cercando di consolarmi.

Già, come se fosse facile prendere atto di come, da un giorno all’altro, sedici anni di lavoro, di passione e di costante impegno possano consumarsi come un fuoco di paglia, scomparendo nel nulla.

Nel passaggio dal vecchio provider al nuovo, tutto, praticamente TUTTO quello che il sottoscritto aveva immesso in Rete (racconti, riflessioni, servizi, decine di migliaia di pagine e di foto) sono finiti in una specie di buco nero la cui malvagia presenza non potevo neanche sospettare e della cui inesorabile potenza ancora adesso tardo a rendermi conto.

Quello che è successo è inaccettabile e per me del tutto incredibile.

Il mio stato d’animo, tanto per rendere l’idea, è più o meno di quello di un pedone investito sulle strisce mentre attraversava la strada con il semaforo verde. Di uno che torna dalle vacanze e trova la propria casa devastata e depredata.

Chi mi conosce, però, sa che si tratta solo di uno stordimento temporaneo. Dunque…

Uno sguardo al passato

www.patriziopacioni.it nacque nell’ormai lontano 2001, costituendo un sicuro e accogliente punto di ritrovo non solo per lettori e amanti della letteratura, ma anche per tanti giovani scrittori che proprio dalla pubblicazione negli aggiornamenti del sito hanno iniziato il viaggio verso il successo.

Pensato come iniziativa meramente promozionale tesa a valorizzare e pubblicizzare la mia attività di autore, nel corso degli anni si è trasformato in un autentico e-magazine composto di sottosezioni in cui si trattavano, oltre a ogni possibile tipologia di manifestazione artistica e culturale, temi legati all’attualità, al costume, alla solidarietà e all’impegno civile.

Grazie al fortissimo impegno costantemente sostenuto da me e da alcuni strettissimi amici, e alla entusiastica partecipazione di articolisti esterni, nel corso degli anni si sono accumulati centinaia di migliaia di contatti che hanno permesso l’inserimento di molti degli articoli pubblicati ai primi posti delle statistiche dei principali motori di ricerca, un fortissimo impegno mio e di alcuni amici che si sono succeduti nella collaborazione alla redazione delle varie rubriche che componevano un autentico e-magazine on line, si sono cumulati, giorno dopo giorno, centinaia di migliaia di contatti.

Nel 2008, poi, è nato il blog, ispirato alla cupa città di Monteselva, residenza e riserva di caccia (a disonesti e malfattori) del commissario Cardona. Un diario quotidiano che, oltre a tute le informazioni in tempo reale sulla mia attività artistica e divulgativa, ha dato luogo alla nascita di fortunatissime rubriche, con l’avvento, due anni or sono di “Goodmorning Brescia”, zibaldone informatico attentissimo a eventi, particolarità, personaggi e problematice della Leonessa d’Italia.

In breve tempo la frequentazione del blog ha raggiunto una media di 15.000 visite al mese, con punte giornaliere di 800 contatti.

Da oggi in poi

Si riparte da zero, con più “voglia” e determinazione di sempre.

www.patriziopacioni.it rimane come archivio di ciò che dal disastro la perizia e l’impegno della nuova webmaster Orsola ha potuto salvare.

www.patriziopacioni.com diventerà (tra pochissimi giorni) l’indirizzo principale di un autentico portale da cui sarà possibile avere rapidamente e agevolmente accesso a tutte le iniziative della Rete a me collegate: il blog, il canale youtube, il profilo ufficiale facebook, la messaggistica di twitter, il google account e la “reperibilità professionale” di linkedin, lo store on line… e a tutto ciò di nuovo che ancora verrà.

 

Anteprima immagine    

C’è anche un nuovo indirizzo email: patrizio.pacioni@gmail.com, che prende il posto del vecchio “info”, disintegrato con tutto il resto.

Nuovo design, nuove impostazioni nuove iniziative.

    E la Fenice, superba e forte, rinasce dalle proprie ceneri, e torna a spiccare il volo.

Cosa aspettate ancora? Prendete le vostre cose e venite con me.

   Patrizio Pacioni

(Brescia, 1 aprile 2016 – first day of New Age)

Categorie: Da me a Voi.