https://cardona.patriziopacioni.com/wp-content/uploads/2016/04/12087042_1025346184220543_1828457325230727267_o.jpg

Parole scritte nella sabbia o scolpite nella pietra?

 

«Ci sono parole che dovrebbero essere scritte nella sabbia, in modo che le onde della risacca e il vento possano cancellarle in pochissimo tempo. Sono le parole della discordia, dell’odio, delle discriminazione, della violenza, del mancato rispetto di sé e del proprio prossimo» ha detto Patrizio Pacioni, conquistandosi l’attenzione, oltre che di cento e più ragazzi, anche di quella di professori e ospiti presenti.

«Per fortuna, però, ce ne sono altre, che descriono ed esaltano altri valori, quali la libertà, l’onestà, l’uguaglianza tra gli uomini, la solidarietà, il civile confronto: queste andrebbero scolpite nellapietra, una per una, perché rimangano in profondità e per lunghissimo tempo nella storia e nelle anime»  ha precisato, subito dopo.

 

 

 

 

Termina così, e con un invito agli studenti a collaborare, tutti insieme, per una eutanasia della mafia, insidioso cancro che cerca di impiuantarsi in ogni parte d’Italia, in ogni situazione, in ogni strato sociale, l’intervento dello Scrittore romano presso la scuola IIDD Carlo Alberto Dalla Chiesa di Montefiascone.

Un incontro-evento (organizzato con il patrocinio della locale Croce Rossa per la conduzione della dottoressa Antonia Lucchesi) vivacizzato dalla proiezione di slides e filmati di grande impatto emozionale, che ha visto due studentesse (Amina Mahmour ed Eleonora Menghini, entrambe della classe 4AEC – https://www.youtube.com/watch?v=pkzailrI6ck&feature=em-upload_owner4) cimentarsi nella lettura di un brano del dramma «Falcone e l’Olifante», scritto dall’Autore romano, che andrà in scena a Roma, per la prima volta, nel prossimo maggio. Si tratta della terza tappa dell’impegnativo percorso di “teatro d’inchiesta” che ha visto, e vedrà ancora, una stretta collaborazione con la Compagnia Stabile Assai di Antonio Turco, prima e più prestigiosa compagnia di teatro penitenziario nel nostro Paese.

  

  

Molto efficace, per un più attivo coinvolgimento dei ragazzi, è risultato l’invito che lo scrittore romano ha rivolto ai ragazzi affinché, scegliendo tra le frasi più suggestive e incisive di Giovanni Falcone e Paolo Emanuele Borsellino quella più vicina alla propria sensibilità, da tenere scritta su una pagina del diario, portassero a casa, oltre ai concetti e alle suggestioni, anche  qualcosa di tangibile e concreto.

  Valerio Vairo 

.

Categorie: Giorni d'oggi.

Con il Moai… più che una premiazione… è un presagio.

«La cultura non si vende né al metro né al chilo» disse / scrisse qualcuno e, personalmente, non posso che dichiararmi completamente d’accordo.

Di fatto, però, il mondo editoriale nazionale sembra voler fornire, giorno dopo giorno, elemento che vanno in direzione completamente opposta. Intendiamoci: che si stampi e si promuova ciò che si pensa il pubblico dei lettori possa gradire (e quindi comprare) di più non costituisce un peccato mortale. La cosa brutta, però, è che più o meno consapevolmente si cerchi di orientare i gusti dei consumatori verso un tipo di produzione letteraria costruita con lo stampino, secondo canoni rigidi che ne fanno un insipido alimento che si vorrebbe digeribile per gli stomaci di tutti.

Per fortuna, però, ci sono anche le cosiddette mosche bianche.

Iniziative editoriali che, pur nella comprensibile ottica se non di un pingue profitto almeno di una tranquilla sopravvivenza, riescono a coltivare anche una scrittura più popolare e genuina che spinge dal basso.

Case editrici, come la Serena, che si preoccupano di istituire, organizzare e portare a compimento concorsi letterari senza vincitore prefabbricato (chi ha orecchi per intendere intenda) che avvicinino per quanto possibile autori e lettori. Detto ciò, vedere con i propri occhi che la cerimonia di premiazione di un premio letterario  (intitolato in questo caso “Il mistero del Moai“) coinvolge nella festa un così grande numero di persone, convenute da ogni parte d’Italia nella più che suggestiva location dell’Antico Borgo La Commenda dei Santi Giovanni e Pittore in Selva (*) recuperata e valorizzata dall’ing. Luigi De Simone, non può che fare estremo piacere.

A introdurre e condurre l’evento, con la consueta spigliata professionalità, Barbara Telluri.

  

Serena e Raffaele D’Orazi, a nome della casa editrice, esprimono la piena soddisfazione della casa editrice, per la riuscita di questo primo concorso, sia in termini di adesioni che di qualità media degli elaborati. Poi spiegano l’origine della denominazione del concorso raccontando del Moai costruito a Vitorchiano da un gruppo di nativi dell’Isola di Pasqua che hanno costruito sul posto una scultura utilizzando il marmo peperino simile alla pietra utilizzata nella loro isola. Si dice che il Mohai porti bene… Ma guai a spostarlo dalla posizione in cui è stato posizionato!

Dopo i saluti dei qualificati membri della giuria (la professoressa Silvia Somigli, il professore  universitario Amerigo Bazzoffi e il giornalista-saggista Giuseppe Rescifina e dei numerosi e illustri ospiti arrivati da ogni parte d’Italia (compreso Patrizio Pacioni) si passa alla premiazione dei vincitori delle sezioni poesia e narrativa edita e inedita.

Insomma una grande festa di poesia, di narrativa, di cultura.

Più che una premiazione un presagio, si è detto nel titolo di questo articolo. Più che un presagio una certezza, mi correggo ora: quella che, nel prossimo anno, alla seconda edizione di questo concorso, si affiancherà qualcos’altro che non ha precedenti quanto a  concezione e struttura. Qualcos’altro che riguarda molto da vicino la nostra amata Monteselva.

Per ora non posso aggiungere altro, ma vi consiglio di seguire da vicino, da molto vicino, le pagine di questo blog: nel giro della prossima settimana, ne saprete molto ma molto di più.

.

(*)   L’antico borgo “ la Commenda” dimora storica del XII secolo, è ubicato nel cuore della Tuscia, a pochi chilometri da Montefiascone e dal lago di Bolsena. 

Immersa in un parco di 5 ettari ricco di alberi secolari, ulivi e vigneti, questa prestigiosa residenza (in cui ebbero modo di soggiornare personaggi del calibro del Pontefice Paolo III, di Giulia Farnese o di alcuni membri della nobile famiglia Doria Phamphili – per non dimenticare, in tema di scrittura, Annibal Caro, sommo traduttore dell’Eneide) è il luogo più indicato per trascorrere una vacanza in pieno relax.

Per “commenda”, per chi non lo sapesse, s’intende la gestione a tempo di beni immobiliari affidata da una Congregazione Religiosa a cavalieri o alti prelati.

La chiesa e i fabbricati a essa connessi (a poco più di un chilometro di distanza dalla Francigena) la cui prima costruzione risale al 1170, funsero da rifugio e dimora a numerosissimi pellegrini in viaggio per Roma. L’antico borgo “La Commenda” , dove avrete tra l’altro occasione di gustare le squisite pietanze e il vino genuino prodotto dalla società agricola Il Marrugio ,  è anche un punto di partenza ideale per raggiungere i luoghi di interesse archeologico e artistico di cui è ricca la Tuscia.

   Valerio Vairo

Categorie: Scrittura.