… meglio di cosIT non si può

Finalmente è arrivato anche in Italia.

 

 

 

Si parla di IT, naturalmente.

Esso. Il signor Penniwise., partorito nel 1986 dalla fantasia di sua maestà Stephen King.

Anche se, a pensarci bene, felicitarsi per l’arrivo sul territorio nazionale di un clown assassino, con gli occhi simili a due monete d’argento, dotato di denti lunghi e affilati come spade, non dovrebbe proprio suscitare un simile compiacimento.

 

Tutti sanno, però, che la paura in celluloide esercita un certo richiamo sugli spettatori, in particolare i più giovani e, soprattutto se il film è ripreso dal più celebre romanzo del più celebre scrittore horror, porta anche lauti incassi.

È andata esattamente così anche per «It» che, nel primo giorno di programmazione, ha battuto per numero di spettatori tutti gli altri film di genere usciti precedentemente nel nostro Paese.

Il sottoscritto, che ama Stephen King fin dagli esordi, passata la ressa del debutto, è andato a vederlo oggi. 

Intanto il film si riferisce alla prima parte del poderoso e ponderoso romanzo del Re del Maine. Quello relativo all’adolescenza dei personaggi che il destino mette a confronto con il mostro.

Intanto il film è realizzato molto bene sotto ogni punto di vista. Recitazione, sceneggiatura, immagini, fotografia, suoni ed effetti speciali.

Il pregio maggiore, però, è quello relativo alla trasposizione libro-pellicola, al tempo stesso fedele al testo originale e, a suo modo, indipendente e originale. Nella Derry del film, perfettamente ricostruita, si affastellano gli stessi problemi, gli stessi (innumerevoli) vizi, le (pochissime) virtù.

Fa paura il tremendo pagliaccio, certo, ma, ancora di più, fanno paura le miserie che, assai più numerose e assai più fetenti di ogni maledizione, impestano il tessuto sociale della piccola città.  Bullismo, incesto, brutalità contro uomini e animali, prepotenza, invidia, disonestà varie, percorrono le vie del borgo così come il Male naviga gli oscuri e maleolenti canali di scolo sotterranei che inghiottono il piccolo George e la sua barchetta di carta. Cosicché, a ben vedere, genera maggior ribrezzo di Pennywise il viscido padre della dolce, leggiadra e intrepida Beverly.

Ottimamente reso l’adrenalinico finale, che nella trasposizione cinematografica, a mio avviso, in cui per una volta nella vita, il Bene sembra avere la meglio (forse) è ancora più comprensibile e avvincente di quanto non avvenga nel libro.

 

Data di uscita in Italia: 19 ottobre 2017
Paese: USA
Durata 135 minuti
Distribuzione: Warner Bros
Regia: Andrés Muschietti
Scritto da Stephen King
Produttori: Seth Grahame-Smith, Barbara Muschietti, Dan Lin, Roy Lee, David Katzenberg
Sceneggiatura: Cary Fukunaga, Gary Dauberman, Chase Palmer
Cast: Bill Skarsgård  Finn Wolfhard, Jaeden Lieberher, Nicholas Hamilton, Owen Teague, Sophia Lillis, Jackson Robert Scoitt, Megan Charpentier, Stevenm Williams, CHosen Jacobs, Wyatt Oleff, Jeremy Ray Taylor, Jack Grazer, Jake Sim, Logan Thompson

Categorie: Teatro & Arte varia.