Strada leggendo – Il giudice Albertano e il caso dei colori assassini (Enrico Giustacchini)

Dopo “Il caso della fanciulla che sembrava in croce” e “Il caso dell’uomo pugnalato fra le nuvole“, torna Enrico Giustacchini, giornalista, critico e (appunto) romanziere, con il terzo romanzo che vede protagonista il giudice Albertano da Brescia.
La trama: il giudice Zenobio Benacense viene minacciato di morte e i suoi servi muoiono in modo sospetto. Albertano viene sfidato, dall’assassino, a smascherarlo. Due giudici, alle prese con il “Liber Lapidum” del vescovo Marbodo Redonense. Quattro ospiti, nella casa del giudice Zenobio, nel freddo inverno sul lago di Garda.
Il presunto omicida gioca con i colori, che hanno un significato preciso. Possono forse uccidere?
L’autore ci parla poi di gemme preziose, dal potere particolare.
Fra mantelli neri e borghi immersi nell’oscurità,  si discute di impronte nella neve, di indizi e di sospetti, di porte e chiavistelli.
Chi è da proteggere e chi da smascherare?
Fino a che, tutto si confonde e si mescola. Si delinea l’architettura di un piano quasi perfetto. Una vendetta inaspettata ma lasciata sedimentare a lungo.
Niente è come sembra …
Un ambiente ristretto, per un giallo efficace e ben strutturato.
Enrico Giustacchini, scrittore appassionato della storia bresciana.
Libro arricchito di schemi, disegni e preziose informazioni.
Ve lo consiglio.
Titolo Il giudice Albertano e il caso dei colori assassini
Autore Enrico Giustacchini
Editore Liberedizioni
Anno                          2016
Pagine 160
Prezzo  14 €
 Isbn                             9788898858507
     Federica Belleri
Categorie: Scrittura.