Ex Libris (10) – Attila e l’elogio dell’imperfezione… in rosa

Igor Attila è un poliziotto, più precisamente un commissario,

Igor Attila sta vivendo una fase molto difficile della sua storia d’amore con Titta, maschio come e quanto lui, perché il commissario è serenamente gay.

Un connubio ormai consolidato, ma logoro, causa di pene amorose che stanno facendo lentamente di Igor Attila (etreno peter Pan restio ad assumere su di sé responsabilità “sentimentali”) un futuro alcolizzato calvados-dipendente.

Sì, proprio il calvados, un’acquavite di sidro di mela, la stessa bevanda preferita dal suo celeberrimo collega francese, Maigret.

Diverte i suoi lettori e si diverte Paolo Foschi, descrivendo gli strampalati componenti della fantomatica sezione “crimini sportivi” che fa capo alla Questura di Roma e che proprio dal commissario Attila è diretta: uomini e donne pieni di difetti, piccole manie e tic, insomma del tutto imperfetti, proprio come il loro capo.

 Si compiace, l’Autore romano (e romanista), delle bizzarre divagazioni di Attila, perennemente svagato e distratto, ma alla fine. magari con un pizzico di fortuna, sempre (o quasi sempre) capace di portare felicemente a termine le indagini che gli vengono affidate.

Dissemina le sue storie di situazioni grottesche, ma anche di dettagli intimi di vita utili a meglio mettere meglio in rilievo le caratteristiche personali dei protagonisti principali e secondari.

Si esibisce in giochi di parole (tanto per citarne uno: il pugile coreano che sul ring di una finale olimpica ha sconfitto Igor Attila, procurandogli il più grande e persistente cruccio dell’intera esistenza, si chiama Setepjo Te Kork) capaci di increspare le labbar di chi legge in un rilassato sorriso.

Si compiace, a quanto si dice di battezzare con i nomi dei propri veri amici agenti di polizia, magistrati, avvocati, assassini e vittime dei suoi romanzi.

Tutto ciò, però, mantendendo uno stile di scrittura immediato e coinvolgente e senza mai rinunciare, neanche per un attimo, a costruire e ben articolare  meccanismi narrativi complessi e conformi ai canoni della scrittura gialla.

Insomma, visto che quando si recensisce un libro, particolarmente un romanzo, qualcosa della trama bisognerà pur accennare, sappiate che il mistero al centro dell’inchiesta del commissario Attila è la morte in allenamento, proprio pochi giorni prima dell’inizio del Giro d’Italia, del campione Paolo Fallai. Se la domanda è: “Ma è morto per un banale incidente, oppure perché qualcuno… ?”,  sia chiaro che io terrò le labbra chiuse e non rivelerò nulla, neanche sotto tortura. Dunque, per scoprire la verità, non vi resta che arrivare fino all’ultima pagina di “Omicidio al giro” .

Vi garantisco che sarà una “tappa” molto gradevole da percorrere, per tutta la sua lunghezza, ovvero dalla partenza fino al traguardo.

Titolo: Omicidio al giro

Autore: Paolo Foschi

Editore: Edizioni E/O

Collana: e/originals

Anno: 2015

Pagine: 160

Prezzo: 14,50 €

ISBN: 9788866326120

 

 


Paolo Foschi, nato a Roma nel 1967, è giornalista al Corriere della Sera. Nel 2013 ha vinto il 47° Concorso letterario nazionale del Coni con il romanzo d’esordio, Delitto alle Olimpiadi, cui sono seguiti Il castigo di Attila, Il killer delle maratone e Vendetta ai Mondiali, tutti pubblicati dalle nostre Edizioni.

 

x

   Il Lettore

Categorie: Scrittura.

Goodmorning Brescia (22) – Olga e il bello delll’integrazione

Se c’è una città in cui l’incrocio tra culture, religioni e caratteristiche etniche raggiunge la massima intensità, beh, è proprio Brescia.  Dunque, se c’è una città nella quale poteva essere presentata l’uscita di un libro come Favole Ucraine -Українські казки, di Olha Vdovychenko, altra non può essere che Brescia.

L’evento si è tenuto martedì sera alla Libreria Rinascita, alla presenza di un folto pubblico tra il quale potete scorgere, in una delle foto immediatamente sottostanti, anche una faccia piuttosto nota ai frequentatori di queste pagine.

foto qui.

  

Raccolta di antiche fiabe ucraine, riportate fedelmente o rielaborate, edite nella doppia versione lingua originale-italiano.

Un’operazione la cui vera portata e il cui autentico valore aggiunto ho pienamente compreso solo nel momento in cui un paio di esse sono state lette da Olha (oppure Olga, fate voi) ad alta voce: sonorità diverse, un effetto di grande suggestione. Un mondo diverso in cui però sono diversi i nomi di personaggi, luoghi e cose, ma non la furbizia, non le atmosfere agresti, non la struttura degli aneddoti farciti di saggezza e di malizia prettamente contadina.

Notevole la parte grafica fusione tra il testo e l’illustrazione opera di Natalya Koshlaki e adattata graficamente da Chiara Squassina della CDS Graphica che ha curato tecnicamente questa operazione culturale di ampio respiro. Notate, nelle foto che seguono, le fantasiose tavole realizzate secondo l’antica tecnica Petrykivca, pittura a puntini in cui prevalgono il rosso e il nero.

  

“Conoscere il nuovo senza dimenticare le radici” è il pensiero espresso da Milly Ghidinelli, brillante conduttrice e intervistatrice.

“Dio punisce chi si dimentica delle proprie origini” rincara Olha.

“Ho scritto questo libro anche per restituire qualcosa al Paese che mi ha accolto. Arrivai in Italia per partecipare a un corso di esperanto e sono qui da ormai trent’anni” aggiunge poi, visibilmente commossa.

E, a proposito dell’esperanto, all’evento presso la Libreria Rinascita ha presenziato anche Giuseppe Fraccaroli, presidente dell’associazione esperantista di Brescia.che ha sinteticamente illustrato le qualità ideali e l’utilità funzionale di quella che può essere definita una vera e propria lingua-ponte.

 

Fraccaroli non si è lasciato sfuggire l’occasione per ricordare che proprio la Leonessa ospiterà la manifestazione in cui, il 14 aprile del prossimo anno, si ricorderà il centenario della morte di  Ludwik Lejzer Zamenhof, medico, linguista e glottologo polacco. Il nome esperanto deriva proprio da uno dei suoi pseudonimi.

Titolo : Українські казки / Favole ucraine

Autore: Olha Vdovychenko

Testo in italiano curato da: Manuela Vaccari

Illustrazioni: Natalya Koshlaki

Edito da: CDS Graphica

Pag: 111

Prezzo: 15 €

ISBN: 978-88-908566-4-8

   Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.