Goodmorning Brescia (165) – Mostri di fuori vs. mostri di dentro

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan.jpg  Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan2.jpg

.

Palazzo Martinengo delle Palle.

Diciamocelo francamente, il nome della location, preso nel suo complesso, è un po’ strano, un singolare ibrido tra frivolo, kitsch e freak

Dopo aver rimirato la classica facciata e una volta all’interno, però, il palazzo e la elegante sala del Camino, che questo pomeriggio ha ospitato «Tutti i mostri di Dylan Dog»  inserito nel ciclo «FuoriNorma» – progetto pensato e organizzato da Somebody Teatro delle diversità, però, rendono giustizia al prestigioso blasone di famiglia.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan4.jpg Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan5.jpg

.

Soprattutto, i tantissimi bresciani che gremiscono la sala (in ogni ordine di posti, come dicevano i cronisti di una volta), si rendono conto che di palle non se ne dicono: l’evento, condotto dalla spigliatissima giornalista radiofonica Giusi LegrenziHo esperienza di scrittura e scrittori, ma non di fumetti, e questo dettaglio si attaglia perefttamente allo spirito FuoriNorma che anina questa serie di eventi» premette) parte, procede e finisce sollecitando l’interesse e la curiosità di tutti i prenseti, mischiando a spunti ironici e toni distesissimi, importanti informazioni sul mondo dei comics (quello di Dylan Dog, appunto, ma non solo), dei suoi personaggi e di molti suoi retroscena. 

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Barba2bis.jpg

.

Così veniamo a sapere delle vivaci ma creative baruffe tra Paola e Corrado, quando capita di lavorare insieme alla creazione di una storia; del fatto che per quanto riguarda linea e nuovi sviluppi del fumetto, ciascuno può dire dice la sua, certo, ma alla fine decide sempre Lui, cioè il grande vecchio Tiziano Sclavi; si entra più nel personale dei tre artisti presenti, venendo a contatto con la pacata razionalità di Gigi Simeoni (curatore dell’evento), con gli spigoli caratteriali e l’ironia corrosiva da “cattivo ragazzo” di Corrado Roi, si scherza (ma non troppo) sulla sovraesposizione da social dell’autrice di “Bilico“, “Mani nude“, “Il filo rosso”, “Non ti faccio niente“, “Io so chi sei” e “Zoo” (《Se non l’unico, senz’altro il più agevole mofo che ho a disposizione, in presenza di un’attività frenetica sia come scrittrice che come madre, per reatare connessa con il mondo》 si schermisce Paola Barbato, definendosi, più che una indagatrice dell’incubo, «una indagatrice del dubbio» )

Inevitabilmente salta fuori anche il primo (francamente mal riuscito) tentativo  di portare il giovanotto in giacca nera e camicia rossa sugli schermi cinematografici.

Colpa dell’eccessiva americanizzazione del personaggio» è il parere di Paola Barbato, che poi spiega: «sono convinta che il prossimo, già in produzione, più “italianizzato” andrà molto meglio》.

Gigi Simeoni spiega il successo ultratrentennale di Dylan Dog con la circostanza che al favorevole abbrivio di un posizionamento iniziale in un vuoto presente all’epoca nel fumetto italiano (così come avvenuto -ancor prima- con Tex) è seguito un lavoro di produzione narrativa che, oltre a narrare storie originali e avvincenti, ha abbinato alle trame citazioni di conoscenza comune e trasversale, facilmente riconoscibili da ogni fascia di lettori.

Corrado Roi fa presente come, nonostante i molti de profundis indirizzati ai comics italiani, si stia registrando un ritorno dei giovani lettori e appassionati.

Poi. portato nella sala all’interno di una cassa sinistra quanto basta, spunta fuori in carne e ossa (forse sarebbe meglio dire in occhiali e baffi)  la spalla comica del meditabondo eroe di Craven Road, ovverosia quell’inesauribile macchina di battute e riflessioni (più quest’ultime delle priome, anche se potrebbe sembrare il contrario) che risponde al nome di Groucho. A interpretarlo, con buona verosimiglianza e straordinaria immedesimazione, un Luca Bassi in stato di grazia.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Barba3.jpg

.

Quanto basta per scaldare al calor bianco un’atmosfera già calda e arrivare al saluto finale dell’inesauribile Beatrice Faedi, autentica anima di FuoriNorma.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dylan3.jpg

.

Palesemente soddisfatta della riuscita di questo round, annuncia l’attesa esibizione dak vivo dei talentuosi allievi della Scuola del fumetto di Brescia.

 

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leonessa.png    Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Goodmorning Brescia (161) – Entrare a teatro per uscire da una noiosa routine

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FuoriNorma2.png

.

Una conferenza stampa affollata di giornalisti e davvero… fuori norma, quella che si è tenuta nel primo pomeriggio presso la Sala Giunta di Palazzo Loggia, con la presenza di surreali e accattivanti maschere viventi.

Del resto è ormai nota a tutti l’originalità della rassegna che da quattro anni si innesca nel ricco calendario bresciano di prosa.

Si parla di

GIORNATE FUORINORMA 2019
26 Ottobre, 7, 8, 9, 10, Novembre
CHE MOSTRO CHE SEI!
Guardarsi ed essere guardati tra fragilità paura e nuove scoperte.
Teatro, danza contemporanea, workshop, incontri, attività per ragazzi, musica, happening intorno ad arte e diversità

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FuoriNorma3.jpg

.

Apre gli interventi Felice Scalvini, Presidente della Fondazione ASM.

«Più che una conferenza stampa sembra una performance, pienamente in linea con lo spirito che anima Fuorinorma !» non può fare a meno di mettere in risalto, ricordando che fin dall’inizio di questa manifestazione ASM non si limita a collaborare con gli organizzatori, ma dialoga con loro, nel comune intento della valorizzazione in città e dintorni del teatro sociale d’arte.

«Sono tre anni che il CTB collabora con questa manifestazione con assoluta convinzione, come dimostrato dall’inserimento di uno degli spettacoli che compongono la rassegna all’interno del cartellone “ufficiale” della corrente stagione» ribadisce il direttore del CEntro Teatrale Bresciano, Gian Mario Bandera.

Giuliana Bertoldi, Consigliere della Fondazione della Comunità Bresciana, mette in risalto l’accuratezza con la quale è stato realizzato ogni dettaglio della rassegna, a cominciare dall’opuscolo divulgativo che, dietro un’apparente semplicità, si vuol rivelare un potente di tutte quelle energie solidali e culturali che scorrono nella città.

Marco Piccoli, Vicepresidente della Fondazione Sipec, sottolinea come sia l’inquietudine (intesa nell’accezione più positiva del termine) il “motore” che muove e rende significative tutte le giornate Fuorinorma. Per poi concludere con una suggestiva citazione:  «Essere percepiti ogni giorno come uguali è la più severa condanna all’invisibilità».

Nel suo intervento, Domenico Bizzarro, Presidente della Cooperativa Sociale la Rete, ragiona su una frase che dovrebbe essere molto più di uno slogan : «Ci si spende molto nella ideazione e nella creazione di nuove ionixziative, ma poi non ci si cura abbastanza di monitorare e curare quotidianamente i rapporti interpersonali. In altre parole: meno inaugurazioni e più manutenzioni!»

È di Beatrice Faedi, com’è giusto che sia, la “parte del leone”.

«Non fatico ad ammettereche senza il supoporto di Enti e Istituzioni, gli eventi di Fuorinorma, semplicemente, non potrebbero avere luogo» confessa l’esponente di Somebody Teatro delle Diversità.

«Quella che si presenta alla partenza è un’edizione molto corposa, dunque anche rischiosa» premette, prima di passare all’esposizone degli appuntamenti in programma.

«Si comincerà il 7 novembre con un debut»segna ci sarà poesia, dunque, ma anche recitazione, ballo e musica. Segnalo, tra gli altri, l’evento “fumettistico” (ma non solo)  “Tutti mostri di Dylan Dog”  (con la partecipazione del grande disegnatore Corrado Roi e le due dark lady della dei testi, Barbara Baraldi e Paola Barbato. che sta già incontrando un interesse persino inatteso nelle dimensioni in cui si sta registrando».

La conclusione è un numero, precisamente il 3.000 che narca le presenze registrate nelle quattro giornate della scorsa edizione.

Un nunero che, se conosciamo un po’ Beatrice, è sua ferma intenzione migliorare ulteriormente quest’anno.

Alla chiusura e al saluto di commiato (così come aveva provveduto a introdurre la riunione-stampa) provvede il vice sindaco Laura Castelletti.

«Somebody Teatro e Fuorinorma sono energia pura, qualcosa che rende possibile a Brescia porsi al centro di un certo tipo di riflessione a livello nazionale sul riconoscimento delle differenze e delle fragilità e dell’intuizione su come soddisfare certi bisogni da esse derivanti».

E. come (im)prevedibile, per la gioia dei fotografi, lo scatto di gruppo finale.

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FuoriNorma5.jpg

.

..

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è leonessa.png     Bonera.2

Categorie: Giorni d'oggi.

Nuvole di parole (7) – Dylan Dog «Il bianco e il nero»

x

Ancora insieme la fantasia di Paola Barbato (soggetto e sceneggiatura) e le matite di Corrado Roi, ma, questa volta, la storia non è per tutti.

La vicenda vede di nuovo a confronto il diletto Indagatore dell’Incubo e il malvagio, torvo e tenebrosissimo Uomo Nero. Solo che, stavolta, si tratta di un duello psicologico più che muscolare, con le insicurezze di Dylan che si fanno ancora più scoperte e profonde contrapposte alla crisi genitoriale del Mostro il cui pargolo imbelle non vuole saperne di imboccare, con decisione ed efficacia, la via maestra del Male.

Paola Barbato è bravissima, come sempre, a delineare passaggi psicologici complessi, a sottolineare per tutto la durata della narrazione quanto possa essere sottile e ingannevole il confine tra ciò che è veramente bene e ciò che veramente è male.

L’impressione, in tutta onestà, è che in questa occasione, però, l’impresa risulti alla fine superiore alle sue pur riconosciute quanto indiscutibilmente elevate qualità creative: al punto che alcune battute, nelle intenzioni paradossali e provocatorie, sfiorano grottesche. Risultato voluto, probabilmente, ma rischioso in quanto difficile da digerire per parecchi tra gli abituali fruitori della collana. In più, la sostanziale e perdurante stasi di una trama nel corso della quale, praticamente, non succede niente d’importante, finisce per allentare l’attenzione del lettore.

E intanto il buon Corrado Roi, pur esibendo la sua raffinata arte d’illustratore, intessuta dal solito sapiente mix di ombre e di penombre, non riesce a legarsi con sufficiente convinzione all’atmosfera e allo spirito della narrazione e… se ne va per conto suo.

Così, alla fine, c’è il rischio che qualche ostinato, irriducibile seguace della prima tradizione orrorifica di DD, salti su a chiedere e a chiedersi:  «Ma adesso che è finita la seduta di psicanalisi… arriveranno i mostri veri

Arriveranno, arriveranno. 

Basta aspettare.

Titolo: Il bianco e il nero

Soggetto e sceneggiatura: Paola Barbato

Disegni: Corrado Roi

Copertina: Gigi Cavenago

Lettering: Omar Tuis

Pagg.98

9 771121 580009

Prezzo: 3,50 €

Numero 372 della serie, in edicola dal 29/08/2017

Categorie: Scrittura.