Post It (20) – Recuperare il clamore e il valore del silenzio

.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PostItGrigio.jpeg

.

Questa mattina sono stato al funerale di una persona “famosa”, una donna intraprendente, indipendente e coraggiosa.
È stato davvero bello ed edificante vedere una città mettere da parte l’indifferenza di cui ogni città si ammanta ogni giorno per stringersi con affetto attorno a una propria figlia che non c’è più.
Ancora una volta, però, non mi hanno coinvolto (né convinto) quelle manifestazioni esteriori più rumorose e appariscenti che accompagnano ormai abitualmente cerimonie come questa; reazioni viscerali, dunque senz’altro autentiche, ma più efficaci, a mio avviso, a distogliere il pensiero dalla realtà immodificabile e sconcertante della caducità dell’esistenza umana, che a manifestare un autentico cordoglio.

Quando sarà il mio momento (e qualcuno mi ha detto che prima o poi quel momento arriverà anche per me) vi prego di farmi il più prezioso dei regali: un prolungato, profondo, rispettoso e riflessivo silenzio.
Aggiungendo, da parte di chi crede, una preghiera.

E i vostri applausi, per favore, riservateli al teatro o allo stadio (ma non durante il minuto di silenzio).

.

.

Perché, potete credermi, è perfettamente inutile battere freneticamente le mani, fino a spellarsele: se c’é una cosa certa (come la Morte, appunto) è che la Grande Mietitrice non si spaventa per il fragore di un applauso.

.

.

Valerio Vairo

Categorie: Giorni d'oggi.