Ex Libris (25) – La bella vita?A volte uccide.

.

Dopo il viaggio “nazionale” e di formazione narrato ne «Il treno di Ignazio» arriva quello “internazionale” relazionale e sentimentale de
«L’ombra dei pesci» (AltroMondo Editore – 160 pagine – prezzo 14 € – ISBN 978-88-3330-064-1), nuova fatica letteraria di Giuseppe Raspanti.  Uno scrittore dotato di penna feconda e di buona vista, sia per ciò che attiene all’ambiente e al campionario umano in cui si trova a vivere e ad agire, sia per quanto riguarda l’immersione nelle profondità della propria anima e, attraverso questa, in quelle altrui.

Una storia già vista e già sentita chissà quante altre volte, in apparenza: una donna che riemerge dal passato, due uomini, che ancora l’amano, storditi e travolti dall’inatteso ritorno. La competizione con l ‘altro e con se stesso, in una corsa comune, più o meno consapevole, verso il dirupo di un cupio dissolvi, attraversando la distruzione di tutto ciò che si è faticosamente costruito e l’abiuria di affetti e valori consolidati per seguire le orme impalpabili di un sogno.
Tutto comincia dalla fine, cioè dalle ultime incombenze relative a un funerale. 《 Lo so: un giorno questa bellissima vita mi ucciderà 》pensa il protagonista, ma più che di una riflessione si tratta di una sorta di oscuro presagio.

L’interrogativo (o meglio: uno degli interrogativi) che, tra le righe, si pone l’Autore, però è più sottile: siamo certi che la morte rappresenti solo ed esclusivamente una specie di interruzione definitiva di corrente? E se fosse anche il raggiungimento di un traguardo tenacemente perseguito, invece?

Poi, con il progredire delle pagine, si torna indietro nel tempo, appena quarantacinque giorni (ma quando c’è di mezzo l’oscura Mietitrice, con il conseguente passaggio dall’essere al non essere, può sembrare un secolo). 

Un romanzo, quello di Raspanti, in cui ciò che più importa ed emerge non è tanto il racconto, quanto il “modo” di raccontare. Prosegue, da un libro all’altro, quel lavoro di cesellatura della parola, di frammentazione del tempo, di elucubrazioni ad albero capaci di portare lontano anche dalla trama stessa, in un mondo alternativo di tutti e di nessuno che ciascuno può interpretare e vivere come meglio lo aggrada.


Un libro non per tutti, per accostarsi al quale è necessaria una buona dose di curiosità della vita e, diciamolo, di conoscenza culturale e letteraria. E proprio in questo sta il suo fascino, come in un bicchiere di vino sapientemente invecchiato da un consistente numero di anni. Roba per intenditori, insomma. 

.

.

Il Lettore

Categorie: Scrittura.